domenica, 29 novembre 2020


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

vendee globe    giancarlo pedote    windsurf    trofeo jules verne    sodeb'o    orc    vela    cambusa    fincantieri    press    aziende    ambiente   

GC32

GC32: a Palma Oman Air "mata" Alinghi

gc32 palma oman air quot mata quot alinghi
Roberto Imbastaro

Oman Air ha vinto la 38 Copa del Rey MAPFRE, terzo evento del GC32 Racing Tour 2019, al termine di un ultimo giorno di battaglia con gli arcirivali di Alinghi. Dopo aver dovuto cedere al team di Ernesto Bertarelli al recente Campionato del Mondo GC32 di Lagos, il team omanita guidato da Adam Minoprio si è preso una bella rivincita in acque spagnole. “Vincere a Palma era importante per riprendere confidenza.” Ha detto lo skipper neozelandese, il cui team con questa vittoria si porta in testa al GC32 Racing Tour 2019 a pari punti con Alinghi. “Sarà lotta fino all’ultimo, ci era dispiaciuto non averli fatti lavorare di più per il titolo mondiale, quindi è bello averli battuti qui.”

Anche se Alinghi era, ovviamente, deluso di aver perso un’occasione lo skipper Arnaud Psarofaghis ha detto di essere comunque contento delle prestazioni del suo team. “Nella battaglia finale c’è stata una lotta a due, e a metà giornata siamo riusciti a rientrare su Oman Air con due vittorie, ma poi loro sono stati molti forti nelle ultime due. E’ molto divertente regatare contro di loro, e sono certo che sarà lotta fino alla fine della stagione.”

Il terzo team a salire sul podio a Palma è stato il Red Bull Sailing Team, un risultato che per lo skipper Roman Hagara è un obiettivo raggiunto. “Il podio era quello che volevamo, siamo migliorati decisamente dall’inizio stagione.” Ha detto il due volte medaglia d’oro olimpica austriaco. “Sono orgoglioso della prestazione, molto continua che abbiamo fatto vedere qui.”Sono state le parole di Hans-Peter Steinacher, co-equipier di Hagara da sempre, che tuttavia crede ci  sia ancora spazio per migliorare. “Con un equipaggio nuovo non è sempre facile combattere contro team che navigano insieme da anni. Ma è chiaro che siamo crescendo.”

Al quarto posto ha concluso Zoulou, l’unica barca a Palma con un armatore-timoniere, il francese Erik Maris. “Mi ricorderò con piacere di questa Copa del Rey: condizioni perfette, belle regate, non vedo come avrebbe potuto essere meglio in termini di ambiente, luogo, condizioni e gestione della regata. Il comitato, come sempre, ha fatto un lavoro eccellente e finire quarti in un flotta come questa è un ottimo risultato. E poi siamo migliorati giorno dopo giorno, che è un dato positivo.”

Su ogni tipo di barca è importante passare molto tempo a bordo, ma l’esperienza e il lavoro di squadra sono ancora più importanti su un catamarano foiling. E questa era solo la seconda volta che l’australiano Keith Swinton era al timone di un GC32, e l’ultima volta fu ben tre anni fa. “Lo standard è molto più alto che in passato, ma ho riscoperto quanto sono divertenti queste barche.” Ha detto Swinton, che a Palma era al timone di Black Star Sailing Team dello svizzero Christian Zuerrer, al debutto alla Copa del Rey MAPFRE. “Ci mancano ancora i dettagli di come settare al meglio la barca, come usare il trim del timone, per esempio. Puoi guadagnare molto se lo fai bene, ma puoi perdere moltissimo se lo fai male.” Lo spagnolo Iker Martinez e il suo equipaggio M&G Tressis Silicius hanno colto tutti di sorpresa nella prima regata del pomeriggio, riuscendo a infilarsi nell’ultimo lato di bolina e tagliando davanti a tutti. Grandi festeggiamenti a bordo, quando gli iberici sono riusciti a battere tutti i grandi team. Ed era proprio quello di cui l’olimpionico spagnolo, il suo team e gli sponsor avevano bisogno, dopo tanti alti e bassi. “Nelle prime prove di giornata, quando abbiamo energia, siamo veloci in partenza.” Ha spiegato Martinez. “Il vento era ballerino e le condizioni difficili, forse un vantaggio per noi, che navighiamo tanto a Palma. Alinghi e Oman Air si controllavano, e noi siamo stati fortunati a riuscire a infilarci.”

“Una vittoria che vale come un enorme grazie ai nostri sponsor, dopo questa settimana di problemi. Abbiamo perso il boat captain per infortunio propio prima della regata, poi abbiamo rotto il bompresso, ma grazie a Red Bull siamo riusciti a rientrare. Poi abbiamo rotto una sartia e abbiamo perso tutte le prove del secondo giorno, ma Oman Air ci ha aiutato con un ricambio. E’ stata una settimana difficile, ma ci siamo divertiti, e finire con una vittoria è stato perfetto.”

Tutti gli equipaggi si sono ritrovati per la cerimonia di premiazione della 38 Copa del Rey MAPFRE al Ses Voltes vicino alla cattedrale di Santa Maria di Palma, presieduta da S.A.R. il re Felipe VI di Spagna, appassionato velista. 

Prossima tappa del  GC32 Racing Tour sarà la GC32 Riva Cup, a Riva del Garda, dall’11 al 15 settembre prossimi.

 

 


04/08/2019 17:02:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Vendée Globe: ancora non chiari i problemi di Hugo Boss; acqua a bordo (risolta) per Pedote

Hugo Boss procede lentamente e gli ingegneri sperano di poter riparare il danno in corsa. Per Pedote un'infiltrazione d'acqua dovuta ad una trappa del ballast

Vendée Globe: Thomson si ferma per tentare la riparazione

Guai grandi e piccoli per tutta la flotta. Anche il leader, Thomas Ruyant è dovuto salire in testa d'albero

Alghero: per 110 studenti il battesimo della vela

Il Covid non ferma la vela, ad Alghero 100 studenti hanno debuttato in barca

Vendèe Globe: match race tra Dalin e Ruyant verso l'Indiano

Per Pedote un 13° posto nel gruppo degli inseguitori. Un controllo alla barca rivela che è assolutamente pronta per il Grande Sud (foto on board Prysmian Group)

Vendée Globe: la calma è la virtù dei Pedote

Il nostro Giancarlo Pedote sta procedendo bene e senza scosse e guadagna posizioni. Ora è decimo a 646 miglia dal leader e viaggia spedito a più di 20 nodi

Europeo Windsurf RS:X a Vilamoura (POR)

Cinque azzurri presenti, tre uomini e due donne. Mattia Camboni, Daniele Benedetti e Carlo Ciabatti nella flotta maschile.Marta Maggetti e Giorgia Speciale in quella femminile

Trofeo Jules Verne: Coville vola, Cammas si ritira

Thomas Coville su Sodebo Ultim 3 continua la sua discesa dell'Atlantico del Nord in questo sabato mattina, scivolando a oltre 30 nodi mentre Franck Cammas sta rientrando a Lorient dopo aver urtato un UFO

Vendée Globe: così parlò Jean Le Cam

"Per me il bello di essere vecchio è che più si è vecchi più si ha esperienza. Più cose stupide hai fatto quando sei più giovane e, quando ne hai fatte tante, allora impari cosa non fare"

Italia: ecco i migliori ristoranti del Gambero Rosso

2650 locali recensiti in tutta Italia. Quattro big conquistano le Tre forchette. E’ calabrese il Cuoco emergente dell’anno. Il Premio ristoratore dell’anno a una famiglia orientale di Milano

Ma... adottare un delfino per Natale?

Sulla pagina del sito del Centro Ricerca Cetacei troverete tante idee per i regali natalizi da oggettistica, alle adozioni di delfini, all'aggiornato libro di delfini e balene d'Italia e voucher per esperienze a bordo

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci