giovedí, 27 febbraio 2020

BARCOLANA

Fast and Furio e One Ocean Foundation insieme alla Barcolana

fast and furio one ocean foundation insieme alla barcolana
redazione

È scattato il conto alla rovescia per il Fast and Furio Sailing team, il vincitore delle ultime tre edizioni della Barcolana, verso la terza difesa consecutiva del trofeo della regata più grande del mondo, che si disputerà come di consueto la seconda domenica di ottobre a Trieste.
 
In vista di questo appuntamento il team di Furio Benussi ha scelto di predisporre e impegnarsi attivamente in una ulteriore e altrettanto importante difesa, che va nella direzione del futuro, delle nuove generazioni e della tutela del mare e del pianeta, che porta il nome di One Ocean Foundation.
 
One Ocean Foundation, voluta e creata dallo Yacht Club Costa Smeralda nel 2018, ha per missione la protezione del mare e dell’ambiente marino dai danni spesso irreparabili, facendo leva sulla condivisione di un messaggio e di azioni concrete. One Ocean Foundation ha promulgato la Charta Smeralda, un codice etico di comportamento e un invito a tutti coloro che vivono intensamente la passione per il mare a sottoscrivere, adottare e promuovere questo fondamentale messaggio. Fast and Furio Sailing team, da oltre 25 anni presente in molti dei più importanti campi di regata al mondo, prima ancora che in Barcolana, ha voluto sottoscrivere anch’esso la Charta Smeralda facendosi a sua volta portavoce di questi valori. 
 
Riccardo Bonadeo commodoro dello Yacht Club Costa Smeralda: “Siamo felici di vedere come il lavoro della One Ocean Foundation, grazie anche a tutti coloro che volontariamente contribuiscono alla divulgazione ed espansione del nostro messaggio, coinvolga sempre più personalità e figure del mondo della vela e non solo, che scelgono di dedicare il proprio tempo e parte della propria attività a difesa di un bene comune, prezioso e assolutamente da difendere come il mare, che ci lega e accomuna in un unico futuro. Conosco Furio Benussi dai tempi dei miei Rrose Selavy su cui abbiamo regatato e navigato insieme, ne ho sempre apprezzato le doti umane e la voglia di continue sfide, attitudine che lo ha portato a conquistare diversi e meritati risultati tra cui una straordinaria tripletta consecutiva alla Barcolana. Quando Furio ci ha proposto di voler impegnare sé stesso e il proprio team a favore di One Ocean Foundation abbiamo abbracciato con entusiasmo questa sua volontà e insieme siamo al lavoro per far sì che la One Ocean Foundation possa diffondere ancora più intensamente, e in particolare verso le giovanissime generazioni, il nostro comune messaggio di futuro.”
 
Furio Benussi - “Poter dedicare l’impegno di tutto il mio team e me stesso al fianco e a supporto di One Ocean Foundation è una missione che ci riempie di orgoglio e che non è in alcun modo secondaria rispetto alla sfida sportiva che, insieme al mio Club (Yacht Club Adriaco), stiamo portando avanti sia per Barcolana che per il prossimo quadriennio nel mondo offshore e nel mondo delle classi olimpiche, sostenendo il team 49FX di Francesca Bergamo e Alice Sinno.  One Ocean per me significa una molteplicità di emozioni e responsabilità che si incrociano; con Riccardo Bonadeo ho letteralmente mosso i miei primi passi nella carriera di velista professionista a bordo dei Rrose e per questo esiste un sentimento di profonda gratitudine e riconoscenza verso chi mi ha insegnato qualcosa di importante nel mio bagaglio di regatante. Da genitore, peraltro di veliste, ho il dovere di fare qualcosa per le generazioni che loro rappresentano e per la passione che condividiamo per il mare. Da defender della Barcolana ritengo doveroso supportare e dare ulteriore voce a chi ogni giorno e tutto l’anno svolge una missione assolutamente da condividere e da rafforzare. Il nostro impegno in tal senso sarà rivolto in particolare verso i più piccoli, che coinvolgeremo durante Barcolana a bordo della nostra barca e in diverse attività come già fatto in passato. Il tema a loro proposto quest’anno sarà tutto rivolto a far conoscere e capire il ruolo che ognuno di noi ha, sin da piccolo, verso il mare e il nostro pianeta”.

 


30/07/2019 14:20:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

RS Aero, arriva in Italia il primo circuito di regate "RS Fun Club Contest"

Quattro tappe fra Ostia, Arco e Maccagno per la nuova deriva in singolo adatta a giovani ed adulti

Giancarlo Pedote: il sogno Vendée Globe si avvicina

Questo 2020 sarà per Giancarlo Pedote sicuramente un anno impegnativo e cruciale. L’ 8 novembre prossimo partirà da Les Sables d’ Olonne il tanto anelato Vendée Globe, giro del mondo senza scalo e senza assistenza

Soldini e Maserati pronti per la RORC Caribbean 600

Giovanni Soldini e Maserati Multi 70 sono arrivati ad Antigua, nei Caraibi, pronti per la 12a edizione della RORC Caribbean 600, che partirà il 24 febbraio alle 11.30 ora locale

Ancora tre mondiali di vela olimpica in Australia

Questa volta è il turno dei windsurf RS:X maschili (75 concorrenti) e femminili (47 concorrenti), a Sorrento (Victoria). A Melbourne il singolo femminile Laser Radial

Concluso il raduno federale Mach Race a Torre del Greco

Dal 14 al 19 febbraio si è svolto il raduno federale Match Race a Torre del Greco presso il Centro Federale Zonale del Comitato V Zona FIV a bordo delle imbarcazioni RS 21, simili a quelle che saranno utilizzate al mondiale giovanile

RORC Caribbean 600: partenza sprint per Giovanni Soldini

Maserati Multi 70 e Giovanni Soldini sono partiti per la RORC Caribbean 600. Il trimarano italiano in testa alla flotta dei multiscafi dopo pochi minuti

Mondiale RSX: Mattia Camboni parte bene

Ottimo avvio per l'azzurro Mattia Camboni (Fiamme Azzurre), primo nella ranking mondiale stagionale e campione europeo 2018, che dopo le prime tre prove nelle quali è stato molto regolare, è al 5° posto (4-4-5 di giornata)

Invernale Argentario: guida sempre Iemanja di Piero De Pirro

Sole e vento leggero (6 nodi) da Ovest hanno caratterizzato questa domenica di febbraio nella quale è stata disputata una sola prova

Fine settimana con cinque prove al Campionato invernale di Anzio e Nettuno

Dopo una domenica senza regate per mancanza di vento, sabato 15 e domenica 16 febbraio il Campionato invernale di Anzio e Nettuno ha ripreso il via con cinque prove disputate per J24 e Platu 25 e due prove per l’Altura

Le chiusure autostradali sul "Tronco 1" penalizzano l'industria nautica del Nord Ovest

I gravi disagi che interessano le infrastrutture stradali del Nord Ovest del Paese stanno mettendo in ginocchio l’industria nautica e le infrastrutture del territorio ligure che ne sono il naturale sbocco al mare

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci