sabato, 25 marzo 2017


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

press    derive    seatec    turismo    formazione    fraglia vela riva    barcolana    regate    suzuki    cala de medici    vela oceanica    guardia costiera    circoli nautici    altura    nautica   

NAUTICA

ENSTA Bretagne vince il SAUC-Europe ‘16 al CMRE

ensta bretagne vince il sauc europe 8216 16 al cmre
redazione

Il team ENSTA Bretagne 1, dalla Francia, ha vinto l’11esima edizione del SAUC-E, the Student Autonomous Underwater Vehicle Challenge – Europe. Il secondo premio è andato al team TomKyle dall’Università di Scienze Applicate di Kiel (Germania). Terzo il team UNIFI con il robot Marta, dell’Università di Firenze.

Gli altri premi sono andati a: team AUGA dall’Università di Vigo con ACSM, che ha vinto il “Collaborator Award”; team ROBOTUIC, dall’Università Internazionale delle Canarie  che si è aggiudicato il premio “Rookie of the Year”; ENSTA Bretagne team 2, dalla Francia, cui è andato il riconoscimento “Tenacity Award”; team UnivPM, dell’Università Politecnica delle Marche, che ha ottenuto l’“Innovation Award”; team UWE, dell’Università del West of England, premiato col “Persistence Award”; e infine il team UNIFI, dell’Università di Firenze, che ha vinto il “Data Visualisation Award”.

I primi tre classificati vincono un premio in denaro rispettivamente di 2000, 1000, 500 euro da usare per implementare il proprio lavoro in vista di future competizioni.  Una squadra, ROBOTUIC dell’Università Internazionale delle Canarie, è alla sua prima partecipazione. È un gradito ritorno quello invece di due squadre italiane, l’Università di Firenze e l’Università Politecnica delle Marche.

La gara si è svolta dal 3 all’8 luglio 2016 all’interno del Centro NATO per la Ricerca Marittima e la Sperimentazione, organizzatore dell’evento per la settima volta consecutiva. Quest’anno la manifestazione è tornata alla Spezia dopo un’edizione, quella del 2015, svoltasi a Piombino nell’ambito della competizione multidominio euRathlon. 

 

Ogni anno in SAUC-E si sfidano team multidisciplinari di universitari (composti cioè almeno per il 75% da studenti) nel progettare e costruire veicoli autonomi sottomarini (AUV) in grado di portare a termine missioni realistiche. I veicoli sono chiamati a compiere autonomamente una serie di compiti in un vero bacino portuale, senza bisogno di controllo remoto, guida o collegamenti con un pilota o un computer, inclusi sistemi GPS. Tra le novità di questa edizione vi è anche la ricerca di un disperso sott’acqua, simulato da un manichino. Al SAUC-E, le squadre sono incoraggiate a testare forme di collaborazione tra robot per migliorare la navigazione di precisione con l’ausilio di sonar, la processazione e la trasmissione di dati in tempo reale. La collaborazione tra robot può essere tra AUV della stessa squadra o di squadre diverse, o anche tra un AUV e un veicolo di superficie (Autonomous Surface Vehicle, ASV).

 


In coincidenza con l’ultimo giorno di gare SAUC-E è iniziato al CMRE anche il workshop del progetto europeo FP7 Robocademy www.robocademy.eu, con 12 dottorandi provenienti da 10 diverse istituzioni europee (Estonia, Germania, Grecia, Italia, Spagna, UK, sono tra i Paesi partecipanti). Le attività di Robocademy al CMRE continueranno fino al 13 luglio con un fitto programma di conferenze e laboratori pratici. Lo scopo del Progetto è quello di creare una rete di ricerca e training per sviluppare competenze chiave nel campo dell’esplorazione oceanica.  Veronika Yordanova, studentessa di Robocademy, proveniente da Atlas Elektronik, è stata insignita, al termine della manifestazione, del premio SAUC-E ‘16 per la migliore presentazione. 

 

 

Il SAUC-E ‘16 è stato realizzato grazie al supporto dell’Office of Naval Research Global (ONR Global) americano e della prestigiosa IEEE Oceanic Engineering Society (OES), tra i promotori dell’iniziativa insieme al CMRE e alla Marina Italiana. Tra gli sponsor internazionali si ricordano VideoRay, SSM e BTS che hanno messo a disposizione materiale tecnologico, stage e registrazioni gratuite a conferenze. Espositori come SBG Systems e ISME hanno offerto un contributo per i premi finali.

 


08/07/2016 20:05:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Il Centro Velico Caprera compie cinquant’anni

E per l’occasione ha presentato oggi a Milano il suo progetto di responsabilita’ ambientale, etica e sociale in partnership con realta' di eccellenza

Mini 6.50: all'Arcipelago 650 si cerca il vento

Corrono insieme anche due dei protagonisti della prossima Roma per 1/2/Tutti, Ambrogio Beccaria e Luca Sabiu. DOpo i 10 nodi di ieri, oggi solo 4 nodi da Ovest per una flotta compatta

Roma per 1: la vela "No Frills" di Riva di Traiano fa tendenza

Sette solitari e diciannove equipaggi in doppio. Al momento più della metà della flotta in partenza per la Roma per1/2/Tutti non è in equipaggio

CICO 2017: Mattia Camboni è Campione Italiano con un giorno d'anticipo

Un titolo che invece è ancora in ballo nella flotta femminile, dato il distacco tra la leader Marta Maggetti (Fiamme Gialle) e l’Olimpionica di Rio Flavia Tartaglini (Fiamme Gialle)

Mini 6.50: Andrea Fornaro vince l’Arcipelago 650 in classe Proto

Di nuovo in coppia col canario Oliver Bravo de Laguna Fornaro sembra soddisfatto di questa prima regata italiana della stagione, nonostante le difficoltà dovute ad una messa a punto avvenuta praticamente in acqua

Coppa Adriatico, la novità targata Il Portodimare

La regata si disputerà a Chioggia dal 12 al 14 maggio ed ai vincitori di classe garantirà l'iscrizione gratuita al Campionato Italiano Assoluto di vela d'altura di Monfalcone

Morgan IV vince il Campionato Invernale di Vela d'Altura di Bari

Vincitori per la minialtura “Cocò” di Natuzzi Vitantonio con Marco Magrone al timone (CN Bari). A loro si aggiungono i vincitori delle diverse categorie e quelli della classe libera

La conclusione del CICO 2017 di Ostia

I titoli Italiani sono andati a Mattia Camboni (RS:X M), Francesco Marrai (Laser Standard), Joyce Floridia (Radial), Marta Maggetti (RS:X F), Ratti-Porro (Nacra 17), Tita-Zucchetti (49er)

Fincantieri: a Marghera al via i lavori in bacino per “Nieuw Statendam”

Il blocco dell’unità, lungo 11,3 metri, largo 34,8 e dal peso di 260 tonnellate, fa parte della sezione di centro nave di “Nieuw Statendam”, la cui consegna è prevista alla fine del 2018

L'Arcipelago 650 in salsa francese

All’1 e 44 minuti della mattina del 19 marzo i primi a tagliare il traguardo sono gli skipper di FRA 868 Alternative Sailing, i bravissimi Remì Aubrun e Nicolas Ferrelel

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci