venerdí, 16 novembre 2018

BANQUE POPULAIRE

Banque Polulaire IX: Armel Le Cléac'h racconta la scuffia e il salvataggio

banque polulaire ix armel le cl 233 ac racconta la scuffia il salvataggio
Roberto Imbastaro

Dopo il capovolgimento del Maxi Banque Populaire IX la scorsa notte in Atlantico al largo del Marocco, l'equipaggio è stato tratto in salvo con un elicottero dall'esercito marocchino. Armel Le Cléac'h, Pierre Emmanuel Hérissé e il cameraman sono arrivati a Casablanca, dove sono stati assistiti dal Consolato di Francia. Armel, insieme al suo Team riunito a terra nel tardo pomeriggio, racconta questa avventura.

“Dopo aver lasciato Lorient, abbiamo superato tutto il Portogallo e per allenarci siamo andati a trovare un punto di incrocio a nord-ovest delle Canarie. Stavamo tornando verso Cadice, per imbarcare il resto dell’equipaggio per il resto del programma. Le condizioni di mare e di vento erano piuttosto buone. Avevamo 18/20 nodi di vento al momento dell’incidente. Il mare era un po' formato perché il vento era stato sostenuto per un po' di tempo cattivo ad ovest del Portogallo. Verso le Canarie, abbiamo avuto venti forti fino a 40-45 nodi. Eravamo di bolina stretta, una mano di terzaroli sulla randa e il piccolo fiocco. Avevo fatto il routing e nel corso delle ore il vento sarebbe dovuto scendere. Le condizioni erano piuttosto stabili. Ho controllato e non c'era nessun groppo o temporale davanti a noi. Pierre-Emmanuel Hérissé (il direttore tecnico del Team Banque Populaire) e il nostro uomo dei media erano dentro, ed io ero fuori nel cockpit, ma così tranquillo che mi ero sdraiato per cinque minuti sulla cuccetta per iniziare un pisolino. La barca ha iniziato ad alzarsi molto velocemente a causa di una sventolata improvvisa e non ho avuto il tempo di uscire. Sono riuscito a staccare la randa, ma non è stato sufficiente. Tutto è stato  molto veloce, la barca ha navigato a dritta. Mi sono trovato sottosopra nell'acqua che allagava la cabina. Pierre-Emmanuel mi ha chiamato per scoprire se ero lì. Siamo riusciti a parlare tra un’onda e l’altra, sono riuscito a uscire da lì e issarmi con sicurezza nello scafo centrale con loro, nel rifugio. Abbiamo subito fatto un punto per assicurarci che nessuno fosse ferito. Ho rapidamente attivato il segnale di soccorso per avvertire le autorità. Abbiamo messo  insieme le attrezzature di sicurezza e abbiamo indossato le mute di sopravvivenza. Ho contattato Ronan Lucas (il direttore del Team Banque Populaire) dall'iridium portatile che si trovava nella riserva di sopravvivenza per dirgli che eravamo tutti a bordo e soprattutto che non c'era nessun infortunio. Due ore dopo, un mercantile è arrivato sulla zona, ci siamo scambiati con loro informazioni con il VHF. Era buio, non potevamo uscire immediatamente dalla barca. Il giorno dopo un pattugliatore avrebbe dovuto raggiungerci in serata,  ma poi è finalmente arrivato un elicottero della Marina Reale Marocchina che è decollato da Casablanca nel pomeriggio per venirci a prendere. All'arrivo, uno dopo l'altro, siamo saliti sull'elicottero e siamo atterrati al porto militare di Casablanca su una fregata ancorata. Siamo stati molto ben accolti dalla Marina Reale del Marocco, abbiamo potuto mangiare e fare alcuni controlli sanitari. Noi li ringraziamo per tutto e in particolare l'equipaggio dell'elicottero. Successivamente siamo stati presi in carico dal consolato francese.  È davvero difficile capire, le condizioni in mare erano gestibili, abbiamo già navigato prima in condizioni molto più forti e impegnative. Tutto è avvenuto in pochi secondi. Secondo me, l'incidente è legato a un colpo di vento fortissimo e improvviso. Nel momento in cui abbiamo lasciato la barca, i tre scafi e le traverse erano intatti, mentre l'albero è spezzato in più parti". 

Ora è partita una corsa contro il tempo per recuperare la barca il più presto possibile e fare ogni sforzo per essere alla partenza della Route du Rhum il prossimo novembre.


15/04/2018 10:58:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Route du Rhum: vince Joyon all'ultimo respiro

Battuto per soli 7 minuti François Gabart, in testa fino alle Basse Terre e bruciato nell'ultima virata

Otranto: regata di San Martino con poco vento e tanto sole

Dopo circa un mese di fermo per via del meteo poco favorevole, domenica si è svolta la seconda regata del campionato invernale ‘Più Vela Per Tutti’ con la flotta arricchita di 3 new entry, una per ogni Categoria

Route du Rhum: Andrea Fantini di nuovo in mare

I maxitrimarani della classe Ultime stanno per tagliare il traguardo in Guadalupa con Macif di Francois Gabart in leggero vantaggio (40 miglia) su Francis Joyon con Idec Sport

Per Beneteau una base permanente a Barcellona

Beneteau inaugura una base permanente a Port Ginesta, vicino Barcellona con le prove in mare degli ultimi modelli a vela e a motore

Per il Marina Blu di Rimini una cartella esattoriale da 1,1 mln di euro

UCINA: la complessa vicenda normativa dei canoni demaniali dei porti turistici colpisce il Marina Blu di Rimini

Melges 40: le Grand Prix Finals 2018 si aprono nel segno di Stig

Stig, detentore del circuito 2017 e vincitore della Copa del Rey 2018 (ultimo evento disputato dalla flotta Melges 40 sulla strada per Lanzarote) rispetta al meglio il pronostico che lo voleva in grande stato di forma

Corso di Archeologia a Termini Imerese: Palermo nel periodo romano

Sabato 10 novembre 2018 alle ore 16,30 nuova lezione del Corso di Archeologia Romana promosso da BCsicilia

FVG Marinas: il Governo intervenga sui canoni demaniali

La Rete FVG Marinas con i suoi 20 marina aderenti, circa 7000 posti barca, è la Rete di porti turistici più estesa in Italia e sarà a Rimini a testimoniare la propria solidarietà al Marina Blu

Este 24: Ricca D’Este di Marco Flemma fa l’enplein

Si archivia una stagione ricca di grandi giornate di mare e di uno spirito di aggregazione che l’Este24 ha sempre portato come segno distintivo. Ricca D’Este fa l’enplein, dopo il Titolo Italiano si prende anche il Circuito Nazionale

Melges 40: Stig di Alessandro Rombelli è Campione del mondo

Stig di Alessandro Rombelli (con Francesco Bruni alla tattica) firma il bis confermandosi Campione del circuito Melges 40 Grand Prix dopo il trionfo nella stagione scorsa

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci