venerdí, 12 luglio 2024


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

optimist    quebec saint malo    carthago dilecta est    pesca    ambiente    wwf    reale yacht club canottieri savoia    rs21    swan    melges 32    rs aero    regate   

TRANSAT JACQUES VABRE

Transat Jacques Vabre: negli IMOCA vincono Thomas Ruyant e Morgan Lagravière

transat jacques vabre negli imoca vincono thomas ruyant morgan lagravi 232
redazione

Per la seconda volta consecutiva, Thomas Ruyant e Morgan Lagravière hanno tagliato il traguardo nella baia di Fort-de-France della 16ª edizione della Transat Jacques Vabre Normandie Le Havre alle 02:02 ora locale (07:02 ora italiana) di domenica.

Il tempo di gara di FOR PEOPLE è stato di 11 giorni, 21 ore, 32 minuti e 31 secondi. Ha percorso le 3750 miglia del percorso tra Le Havre e Fort-de-France a una velocità di 13,17 nodi sulla rotta diretta.

In realtà, ha percorso 5425 miglia a una velocità media di 19 nodi (sull'acqua).

Thomas Ruyant e Morgan Lagravière hanno poi parlato a lungo in conferenza stampa della loro complicità, del modo in cui navigano con For People e dell'impegno che comporta una Route du Café vincente. 

Thomas: "Se abbiamo vinto a Fort-de-France, è grazie alla squadra. Non è stato facile vincere una volta e poi vincere di nuovo con te (Morgan Lagravière), ma è stato un altro grande momento. Non avrei potuto avere un compagno migliore per aiutarmi a scoprire la mia barca e a prepararmi per le regate a venire. Queste sono barche complesse, ci sono molte leve, molte cose su cui lavorare e credo che Morgan sia la persona ideale per questo, oltre a essere il mio compagno".

Morgan: "È un'illustrazione dei momenti belli della vita degli ultimi giorni. Non te ne rendi conto, ma è stato un lavoro duro, ora dopo ora, minuto dopo minuto. La particolarità del nostro equipaggio è che tutto è stato fatto in uno spirito di buona volontà e in una sorta di emulazione condivisa, il che significa che penso che abbiamo qualcosa in più degli altri. Lo abbiamo visto ancora una volta in questa regata transatlantica, quindi non siamo solo bravi in quello che facciamo, siamo anche umani. È per questo che veniamo a queste gare, ben prima del risultato sportivo, è per queste emozioni.

Thomas: "È stata una regata intensa, non si vincono gare sul circuito IMOCA senza dare il massimo. Volevamo solo che finisse, perché eravamo doloranti dappertutto. Ma anche l'impegno è quello che cerchiamo e questo rende la vittoria ancora più dolce, anche se da fuori sembrava che avessimo dominato la gara, nella realtà non è stato così, ma questo fa parte del piacere ed è quello per cui siamo qui".

Morgan: "Per quanto riguarda il rumore, era estremamente fastidioso. Thomas dice che fischia e che ci fischierà nelle orecchie ancora per qualche giorno. Avevamo sempre i tappi nelle orecchie e dovevamo gridare l'uno all'altro per parlare. La mia voce èadesso è rauca! 

Non so se possiamo regatare con più intensità di quanta ne abbiamo avuta. Alla fine c'è stata una svolta. Ci siamo trovati a ridosso del Paprec Arkea. Stavamo andando un po' più veloce di loro e abbiamo pensato che era lì che dovevamo battere i pugni e abbiamo sterzato molto. Probabilmente hanno ceduto un po' perché hanno commesso un errore di traiettoria in quel punto. In quel momento dovevamo davvero migliorare il nostro gioco e lasciare il segno sugli altri".

Thomas: "Abbiamo fatto molta fatica, Momo più di me. Non sono sicuro che molte barche IMOCA abbiano timonato tanto quanto noi in questa regata transatlantica...

Morgan: "Anche la barca lo permette. Molti altri IMOCA non lo permettono perché l'ergonomia della postazione di comando non è adatta o perché il sistema di governo è troppo duro. Qui, oltre a essere una barca viva, For People ti permette di timonare e trasmette le tue sensazioni. Quando si è al timone, si ottiene molto. L'ho notato già due anni fa. Abbiamo fatto progressi giorno dopo giorno, in termini di funzionamento del nostro partner e di conoscenza della barca. Era un obiettivo che ci eravamo prefissati: alla fine della regata eravamo molto più forti rispetto all'inizio”.


19/11/2023 15:26:00 © riproduzione riservata






I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Quebec Saint-Malo: naufragio (e salvataggio) per Alberto Riva e Acrobatica

L’equipaggio, composto da Alberto Riva, Jean Marre e Tommaso Stella, sta bene ed è al sicuro su una nave cargo che l’ha tratto in salvo

“Route to Barcelona”: Silvestri e Paliotto (RYCC Savoia) staccano il pass per assistere alla UniCredit Youth America’s Cup

Si è svolta venerdì scorso, 5 luglio, la terza delle sette regate previste dall’iniziativa promossa da UniCredit “Route to Barcelona”

Riva del Garda, Melges 32: parte benissimo il tedesco Wilma

Il team tedesco di Wilma con Nico Celon alla tattica mette da subito le cose in chiaro firmando con due vittorie le prime due prove della giornata

L'87% del Mar Mediterraneo è inquinato!

Con 1,9 milioni di frammenti per mq presenta la più alta concentrazione di microplastiche mai misurata nelle profondità. L’inquinamento idrico provoca 1,4 milioni di morti premature al mondo ogni anno

Quebec Saint Malò: Alberto Riva, Tommaso Stella e Jean Marre sbarcheranno alle Azzorre

La direzione di corsa della Quebec Saint Malò ha comunicato che la petroliera liberiana Silver Ray con a bordo i tre velisti soccorsi ieri in pieno Atlantico, farà scalo nelle isole Azzorre, per consentire lo sbarco

Quebec Saint Malò: per Ambrogio non va "alla grande", lo scafo imbarca acqua

Regata finita anche per Ambrogio Beccaria che imbarca acqua nel suo Class 40 Alla Grande Pirelli

Prima giornata della 39a Salò Sail Meeting

Un vento debole e discontinuo ha caratterizzato la prima giornata della 39a edizione della Salò Sail Meeting, classica di metà estate per i monotipi gardesani organizzata dalla Canottieri Garda

Moscioli in pericolo: Slow Food decide il fermo pesca

Innalzamento temperature marine: dovremo dire addio al saporito Mosciolo selvatico di Portonovo?

Prima Tappa Club Swan 42 a Valencia per il Trofeo SM La Reina

Nei Club Swan 42 vince Nadir di Pedro Vaquer, mentre il podio è tutto Swan negli ORC 1

Calasetta, RS Aero: seconda giornata della 4a regata nazionale

Francesca Ramazzotti passa al comando nella classe RS Aero5 e FIlippo Vincis sta dominando negli RS Aero 6

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci