giovedí, 20 giugno 2024


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

libri    vela    convegni    vele d'epoca    windsurf    meteor    j24    argentario sailing week    tf35    wingfoil    solidarietà    ambiente    circoli velici   

OCEAN GLOBE RACE

Ocean Globe Race: Line Honours per Marie Tabarly su Pen Quick VI

ocean globe race line honours per marie tabarly su pen quick
redazione

La leggendaria imbarcazione francese Pen Duick VI - FR (14) -, guidata dalla indomabile Marie Tabarly, ha conquistato l'ambita Line Honours nella tappa finale della prima edizione della McIntyre Ocean Globe Race - e nei giorni a venire potrebbe potenzialmente vincere l'OGR Overall! Alle 22:52 UTC del 11 aprile, lo splendido cutter bermudiano di 73 piedi dall'elegante scafo nero venerato tra i marinai di tutto il mondo, ha attraversato con grazia la linea di arrivo del Royal Yacht Squadron a Cowes, nel Regno Unito. Con Marie al timone, a capo dei suoi uomini d'equipaggio, era appropriato che questa imbarcazione, navigata da suo padre Éric Tabarly nella Whitbread Round-the-World Race del 1973, conquistasse la vittoria con questo stile. Con quasi due giorni di vantaggio sul più prossimo rivale, L'Esprit d'équipe -FR (85)-, per la vittoria di tappa, il dominio del Pen Duick VI nell'ultima tappa è indiscutibile.

Arrivando con 12 nodi di vento e forti correnti di marea, Marie, il primo ufficiale Tom Napper e i dieci determinati membri dell'equipaggio a bordo sembravano sia sollevati che immensamente orgogliosi del loro epico risultato. Marie aveva dichiarato fin dall'inizio che una volta che ci fosse stato vento, Pen Duick VI avrebbe brillato e aveva ragione. Per l'ultima tappa, la strategia di Marie era "andare veloce, veloce, veloce e accelerare alla fine". Chiaramente una strategia vincente!

Parlando sul pontile dopo un difficile attracco a Trinity Landing a causa delle correnti estremamente forti, Marie ha parlato con passione della sua esperienza intorno al mondo.

"C'erano così tanti momenti memorabili. Ricordo che stavamo andando veloci, con 55 nodi di vento e c'erano i delfini che saltavano sulle onde. A 55 nodi! Pazzesco. Ricordo di essere stata in gara molto vicino con Translated 9 e Maiden e di essere riuscita a vederle. Poi tutte le conversazioni tra compagni, quattro volte al giorno sulla radio, mi mancheranno. Ci sono troppi momenti, così tanti momenti incredibili."

Ha anche spiegato quanto sia stato fantastico il suo equipaggio durante tutta la gara. 

"Sono molto, molto orgogliosa del mio equipaggio. Ho 21 persone straordinarie, brave persone, con cui vuoi passare del tempo. È esattamente quello che avevo pianificato con loro, nessuna sorpresa, tutto era perfetto." 

Ma senza dubbio, sono gli altri equipaggi nella flotta dell'OGR che resteranno per sempre nella memoria di Marie.

"Sto pensando a Translated 9, erano i miei migliori nemici. Gli ho detto all'inizio che sarei stata il loro peggior incubo e alla fine sono diventati il mio peggior incubo. Eravamo in quattro, tra Spirit of Helsinki, Maiden e Translated 9, con cui abbiamo avuto una lotta molto intensa. È stato un onore e un piacere navigare contro di loro. Ma stasera, sto pensando a Translated 9. Mi sono legata alle persone in questa gara, è straordinario. Ancora non mi rendo conto che è finita. Sto pensando che ci sia un'altra tappa."

 


12/04/2024 13:49:00 © riproduzione riservata






I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

A Torbole seconda giornata degli Europei Windsurfer con regate Course Race e Slalom

Giornata perfetta con sole e vento sui 14 nodi: il Garda Trentino colorato con oltre 200 vele fluo

Europeo J24: il meteo di Porto Cervo dà il meglio di se

Meteo spettacolare per la prima giornata dell'Europeo J24 Range Rover

Europeo J24: si conferma campione l’irlandese Headcase

Secondo e terzo posto rispettivamente per La Superba della Marina Militare e per l’ungherese J.Bond

Argentario Sailing Week: si decide tutto domani

Grande agonismo e classifiche corte nella terza giornata dell’Argentario Saling Week

All'Argentario vincono bellezza e tradizione

Argentario Sailing Week: conclusa la 23ma edizione, la cerimonia di premiazione celebra i vincitori delle sette classi

Condizioni meteo ideali per la seconda giornata dell’Argentario Sailing Week

Oggi in particolare il sole è stato protagonista sin dalla mattina offrendo ad armatori ed equipaggi lo scenario perfetto a terra e in mare del golfo dell’Argentario

TF35: Sails of Change 8 vince l'85° Bol d'Or Mirabaud

L'equipaggio di Sails of Change 8 si è dimostrato ancora una volta fortissimo nelle regate di lunga distanza su un TF35, vincendo l'85° Bol d'Or Mirabaud in 6h22m24s dopo aver vinto il Geneve-Rolle-Geneve lo scorso fine settimana

Giraglia: Black Jack vince ma senza record

Una regata epica! Vento forte e mare molto mosso per la prova offshore. Il maxi olandese Black Jack 100 di Remon Vos che ha mancato il record del 2012 per soli 15 minuti!

Europeo J24: in testa l'irlandese Headcase

Louis Mulloy, prodiere su Headcase: “Oggi abbiamo ottenuto tre vittorie su tre prove, tuttavia è stata una giornata molto complicata"

Kon Tiki è campione italiano della Classe Meteor

Castiglione del Lago – Entusiasmo, soddisfazione ed un po' di stanchezza, si è concluso sabato il 51° Campionato Italiano di Classe ospitato dal Club Velico Castiglionese, sul Trasimeno

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci