giovedí, 3 dicembre 2020


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

vendee globe    cantieristica    aziende    giancarlo pedote    windsurf    trofeo jules verne    sodeb'o    orc    vela    cambusa    fincantieri   

ALTURA

Presentata la RIGASA, una nuova regata d'altura per Rimini

presentata la rigasa una nuova regata altura per rimini
redazione

Il Circolo Velico Riminese rinnova il suo calendario di eventi con un nuovo appuntamento dedicato alla navigazione d’altura. Il 6 settembre partirà infatti la nuova edizione della RIGASA, acronimo dei i way point del percorso, Rimini-Gagliola-Sansego e ritorno a Rimini.

Nella giornata di oggi, 14 giugno, presso la Palazzina Roma di Rimini, si è quindi svolta la conferenza stampa di presentazione dell’evento in presenza dell’Assessore allo sport del Comune di Rimini Gianluca Brasini
Il Presidente del Circolo Velico Riminese Roberta Mazza ha introdotto il programma e il Responsabile della Comunicazione del CVR, Matteo Forni, ha sottolineato la valenza sportiva della Rigasa.  

170 MIGLIA NO STOP

Per un totale di 170 miglia di navigazione tutte d’un fiato, la RIGASA è aperta ad imbarcazioni in equipaggio o in doppio che vogliono cimentarsi in una regata tecnica e con tutti gli elementi affascinanti dell’altura; navigazione notturna, passaggi tra le isole e traversata in mare aperto. 

Un ritorno alle regate lunghe per il Circolo Velico Riminese che da sempre è impegnato in attività legate all’altura. 

LA STORIA DELLA REGATA 

La prima edizione della RIGASA prese il via nel 2013 dall’idea di alcuni soci del Circolo Velico Riminese che avevano pensato ad una regata veloce e che potesse offrire un percorso stimolante e tecnico. Gli elementi principali che hanno dato origine alla Rigasa infatti erano due: la traversata dell’Adriatico da costa a costa e il passaggio tra lo scoglio della Gagliola e l’isola del Sansego che avrebbe impegnato gli equipaggi in scelte tattiche e strategiche in caso di poco vento e di adrenalina pura in caso di vento sostenuto.

RIGASA. LA REGATA CHE SFIDA IL QUARNARO

Il percorso scelto infatti porta gli equipaggi ad un passaggio, dopo la traversata verso la Croazia, nella zona del Golfo del Quarnaro che per la sua conformazione geografica diventa un tratto di mare impegnativo in caso di Bora, il vento da Nord – Est tipico di questa zona.  Onda corta e ripida, vento rafficato, possono essere una vera e propria sfida per gli equipaggi. Lo scoglio della Gagliola, primo way point che i partecipanti alla Rigasa devono traguardare, è un isolotto disabitato della Croazia, posto a Sud del Quarnaro, abbastanza isolato dalla terra ferma. In questo tratto gli equipaggi dovranno affrontare il primo vero giro di boa che, a seconda delle condizioni meteo, richiede buone capacità marinaresche per interpretare la rotta migliore. Dopo la Gagliola si scende verso sud del Quarnaro per raggiungere l’isola del Sansego, o Susak in croato. Anche in questo caso le scelte degli equipaggi saranno condizionate dall’orografia del territorio, capace di presentare scenari diversi ed imprevisti. La sfida del Quarnaro diventa quindi uno dei punti cruciali per la regata, che proprio in questo tratto può determinare il vincitore della regata. 

TROFEO SCUOLA VELA

La Rigasa anche come esordio per i nuovi velisti. Il Circolo Velico Riminese da sempre porta avanti attività di formazione anche grazie alla scuola Vela Luciano Pedulli, che da oltre vent’anni lavora per formare nuovi velisti e nuovi marinai. Nel programma della Rigasa quindi sarà inserito un Trofeo Scuola Vela per le imbarcazioni formate da equipaggi di allievi provenienti dalle scuole vela di tutt’Italia. 

CLASSIFICA E CATEGORIE AMMESSE.

La Rigasa è aperta alle categorie in equipaggio, in doppio. Il punteggio, al fine di formulare la classifica, seguirà un sistema di punteggi di compensi per le imbarcazioni in possesso del certificato ORC e in tempo reale per le altre. 

PREMI ED INNOVAZIONE CON EASY SEA

La Rigasa si chiuderà con il party della premiazione che si terrà sabato 14 settembre. Grazie alla collaborazione con la nuova start up innovativa Easysea, i vincitori di ogni categoria riceveranno Flipper, l'unica manovella per winch richiudibile. 

OSPITALITA’ GRAZIE AL MARINA DI RIMINI

Il Circolo Velico Rimini ospiterà le imbarcazioni iscritte presso il Marina di Rimini, sponsor tecnico della RIGASA, nei modi e nei tempi stabiliti dal bando di regata. 

COME SEGUIRE LA REGATA      

Le barche partecipanti dalla RIGASA saranno dotate di tracker, permettendo così di seguire le posizioni degli equipaggi in tempo reale. 

Sul sito e sui social del Circolo Velico Riminese si potrà inoltre seguire le fasi di preparazione, incontrare gli equipaggi con interviste ed immagini, seguire l’arrivo e il taglio del traguardo dei partecipanti e la premiazione. 

ALLA SCOPERTA DEL SIMBOLO DELLA ROMAGNA

Lo sport come passione, aggregazione e territorialità. Per l’edizione 2019 della Rigasa il Circolo Velico Riminese ha voluto portare alla scoperta di uno dei simboli culinari della Romagna; la Piadina. Grazie alla collaborazione con Piadineria Marina verrà organizzato, sabato 7 settembre presso la sede del Circolo Velico Riminese, un workshop con Barbara Babbi per realizzare la vera ed unica piadina romagnola. Al termine del corso si svolgerà la degustazione delle piade prodotte, in attesa degli arrivi delle barche in regata. 

IN MARE PER OLTRE LA RICERCA

La Rigasa non è solo sport e divertimento e per questa edizione vuole portare in mare un importante messaggio, quello di Oltre la Ricerca, Associazione di Volontariato, che ha lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tumore al pancreas. 
Oltre la Ricerca lavora a stretto contatto con i medici di famiglia, le persone affette da tumore al pancreas e i loro famigliari al fine di affrontare nel migliore di modi il difficile percorso di diagnosi e cura. 
Il lavoro di Oltre la Ricerca è quello di fornire sostegno, informazioni e strumenti per affrontare questa grave patologia. 
Oltre la Ricerca è un’associazione nata nel 2012 in seguito alla scomparsa di Luca Signorotti per tumore al pancreas.

 


14/06/2019 15:09:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Vendée Globe: falla a bordo per Escoffier, Jean Le Cam tenta di raggiungerlo

Kevin Escoffier, che si trovava al terzo posto nel Vendée Globe posizionato a circa 550 miglia nautiche a sud di Città del Capo, ha attivato il suo segnale di soccorso

FLASH - Jean Le Cam ha avvistato Escoffier e procede al recupero

La Direzione di corsa del Vendée Globe ha dirottato sul punto del Distress di Kevin Escoffier anche Boris Herrmann, Yannick Bestaven e Sébastien Simon

Alghero: per 110 studenti il battesimo della vela

Il Covid non ferma la vela, ad Alghero 100 studenti hanno debuttato in barca

Vendée Globe: Pedote supera Sam Davies ed è 10°

Pedote:"Voglio solo continuare a cercare di fare le cose bene, preservare i materiali, cosa molto importante perché la barca è la mia sicurezza e la mia sorgente di velocità"

Vendée Globe: la calma è la virtù dei Pedote

Il nostro Giancarlo Pedote sta procedendo bene e senza scosse e guadagna posizioni. Ora è decimo a 646 miglia dal leader e viaggia spedito a più di 20 nodi

Trofeo Jules Verne: Coville vola, Cammas si ritira

Thomas Coville su Sodebo Ultim 3 continua la sua discesa dell'Atlantico del Nord in questo sabato mattina, scivolando a oltre 30 nodi mentre Franck Cammas sta rientrando a Lorient dopo aver urtato un UFO

Vendée Globe: per Pedote nel mirino c'è Buona Speranza

Dopo tre settimane di regate e quasi il 25% delle 21.638 miglia previste dal Vendée Globe sulla scia, Giancarlo Pedote vede la longitudine di Buona Speranza incombere all'orizzonte

Vendée Globe: Yes HE Cam! Solo Jean poteva salvare Kevin

Non poteva cadere in mani migliori. Lo ha detto lo stesso Jean: « Il est tombé dans la bonne maison ! ». Yes we Cam…. ma solo lui poteva! Disegno della bravissima Manu Guiavarch per Jean Le Cam

Ecco la prima Italia Yachts 14.98 Bellissima

E' una vera easy sailing con molti accorgimenti utili per la navigazione da soli o in equipaggio ridotto: tra queste le 8 manovre rinviate in pozzetto permettono di regolare al meglio le vele e navigare sempre in tranquillità

Vendée Globe: perso il contatto visivo con Escoffier

Jean La Cam aveva individuato la zattera autogonfiabile di Kevin Escoffier ma il mare agitato e i forti venti lo hanno portato lontano. Le ricerche continuano con 4 skipper giunti sul posto

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci