martedí, 24 novembre 2020


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

vendee globe    fincantieri    windsurf    ambiente    giancarlo pedote    solidarietà    manifestazioni    emirates team new zealand    j24    america's cup   

YACHT CLUB COSTA SMERALDA

Porto Cervo: il team tedesco del Segel-und Motorboot Club Überlingen vince l'Audi SAILING Champions League

porto cervo il team tedesco del segel und motorboot club 220 berlingen vince audi sailing champions league
redazione

Ultima giornata perfetta per la finale della Audi SAILING Champions League che vede trionfare il team tedesco del Segel-und Motorboot Club Überlingen. L’equipaggio italiano dell’Aeronautica Militare chiude al secondo posto davanti agli svizzeri del Seglervereinigung Kreuzlingen, terzi. L’evento, che ha preso il via il 15 ottobre, è stato organizzato dallo Yacht Club Costa Smeralda con il supporto del Title Sponsor Audi e il main partner One Ocean Foundation.

Gli equipaggi si sono ritrovati questa mattina alle ore 10 sul campo di regata antistante Porto Cervo, accompagnati da un Maestrale tra i 12-15 nodi. Nella giornata odierna è stato possibile completare ulteriori 3 voli che, sommati a quelli svolti nei giorni precedenti, hanno portato il totale a quattordici (56 prove). A conclusione dei voli, i team che sono riusciti a qualificarsi nelle prime quattro posizioni e quindi hanno ottenuto l'accesso alla finalissima sono stati: l'Aeronautica Militare, il Segel-und Motorboot Club Überlingen, il Seglervereinigung Kreuzlingen e il Akhmat National Sailing Team.

Nei giorni scorsi aveva registrato risultati altalenanti, in finale invece il team tedesco del Segel-und Motorboot Club Überlingen è rimasto concentrato sull’obiettivo e ha dato il meglio di sé. Con due vittorie su quattro prove ha conquistato il titolo di campione della SAILING Champions League 2020. Secondo il team italiano dell’Aeronautica Militare che, nonostante le buone performance, nella finalissima non è riuscito a imporsi. Terzi sul gradino del podio gli svizzeri Seglervereinigung Kreuzlingen che nell’ultima prova della serie finale hanno tagliato il traguardo dietro i tedeschi con pochissimi secondi di distacco.

Michael Zittlau, skipper del Segel-und Motorboot Club Überlingen: “Ancora non riesco a credere che abbiamo vinto la SAILING Champions League. È incredibile, rappresentiamo un piccolo Club che si affaccia sul Lago di Costanza in Germania e siamo venuti qui pensando di concludere l’evento nelle prime dieci posizioni. Abbiamo affrontato team di alto livello, nella finalissima quasi faticavamo a tenere il passo. Ma alla fine abbiamo vinto e la sensazione è fantastica!”

Il Commodoro YCCS Michael Illbruck ha dichiarato: “In quattro giorni abbiamo assistito a tutte le condizioni meteo possibili, si è regatato anche con raffiche di vento oltre i trenta nodi. Devo dire che per i ventisette team partecipanti all’evento è stata una bella sfida! Eventi come questi racchiudono gli elementi fondamentali che caratterizzano la vela tra cui spirito sportivo, agonismo e senso di appartenenza verso il proprio Club. Speriamo di dare nuovamente il benvenuto a tutti i team il prossimo anno, qui a Porto Cervo!”

 









I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Vendée Globe: ancora non chiari i problemi di Hugo Boss; acqua a bordo (risolta) per Pedote

Hugo Boss procede lentamente e gli ingegneri sperano di poter riparare il danno in corsa. Per Pedote un'infiltrazione d'acqua dovuta ad una trappa del ballast

America's Cup: New Zealand presenta in nuovo AC75 "Te Rehutai"

Sarà lo scafo che scenderà in acqua per difendere l'America's Cup. Il nome scelto come sempre dall'Associazione per la cultura maori Ngāti Whātua Ōrākei

Vendée Globe: in serata Equatore per Pedote

Giancarlo sta finalmente navigando negli Alisei, dirigendosi ad alta velocità verso l'Equatore grazie ad una situazione metereologica molto particolare: una zona di convergenza intertropicale quasi inesistente

Ripartito! Per Jérémie Beyou un nuovo Vendée Globe tutto da scoprire

Alex Thomson è entrato nel Pot au Noir seguito da Thomas Ruyant che sta recuperando. Riparte Jérémie Beyou mentre Nico Troussel si avvia mestamente verso Capo Verde

Vendée Globe: Thomson si ferma per tentare la riparazione

Guai grandi e piccoli per tutta la flotta. Anche il leader, Thomas Ruyant è dovuto salire in testa d'albero

Vendée Globe: Thomas Ruyant al 2° posto davanti a Jean Le Cam

Alex Thomson continua a guidare la corsa e questa mattina dovrebbe entrare nella zona del Pot au Noir con poco vento, temporali e grossa variabilità

America's Cup: primi bordi per New Zealand

Bene le prime prove in acqua, la barca vola e il Team è molto soddisfatto

Vendée Globe: Thomson conquista l'Equatore, ma Ruyant incalza a 7 miglia

L’aggiornamento di questa mattina ci regala un duello serrato con gli immediati inseguitori, perché Thomas Ruyant è a sole 7.8 miglia da Alex Thomson e Charlie Dalin a 36.1 miglia (alle ore 10:30)

Il Vendée Globe e i suoi piccoli amici

Alex Thomson è sempre in testa e Jean Le Cam scivola in 4a posizione. A bordo con i solitari anche tanti piccoli amici che impareremo a conoscere

Vendèe Globe: match race tra Dalin e Ruyant verso l'Indiano

Per Pedote un 13° posto nel gruppo degli inseguitori. Un controllo alla barca rivela che è assolutamente pronta per il Grande Sud (foto on board Prysmian Group)

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci