sabato, 27 maggio 2017


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

cnsm    cinquecento    calvi network    j24    vela    regate    guardia costiera    j70    attualità    federagenti    brindisi-corfù    suzuki    meteor    mini 6.50    barche d'epoca    giraglia rolex cup   

GAETANO MURA

Il navigatore solitario Gaetano Mura rientra a Cagliari

il navigatore solitario gaetano mura rientra cagliari
redazione

Gaetano Mura, il navigatore di Cala Gonone protagonista del tentativo di circumnavigazione del globo in solitario con il Class 40 Italia di 12 metri, terminato a metà percorso in Australia a causa di una serie di avarie all'imbarcazione che hanno suggerito l’interruzione dell’impresa, è rientrato ieri sera a Cagliari. Nel transito allo scalo romano di Fiumicino, Gaetano Mura è stato salutato dal collega navigatore Matteo Miceli. All'aeroporto del capoluogo sardo l'ocean-racer è stato accolto da una piccola folla di amici, sostenitori e giornalisti. 
Il grande seguito da parte del pubblico di appassionati della vela e non, è stato uno dei risultati più eclatanti dell'impresa oceanica di Gaetano Mura, Italia e del Team 1Off, a dispetto della sua conclusione anticipata. Il velista italiano ha ricevuto centinaia di messaggi di incoraggiamento, e tra questi quelli di molti suoi colleghi navigatori. Grande successo è stato fatto registrare dai diari di bordo, dalle foto e dai video di Gaetano, pubblicati sul sito ufficiale dell'impresa “Solo Round The Globe Record” (www. http://www.gaetanomurarecord.com), sulle pagine social, e con una vasta eco su tutti i mezzi di comunicazione.
Tra i commenti all'arrivo di Gaetano Mura a Cagliari, spicca quello di Santino Concu, patron di 1Off che ha coordinato il team del velista sardo. "L'impresa è partita bene sotto ottimi auspici - ha detto Concu - la barca a posto, il navigatore in forma, un team che ha funzionato benissimo, affiancando al velista una parte medica, l'alimentazione, il meteo. Non è stato tralasciato niente. Certamente in imprese simili l'imprevisto è sempre dietro l'angolo, è qualcosa di imponderabile contro il quale si può fare poco. Siamo contenti per quanto ha fatto Gaetano nella metà del giro del mondo che ha compiuto. E sono soddisfattissimo per come ha funzionato il team, prima della partenza, nei giorni della navigazione e anche durante l'approdo a Fremantle.
"Sono contento di rivedere Gaetano a casa. Questi mesi sono stati molto emozionanti. Devo dire che non ci aspettavamo che fosse così complicato, credo che in questa impresa siamo cresciuti insieme. Prima della partenza eravamo tutti sulla stessa linea, sembrava quasi normale che Gaetano partisse per girare il mondo a vela da solo e tornasse. Poi strada facendo ci siamo resi conto della difficoltà e profondità di una circumnavigazione del globo da parte di un velista solitario. Ci siamo adoperati sempre per garantire il massimo livello di sicurezza, e personalmente ho seguito Gaetano giorno e notte. Anche se non ci siamo sentiti spesso: è stato un tacito accordo tra noi, ho preferito non disturbarlo mentre faceva benissimo il suo mestiere di navigatore. Come lui ha sempre detto: terra e mare sono distanti, e gli stati d'animo molto differenti.”
"Il futuro? Io sono ottimista - conclude Santino Concu (1Off) - Ho conosciuto Gaetano per caso con amici comuni nel 2011, insieme abbiamo deciso di costruire il Class 40 Bet1128, che oggi si chiama Italia. Io sono un entusiasta, mi piacciono le nuove imprese, i progetti e le idee buone. Se ci saranno i presupposti, da questa impresa si potrà ripartire per fare qualcosa di nuovo. Difficile pensare a imprese più grandi di un giro del mondo, ma senz'altro si può immaginare qualcosa che arrivi al grande pubblico, che porti all'attenzione del grande pubblico gli sport nautici, il valore e la bellezza di una Terra come la Sardegna, di un Paese come l’Italia. Un ringraziamento da parte mia e del Team 1Off alle istituzioni che hanno creduto in questo progetto, al Ministro Franceschini, all’Enit, alla Regione Sardegna."
Oggi intanto partiranno da Cagliari tre tecnici che a Fremantle, Perth, dove Italia è ormeggiata ospite del Fremantle Sailing Club, procederanno a ulteriori verifiche sulla barca prima di prepararla e caricarla su un cargo che la riporterà via mare nel nostro paese. 


10/01/2017 15:04:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Salina Sailing Week 25/28 Maggio

Sarà una edizione con una leggera contrazione numerica dovuta alla immediatamente successiva tappa di Trapani dei Beneteau 25

Monfalcone: un "College" per imparare la vela alla Scuola Vela Tito Nordio

La Scuola Vela Tito Nordio dello Yacht Club Hannibal, la prima Scuola Vela riconosciuta dalla Federazione Italiana Vela è organizzata con il sistema del “college inglese”

Veneto e Friuli Venezia Giulia insieme nel brand "Alto Adriatico"

L’idea è di unire le forze per presentare all’estero le spiagge delle due regioni sotto un unico brand ispirato all’area geografica di appartenenza: l’Alto Adriatico

Mare: allarme plastica

Quante micro e nano plastiche ci sono in mare? E quali effetti hanno sulla catena alimentare? Da dove provengono e quali sono le soluzioni applicabili?

Riva di Traiano - La Maddalena: parte il 2 giugno la 1000 Vele per Garibaldi

125 miglia di traversata e due regate costiere nell'arcipelago de La Maddalena

America’s Cup 2017: l’italiana KASK fornitrice ufficiale dei caschi all’equipaggio inglese di Land Rover BAR

L'azienda bergamasca che da più di dieci anni rappresenta un punto di riferimento nel mondo del ciclismo e in altri comparti sportivi come lo sci alpino e l’equitazione

Bel week end di regate e podi per le squadre Optimist e Laser Fraglia Vela Riva

La Fraglia Vela Riva qualificata ai Campionati nazionali a Squadre Optimist dopo la vittoria alla "Due giorni di Ledro", organizzata dall'Associazione Velica Lago di Ledro

Lauderdale Yacht Club è il vincitore del XXXI Trofeo Marco Rizzotti

Sul podio anche la Nazionale Italia, uscita sconfitta solamente dallo scontro diretto con Lauderdale, e LISOT New York

Il Circolo Canottieri Aniene vince l'Audi - Italian Sailing League

Al secondo posto il Circolo Velico Ravennate e ottimo esordio da terzi per il Centro Velico 3V

I Mini 6.50 ricordano Simone Bianchetti

200 miglia in Adriatico per un Trofeo dedicato allo skipper romagnolo

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci