martedí, 28 marzo 2017


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

trofeo princesa sofia    vela olimpica    optimist    vela    seatec    suzuki    campionati invernali    regate    libri    melges    classi olimpiche    fraglia vela riva    altura    press    derive   

GAETANO MURA

Il navigatore solitario Gaetano Mura rientra a Cagliari

il navigatore solitario gaetano mura rientra cagliari
redazione

Gaetano Mura, il navigatore di Cala Gonone protagonista del tentativo di circumnavigazione del globo in solitario con il Class 40 Italia di 12 metri, terminato a metà percorso in Australia a causa di una serie di avarie all'imbarcazione che hanno suggerito l’interruzione dell’impresa, è rientrato ieri sera a Cagliari. Nel transito allo scalo romano di Fiumicino, Gaetano Mura è stato salutato dal collega navigatore Matteo Miceli. All'aeroporto del capoluogo sardo l'ocean-racer è stato accolto da una piccola folla di amici, sostenitori e giornalisti. 
Il grande seguito da parte del pubblico di appassionati della vela e non, è stato uno dei risultati più eclatanti dell'impresa oceanica di Gaetano Mura, Italia e del Team 1Off, a dispetto della sua conclusione anticipata. Il velista italiano ha ricevuto centinaia di messaggi di incoraggiamento, e tra questi quelli di molti suoi colleghi navigatori. Grande successo è stato fatto registrare dai diari di bordo, dalle foto e dai video di Gaetano, pubblicati sul sito ufficiale dell'impresa “Solo Round The Globe Record” (www. http://www.gaetanomurarecord.com), sulle pagine social, e con una vasta eco su tutti i mezzi di comunicazione.
Tra i commenti all'arrivo di Gaetano Mura a Cagliari, spicca quello di Santino Concu, patron di 1Off che ha coordinato il team del velista sardo. "L'impresa è partita bene sotto ottimi auspici - ha detto Concu - la barca a posto, il navigatore in forma, un team che ha funzionato benissimo, affiancando al velista una parte medica, l'alimentazione, il meteo. Non è stato tralasciato niente. Certamente in imprese simili l'imprevisto è sempre dietro l'angolo, è qualcosa di imponderabile contro il quale si può fare poco. Siamo contenti per quanto ha fatto Gaetano nella metà del giro del mondo che ha compiuto. E sono soddisfattissimo per come ha funzionato il team, prima della partenza, nei giorni della navigazione e anche durante l'approdo a Fremantle.
"Sono contento di rivedere Gaetano a casa. Questi mesi sono stati molto emozionanti. Devo dire che non ci aspettavamo che fosse così complicato, credo che in questa impresa siamo cresciuti insieme. Prima della partenza eravamo tutti sulla stessa linea, sembrava quasi normale che Gaetano partisse per girare il mondo a vela da solo e tornasse. Poi strada facendo ci siamo resi conto della difficoltà e profondità di una circumnavigazione del globo da parte di un velista solitario. Ci siamo adoperati sempre per garantire il massimo livello di sicurezza, e personalmente ho seguito Gaetano giorno e notte. Anche se non ci siamo sentiti spesso: è stato un tacito accordo tra noi, ho preferito non disturbarlo mentre faceva benissimo il suo mestiere di navigatore. Come lui ha sempre detto: terra e mare sono distanti, e gli stati d'animo molto differenti.”
"Il futuro? Io sono ottimista - conclude Santino Concu (1Off) - Ho conosciuto Gaetano per caso con amici comuni nel 2011, insieme abbiamo deciso di costruire il Class 40 Bet1128, che oggi si chiama Italia. Io sono un entusiasta, mi piacciono le nuove imprese, i progetti e le idee buone. Se ci saranno i presupposti, da questa impresa si potrà ripartire per fare qualcosa di nuovo. Difficile pensare a imprese più grandi di un giro del mondo, ma senz'altro si può immaginare qualcosa che arrivi al grande pubblico, che porti all'attenzione del grande pubblico gli sport nautici, il valore e la bellezza di una Terra come la Sardegna, di un Paese come l’Italia. Un ringraziamento da parte mia e del Team 1Off alle istituzioni che hanno creduto in questo progetto, al Ministro Franceschini, all’Enit, alla Regione Sardegna."
Oggi intanto partiranno da Cagliari tre tecnici che a Fremantle, Perth, dove Italia è ormeggiata ospite del Fremantle Sailing Club, procederanno a ulteriori verifiche sulla barca prima di prepararla e caricarla su un cargo che la riporterà via mare nel nostro paese. 


10/01/2017 15:04:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Il Centro Velico Caprera compie cinquant’anni

E per l’occasione ha presentato oggi a Milano il suo progetto di responsabilita’ ambientale, etica e sociale in partnership con realta' di eccellenza

Edd China lascia Affari a 4 Ruote

a nuova produzione americana (Velocity Channel) gli aveva chiesto di non effettuare tutte le riparazioni per risparmiare tempo e soldi. "Questa nuova direzione non mi trova d'accordo, perché penso che venga compromessa la qualità del mio lavoro".

Roma per 1: la vela "No Frills" di Riva di Traiano fa tendenza

Sette solitari e diciannove equipaggi in doppio. Al momento più della metà della flotta in partenza per la Roma per1/2/Tutti non è in equipaggio

Marina Cala de’ Medici diventa ora anche palestra di preparazione

Palestra di preparazione per gli armatori che hanno di recente acquistato i loro Mylius e si accingono alle prime prove in mare di regata, in attesa dei prossimi appuntamenti a livello italiano, europeo e mondiale

Al via il calendario di attività 2017 del Club Nautico Scarlino

Il Campionato del Mondo TP52 e il Campionato del Mondo Flying Dutchman sono i due highlight di una stagione intensa e variegata

Comandanti e designer al Seatec 2017

Alla 15° edizione due delegazioni di comandanti di grandi yacht e di designer, s’incontrano con le aziende espositrici su tematiche comuni e dedicate

Tavola rotonda al Porto Marina Cala de’ Medici con l’Assessore regionale Stefano Ciuoffo

Temi cardini integrazione Porto-territorio e del prossimo salone di Viareggio

A Spagnolli-Rio la I regata Nazionale 420 di Riva del Garda

Un’ultima giornata sofferta alla I Regata Nazionale 420 di Riva del Garda, ma alla fine si sono riuscite a disputare altre 3 regate, portando a 7 il “bottino” finale

Regata Nazionale 420: prima giornata a secco di vento

Il ricordo per il giudice e arbitro di regata Flavio Marendon

Domani al via a Palma di Maiorca le regate del Trofeo Princesa Sofia

Circa 900 i velisti che per sei giorni si sfideranno nelle acque di Palma di Maiorca, alle isole Baleari, impegnati nel primo evento del circuito Europeo delle classi a cinque cerchi

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci