sabato, 23 gennaio 2021

VELA OLIMPICA

Danzica: buon inizio degli Azzurri agli Europei Laser

danzica buon inizio degli azzurri agli europei laser
redazione

Dopo i tre europei delle classi acrobatiche assegnati in Austria la scorsa settimana (con il titolo del catamarano Nacra 17 degli italiani Ruggero Tita e Caterina Banti e il terzo posto di Vittorio Bissaro e Maelle Frascari), la vela olimpica torna protagonista a Danzica, in Polonia, con il campionato Europeo delle discipline olimpiche in singolo Laser Standard maschile e Laser Radial femminile.

 

Nel primo giorno di regate il vento è stato molto variabile da medio a forte, il programma è stato rispettato in pieno con due prove per ciascuna batteria delle due flotte maschile (126 concorrenti, tra cui 10 timonieri azzurri) e femminile (107 al via e 8 azzurre).

 

Nel Laser Standard maschile ottimo avvio per Marco Gallo (Fiamme Gialle) (6-2 i piazzamenti del giorno) che occupa il 3° posto della classifica generale, e Nicolò Villa (CV Tivano) (6-3) al 4° posto. In testa l'inglese di origini italiane Lorenzo Brando Chiavarini (1-1). Gli altri azzurri dopo le prime due regate: 23° Gianmarco Planchestainer (Fiamme Gialle) (4-25); 42° Giovanni Coccoluto (Fiamme Gialle) (33-10); 59° Filippo Guerra; 60° Dimitri Peroni; 66° Alessio Spadoni); 91° Giacomo Musone; 112° Edoardo Libri; 115° Claudio Natale.

 

Nel Laser Radial femminile, che vede al comando la danese Anne-Marie Rindom, medaglia d'argento a Rio 2016, buon 8° posto dopo due prove per l'azzurra Silvia Zennaro (Fiamme Gialle) (4-10) e 12° per Carolina Albano (Fiamme Gialle) (8-7). Le altre timoniere italiane: 32° Joyce Floridia (Fiamme Gialle) (26-11); 42° Chiara Benini Floriani (FV Riva) (18-23); 55° Francesca Frazza; 57° Valentina Balbi; 58° Matilde Talluri; 59° Federica Cattarozzi.









I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

America's Cup: su e giù dai foil Luna Rossa batte Patriot

E’ stata una giornata complessa ma allo stesso tempo rivelatrice per i tre Challenger impegnati nei Round Robin della PRADA Cup per le difficili condizioni di vento leggero che hanno costretto spesso gli AC75 a scendere dai foil

Luna Rossa: salvi per il rotto della ...scuffia

Ma nonostante le apparenze la barca si è comportata bene. Contro Ineos annullata una prima regata che Luna Rossa stava conducendo e contro American Magic è stata una regata al buio per il mancato funzionamento del Racing Software

America's Cup: Patriot rientrerà solo per le semifinali

Le riparazioni del carbonio saranno effettuare in parte utilizzando boat builders locali per ricostruire i pannelli rovinati, in parte con lo shore team che si occuperà delle finiture

I vincitori del concorso fotografico "Mediterraneo, un mare da scoprire"

la giuria ha decretato i vincitori, premiati con il “celebre” Pandino di cartapesta che il WWF consegna ai suoi partner e testimoni più attenti alle tematiche ambientali e la pubblicazione delle foto sulla rivista Panda digitale

America's Cup: nuovo programma per le eliminatorie della Prada Cup

Qualora INEOS TEAM UK dovesse vincere la regata di sabato, la prova di domenica sarà ridondante in quanto sarà già il primo classificato dei gironi eliminatori e accederà direttamente alla finale della PRADA Cup

America's Cup: in acqua con il terrore di una nuova scuffia

Nel caso una barca si ribalti durante una regata gli Umpires potranno fermare la prova subito dopo e il punto verrà assegnato all’avversario, senza aspettare che la barca riceva aiuti esterni

Vendée Globe: la roulette russa dell'Aliseo

Con l'evoluzione dell'anticiclone, sembra sempre più evidente che non sarà così facile e veloce per i leader collegarsi al treno a bassa pressione proveniente da ovest, con l'obiettivo di raggiungere alle Azzorre il SW favorevole

Young Azzurra si prepara per gli impegni sportivi del 2021

Il team sarà impegnato nella Youth Foiling World Cup e nel circuito di regate della Persico 69F Cup

America's Cup: Ineos vince ma Luna Rossa ci ha provato

E’ stata una regata davvero spettacolare: la leadership è cambiata ben nove volte: un match race a 40 nodi con incroci ravvicinati, ingaggi, proteste. Tutto quello che si chiede a barche ed equipaggi dell’America’s Cup

Trofeo Jules Verne: timone rotto per Gitana 17 che fa rotta verso Cape Town

Non possiamo riparare un danno del genere in mare e non possiamo più usare il nostro timone. Lo abbiamo sollevato e ora stiamo navigando a babordo senza timone. Siamo al sicuro, ma non siamo in grado di andare veloce

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci