lunedí, 6 febbraio 2023


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

nauticsud    dragoni    vele d'epoca    open skiff    regate    protagonist    the ocean race    campionati invernali    foiling    porti    vendée globe    america's cup    tiliaventum   

REGATE

Conclusa la IV edizione della Mediolanum Cup 2022

conclusa la iv edizione della mediolanum cup 2022
redazione

 

Il maltempo non ha fermato la festa della Mediolanum Cup 2022 che giunta alla quarta edizione si è svolta domenica 18 settembre, posticipata di un giorno dal programma iniziale.

La regata, realizzata con il contributo di Banca Mediolanum e di Alessandra CELLUCCI weallth Advisor dell’ufficio dei consulenti finanziari di Rimini, ha visto alla regia la collaborazione del Circolo Velico Riminese e Yacht Club Rimini che hanno portato sul campo di regata 28 equipaggi provenienti da diversi porti adriatici ed ospitati per l’occasione dal Marina di Rimini. 

In una bella giornata di sole le imbarcazioni hanno seguito un percorso a triangolo al largo del porto di Rimini per un totale di circa 15 miglia. Il vento leggero, e poco costante, ha però costretto i team a combattere per catturare le raffiche. Una regata, quindi, che si è confermata tecnica, avvincente anche per la presenza di molti equipaggi di alto livello. 
Dopo la regata gli equipaggi si sono ritrovati presso il Marina di Rimini per la festa della premiazione, in un’atmosfera che ha sottolineato i valori della vela come sport di incontro, aggregazione e solidarietà.

A sottolineare questi valori anche i trofei consegnati ai vincitori che sono stati progettati e realizzati dai ragazzi del Settore artigianale Decorazioni della Comunità di San Patrignano utilizzando legni di riciclo offerti dal Cantiere De Cesari di Cervia e stralci di vele donati dalla veleria Quantum Design, azienda leader mondiale di settore.

I VINCITORI DELLA MEDIOLANUM CUP 2022

A vincere il Trofeo Challenge Mediolanum Cup 2022 è stato il TP 52 Orlanda di Sanzio Sammarini e Andrea Muratori che riceve anche un bellissimo orologio Tag Heuer offerto dalla gioielleria Aldo Tamburini di Rimini. 

Gli altri vincitori di classe:

Classe Mini 
1°Mr Hyde (Hyde 27) di Marco Rusticali 
2° Melges 24 ITA563 di Lorenzo Del Felice
3° Dragonball (Beneteau 25) di Daniele Pascarella

Classe Alfa
1° Piuma (Melges 32) di Andrea Musone
2° Magoo Vulcangas (Asso 99 mod) di Daniele Mazzotti
3° Alter Fox (Deheler 30) di Matteo Pagliarani 

Classe Bravo
1° Lo.Re (Solaris 36 OD) di Matteo Forni
2° Orsa Minore (Bavaria) di Gaetano De Risio


Classe Charlie
1° Fragolina (Twelve OD) di Omero Giangrandi
2° Angi (Giro 34) di Salvatore Merolla
3° Almic (One ton) di Pietro Vecchi

Classe Delta
1° Shear Terror (Farr 40) di Cesare Salotti 
2° Karnak (Class 40) di Marco Bianchini con skipper Stefano Raspadori
3° X Altaire (IMX 40) di Vito Angelini

Classe Maxi
1° Orlanda (TP 52) di Sanzio Sammarini e Andrea Muratori
2° Pegaso (Cori 70) di Boccoli – Zambelli

Vele Bianche
1° Matilda (Nova 30) di Gabriele Arceci
2° Aligusta (GS 34) di Cinzia Vaselli
3° Carpathia (Bavaria 32) di Luca Montebelli

Classe ORC
1° Piuma (Melges 32) di Andrea Musone
2° Shear Terror (Farr 40) di Cesare Salotti
3° Lo.Re (Solaris 36 OD) di Matteo Forni

Premio speciale per la barca storica è stato assegnato ad Almic di Pietro Vecchi, One Ton del 1978.
Premio combinata Rigasa-Mediolanum Cup per Mr Hyde di Marco Rusticali, che riceve un pc portatile offerto da Kenovo.

Presente alla regata anche un equipaggio che ha portato i colori di Crisalide, associazione di Rimini che lavora a sostegno delle donne operate di tumore al seno. Dopo aver lanciato sui social un appello per formare un equipaggio e partecipare alla Mediolanum Cup, a rispondere è stata subito la giovane velista Cecilia Zorzi che si è proposta come Ambassador di Crisalide per divulgare l’importanza della prevenzione al tumore al seno anche attraverso lo sport. 
Poi è arrivata l’adesione di Aligusta, un GS 34 di proprietà di Cinzia Vaselli, che ha portato sul campo di regata un team formato da Cecilia Zorzi e altri appassionati giunti da diverse città italiane. L’organizzazione della Mediolanum Cup ha deciso di assegnare un premio speciale al team per sottolineare come lo sport della vela possa portare messaggi importanti anche sui campi di regata. 


CECILIA ZORZI, UN TALENTO NON SOLO IN MARE.

Cecilia Zorzi è nata e cresciuta in Trentino ma ha il mare e la vela nel cuore. Dopo aver seguito un percorso su derive e Nacra 17, con una campagna olimpica, oggi ha deciso di guardare verso i grandi orizzonti della vela d’altura con il suo progetto “Cecilia in Oceano”. Un programma che la porterà ad attraversare l’Oceano Atlantico alla Mini Transat, regata in solitario a bordo dei piccoli Mini 6.50 (barche di 6 metri e 50). Il progetto di Cecilia però non si ferma alla vela perché, come scritto nel suo sito, nasce dalla consapevolezza dell’importanza dello sport, non fine a sé stesso ma in quanto veicolo di messaggi e testimonianze di vita.

MEDIOLANUM CUP – PASSIONE E CONNESSIONE

La Mediolanum Cup è nata per unire i circoli della città di Rimini e connettere il Marina di Rimini con gli altri porti dell’alto e medio Adriatico, creando quelle speciali sinergie comuni a tutti gli amanti della vela e delle regate d’altura. 

Un evento nell’evento grazie al Team Foursailing.

Due giorni speciali per vivere un’esperienza unica all’insegna dello sport, della condivisione e del networking. E soprattutto per scoprire il mondo della vela uscendo in barca a bordo dell’imbarcazione Pegaso (Cori 70), evento nato dalla collaborazione di Lavoropiù con il team Foursailing, a margine della regata Mediolanum Cup di Rimini.
Venerdì 16 settembre, dopo un veloce briefing pre-partenza con l’equipaggio e un momento conviviale per conoscersi meglio, Pegaso è potuta salpare a largo delle coste romagnole per svolgere il suo allenamento prima di fare ritorno al porto di Rimini.

 

 

 

 

 


19/09/2022 17:56:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Parità di genere? Non al Vendée Globe che esclude Clarisse Crémer per maternità

Non è più valida la regola della qualifica automatica per i partecipanti all'edizione precedente e Clarisse Crémer, in maternità, non potrà mai conquistare i punti necessari per la qualificazione all'edizione 2024

C'è Wanax EXP Team in testa all'Invernale di Anzio/Nettuno

Ancora un bel fine settimana per Altura, J24 e Platu 25 al Campionato invernale di Anzio e Nettuno

A Fiumicino la tecnologia è di aiuto per migliorare la prestazione sportiva

A bordo delle barche presenti al Campionato Invernale di Roma un sistema GPS permette di analizzare la regata. Sabato la dimostrazione in aula, domenica torna la competizione

Benetti ha varato FB283, Full Custom yacht di 62 metri

Il 26 gennaio, all’interno del cantiere di Livorno, si è svolta la cerimonia di varo di FB283, Benetti Full Custom yacht di 62 metri con scafo in acciaio e sovrastruttura in alluminio, tagliato su misura del suo armatore come un vestito sartoriale

The Ocean Race, una guerra di nervi

È un momento di nervosismo per i velisti, e gli effetti della bonaccia si fanno sentire... (nell'articolo tutti i link ai video del giorno girati a bordo)

Partita la seconda manche del Campionato Invernale di Marina di Loano

Vento da Nord con 20 nodi alla partenza, progressivamente calato fino a 10 nodi all’arrivo, tanto sole e mare calmo per i 44 equipaggi iscritti al Campionato Invernale più frequentato della 1a Zona FIV

Tre Golfi 2023: dal 12 al 21 maggio dieci giorni di grande vela

Scatta il conto alla rovescia per la Tre Golfi Sailing Week e il Campionato Europeo Maxi con la penisola sorrentina ancora una volta protagonista dopo l'esaltante successo del 2022

America's Cup: sarà l'Orient Express team a rappresentare la Francia

Il Gruppo Accor e i suoi marchi Orient Express e ALL-ACCOR Live Limitless si impegnano per il team sportivo K-Challenge

47° Invernale del Tigullio verso la chiusura: lotta in tutte le classi per i titoli 2023

Si chiude nel fine settimana la 47a edizione del Campionato Invernale del Tigullio, rassegna velica d'altura a cura del Comitato Circoli Velici Tigullio

The Ocean Race: GUYOT environnement - Team Europe primo all'Equatore

GUYOT environnement - Team Europe è stato il primo a tagliare la linea degli 0 gradi nord poco dopo le 2 del mattino UTC mentre cinque ore e mezza dopo è stato Team Malizia ad entrare a sud

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci