lunedí, 10 agosto 2020


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

optimist    trasporto marittimo    mini 6.50    fiv    porti    benetti    press    persico 69f    salone nautico di genova    altura    laser    rs feva   

MINI 650

Ambrogio Beccaria tenta il poker in Atlantico

ambrogio beccaria tenta il poker in atlantico
Redazione

Beccaria è di nuovo sulla linea di partenza a bordo della sua barca di sei metri e mezzo, da poco ribattezzata GeomagDomani 22 luglio alle ore 14,00 partirà infatti per la dodicesima edizione de “Les Sables D’Olonne – Azzorre – Les Sables D’Olonne” (SAS), la regata in solitario più importante della stagione Mini 6.50.

Regata complicata e molto completa, la SAS è un vero e proprio trampolino di lancio per la Mini-Transat del 2019. Il percorso è di 2540 miglia in due tappe, dalla Vandea (Francia), a Fajal (isole Azzorre), e ritorno.

Sul leggendario pontile del Vendée Globe ci sono 59 partecipanti (45 barche di serie e 14 prototipi) di cui 7 donne.  Ambrogio, che naviga sul modello più nuovo fra le barche di serie, un Pogo 3, è l’unico italiano in gara. Reduce da una stagione decisamente vincente, primo e unico italiano ad aver vinto tre regate di seguito in Francia, è primo nella classifica del campionato in solitario (Championnat de France Promotion Course au Large en Solitarie).Per Ambrogio non è la prima volta alla SAS. Nel 2016 aveva conquistato a soli 24 anni il secondo posto assoluto a bordo di una barca di vecchia generazione, con un exploit che entusiasmò il pubblico e la stampa. La SAS è dunque per il navigatore milanese una regata a cui è molto affezionato, e che quest’anno affronta innegabilmente da favorito.

Secondo gli organizzatori della SAS, Beccaria “è uno degli uomini forti del circuito che può ormai esprimere a pieno il suo potenziale alla barra del suo nuovo Pogo 3. Nel 2018 ha già vinto la Mini en Mai, Il Trophée Marie-Agnès Péron e anche il Mini Fastnet, e lo vediamo bene come successore di Tanguy Bouroullec, il detentore del titolo”.

Ian Lipinski, due volte vincitore della Mini-Transat: «Quando ho conosciuto Ambrogio sono rimasto colpito da questo italiano che era sbarcato un po’ alla meno peggio in terra sconosciuta, ma con la ferma intenzione di farsi un nome tra i migliori. Nel giro di poco abbiamo tutti cominciato a considerarlo come uno dei migliori velisti del momento in Classe Mini 6.50… e menomale che non l’ho mai avuto come avversario».

Favorito?

«Ho vinto tre regate di fila», dice Ambrogio, «e sono statisticamente il favorito, ma non ho mai passato più di tre notti su questa barca e in una regata di otto/nove giorni consecutivi per tappa ci sono molte più variabili. La SAS è la prima regata oceanica lunga che faccio sul Pogo 3 e quindi saranno tante cose da imparare: il comportamento di una barca così piccola in mezzo all’oceano è ben diverso che sottocosta».

Gli obiettivi

«Il mio obiettivo è salire sul podio della SAS, e poi vincere il Campionato francese in solitario… al momento sono in testa e questa è l’ultima prova del campionato. Nessun italiano lo ha mai vinto nei serie prima d’ora!».

Le difficoltà

«Uscire dal Golfo di Biscaglia è un bel grattacapo ogni volta: venti leggeri e ballerini renderanno le giornate lunghissime ed estenuanti. Il momento clou del percorso sarà sicuramente il passaggio a Capo Finisterre, dove sono già passato due volte… qui è dove l’oceano ti fa capire chi comanda! Per quanto riguarda l’arrivo alle Azzorre, il vulcano di Pico, alto quasi 3000 metri “si mangia il vento”, come dicono i portoghesi. Bisogna stare sempre attenti alle zone di poco vento nei pressi delle isole. Un altro ostacolo letteralmente grosso è il gran numero di balene presenti nell’arcipelago, amate dai turisti, ma decisamente temute dai marinai».

Il meteo

«Una dorsale di alta pressione ci bloccherà la strada nel golfo di Biscaglia quindi partiremo con un vento leggero da Nord-Est. Probabilmente non ci saranno grandi distacchi nella flotta i primi giorni; una volta vicini a Capo Finisterre avremo più informazioni per i giorni a seguire e potremo prendere decisioni per la rotta da seguire verso le Azzorre. Se ci sarà alta pressione potremo aggirarla da Sud, viceversa nel caso di una depressione probabilmente la rotta sarà più a Nord e ben più scomoda».

Geomagworld, il nuovo sponsor

«Sono molto contento della collaborazione con Geomagworld. Buffo pensare come uno dei miei giochi preferiti di quando ero bambino sia adesso il mio sponsor. Mi piace molto quest’azienda perché non delocalizza la produzione, ma punta sulla qualità e su oggetti creativi che stimolano la fantasia. Del resto, nella vela oceanica bisogna sapersi inventare soluzioni strane per affrontare l’imprevedibilità dell’avventurarsi da soli in oceano».

Filippo Gallizia, CEO di Geomagworld«Siamo orgogliosi di aver attivato una collaborazione con Ambrogio Beccaria per supportarlo nel progetto Mini 6.50, così ambizioso e impegnativo. Il fascino del gioco di costruzione magnetica risiede nel fatto che stimola la creatività, la fantasia, la tenacia e l’ingegno, aiutando le persone a crescere in modo sano. Che Ambrogio sia un bambino cresciuto bene lo dimostrano il coraggio, la competenza e la perseveranza con cui affronta il mare aperto e sfrutta la forza del vento a suo favore. Ambrogio rappresenta perfettamente i valori di Geomagworld e insieme racconteremo quanto sia importante il gioco intelligente per la crescita del bambino».


21/07/2018 17:48:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Mini 6.50, Les Sables: Cuciuc e Mengucci nel gruppo di testa

Al momento hanno iniziato bene questa prima tappa della Les Sables –Les Açores i due romani Federico Cuciuc e Giovanni Mengucci, rispettivamente quinti nei Proto e nei Serie

Mini 6.50, partita la Les Sables - Les Açores

Al via quattro italiani: Federico Cuciuc, Luca Del Zozzo, Domenico Caparrotti e Giovanni Mengucci

E’ nato il Campionato Offshore Alto Adriatico 2020

Tre circoli, quattro regate, un nuovo Campionato. In un periodo complicato la voglia di vela ha unito il Circolo Velico Riminese, il Circolo Nautico Santa Margherita e lo Yacht Club Adriaco per un programma dal sapore tutto Adriatico

Tre settimane all'Italiano d'Altura di Gaeta

YC Gaeta e Base Nautica Flavio Gioia con grande determinazione hanno affrontato le problematiche legate all’emergenza Covid 19 per onorare gli accordi presi con la FIV e con l’UVAI

RS Feva/RS 500: sul Garda vincono i ragazzi del Savio-Ravenna e del lago di Viverone

Tre giornate di sfide, qualche problema (superato) con le bizzarrie del tempo, alla fine sette prove corse con arie medio leggere, anche se non è mancata qualche raffica del mitico "Pelèr" gardesano

Mini 6.50: Tanguy Bouroullec vince la prima tappa a Les Sables d'Olonne

Il migliore degli italiani è stato Federico Cuciuc, che solo in un finale al rallentatore ha perso posizioni finendo 7° tra i Proto e 15°assoluto. Giovanni Mengucci ha tagliato il traguardo al 25° posto (18° tra i Serie)

Ferretti Group sempre più leader in Asia Pacific

Nonostante l'emergenza COVID-19, il Gruppo ha registrato il maggior numero di ordini dal suo debutto sul fronte Asia Pacific nel 2012, consolidando la propria posizione al vertice del mercato nautico della regione

La Fraglia Vela Riva vince l'Italiano a squadre Optimist

La prestazione della squadra benacense, nelle acque di Follinica, è stata impeccabile, con una scia ininterrotta di successi nel Round Robin e poi 2 vittorie secche per 2-0, in semifinale con il CV Muggia, e poi in finale con il Tognazzi Marine Village

Caos istituzionale e il porto di Venezia soffre

La Venezia Port community chiede di quali poteri possa disporre il neonominato Commissario all'Autorità di Sistema Portuale e quali confini circoscrivano la cosiddetta ordinaria gestione

Benetti: ecco il Giga Yacht “Luminosity”, un ibrido di 107 metri

Ma questo Giga yacht non è solo eleganza e design: a bordo si ritrova tutta l’esperienza e il know-how costruttivo di Benetti. “Luminosity”, il più grande ibrido mai costruito ad oggi

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci