lunedí, 15 luglio 2024


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

quebec saint malo    yacht club costa smeralda    regate    optimist    carthago dilecta est    pesca    ambiente    wwf    reale yacht club canottieri savoia    rs21    swan    melges 32    rs aero   

5.5 METRE

Porto Cervo: domani il gran finale del Mondiale 5.5 Metri

porto cervo domani il gran finale del mondiale metri
redazione

Penultimo giorno positivo al Campionato Mondiale della Classe Internazionale 5.5 Metri, durante il quale è stato possibile portare a termine ulteriori due prove, per un totale di otto regate disputate fino ad oggi. Aspire e Artemis restano rispettivamente in prima e seconda posizione mentre sale al terzo posto della classifica generale provvisoria Ku Ring Gai III, grazie ad un ottimo secondo posto nella prima prova di giornata. Domani, 29 settembre, sarà l’ultima giornata a disposizione dei team per dare il meglio di sé nelle ulteriori due prove in programma. La prima prova questa mattina è iniziata alle ore 12,00 con vento di Maestrale tra gli 8 e i 9 nodi di intensità. Protagonisti della regata sono stati fin da subito Jean Genie (GBR, Peter Morton, Andrew Palfrey, Ruairidh Scott), Aspire (POL, Mateusz Kusznierewicz, Przemysław Gacek, Edward Wright) e Ku Ring Gai III (AUS, John Bacon, James Mayjor, Terry Wetton) che hanno girato in quest’ordine la prima boa di bolina, molto vicini tra loro. Aspire e Ku Ring Gai III nel lato di poppa hanno sfruttato a loro vantaggio la pressione del vento riuscendo a passare, entrambi, di fronte a Jean Genie. Da quel momento in poi hanno condotto la prova, Aspire ha tagliato primo il traguardo davanti a Ku Ring Gai III. Jean Genie è riuscito a conquistare la terza posizione nell’ultimo lato di poppa, imponendosi su Artemis (NOR, Kristian Nergaard, Johan Barne, Trond Solli-Saether) che aveva girato di fronte a lui l’ultima boa di bolina.


A seguito del quarto posto nella prima prova di giornata, Artemis ha trovato la giusta carica per registrare la migliore performance dall’inizio del Mondiale. La seconda prova è stata molto combattuta, i team in testa hanno navigato a pochissimi metri di distanza durante tutto il corso della regata accompagnati da un Maestrale in rinforzo, sui 12 nodi di intensità. Artemis, Jean Genie, Girls on Film (GBR, Louise Morton, Andrew Mills, Sam Haines) e Aspire hanno sfilato uno dietro l’altro alla prima boa di bolina. Artemis è stato impeccabile, ha conquistato la vittoria della seconda prova di giornata dopo aver condotto la flotta dall’inizio alla fine, restando concentrato nonostante i risicati metri di distacco dagli avversari. Anche Aspire è stato autore di una ottima performance, dopo aver passato Jean Genie alla seconda boa di bolina ha cercato fino alla fine di conquistare il secondo posto sfidando apertamente Girls on Film. Sfida che si è risolta sul traguardo a favore del team britannico. 


La classifica generale provvisoria vede Aspire mantenere la prima posizione con 19 punti davanti ad Artemis, sempre secondo classificato. Sale al terzo posto Ku Ring Gai III grazie al secondo posto odierno. Con 43 punti, due punti dietro agli australiani, si trova John B seguito da Jean Genie, con 45 punti. In testa tra gli Evolution resta Criollo 30 (GER, Andreas Christiansen, Felix Christiansen, Moritz Christiansen) così come Cibele (ITA, Fabrizio Cavazza, Vittorio Zaoli, Duccio Colombi) tra i Classic. Rimangono ancora due prove da disputare domani, giornata finale dell’evento, a seguito delle quali sarà decretato il vincitore dell’edizione 2023 del Campionato Mondiale Classe Internazionale 5.5 Metri.

John Bacon, timoniere su Ku Ring Gai III: “Che notizia fantastica quella di essere in terza posizione nella classifica generale provvisoria! La prima prova di oggi è stata incredibile per noi. Siamo usciti in mare tenendo a mente le parole del nostro allenatore, ci aveva detto che oggi sarebbe stata la nostra giornata. Abbiamo navigato senza errori, con un ottimo assetto e siamo riusciti a portare a casa il miglior risultato di tutta la settimana. Siamo felici di essere qui, a Porto Cervo, in rappresentanza del nostro Club e del nostro Paese, navigando in una flotta fantastica.”

Fabrizio Cavazza, Presidente della Classe Italiana 5.5 Metri e timoniere a bordo di Cibele: “Ci troviamo in una location stupenda, con un clima fantastico caratterizzato da sole e vento e siamo stati calorosamente accolti dallo Yacht Club Costa Smeralda. Insomma, è una settimana fantastica e ci stiamo divertendo. La Classe 5.5 è costituita da tre tipi di scafi differenti: i Modern, gli Evolution e i Classic. Io possiedo una barca classica, ed è significativo che, dopo molti anni, il Campionato Mondiale si stia svolgendo in Italia e abbia radunato praticamente quasi tutta la flotta dei Classic. L’evento con 34 imbarcazioni partecipanti ha attirato team da ben 10 differenti nazioni.”


P { margin-bottom: 0.21cm }


28/09/2023 23:36:00 © riproduzione riservata






I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Quebec Saint-Malo: naufragio (e salvataggio) per Alberto Riva e Acrobatica

L’equipaggio, composto da Alberto Riva, Jean Marre e Tommaso Stella, sta bene ed è al sicuro su una nave cargo che l’ha tratto in salvo

“Route to Barcelona”: Silvestri e Paliotto (RYCC Savoia) staccano il pass per assistere alla UniCredit Youth America’s Cup

Si è svolta venerdì scorso, 5 luglio, la terza delle sette regate previste dall’iniziativa promossa da UniCredit “Route to Barcelona”

Quebec Saint Malò: Alberto Riva racconta il "botto" con il tanker Silver Ray

Resta da capire il perché della collisione che le pessime condizioni meteo giustificano solo in parte

Quebec Saint Malò: per Ambrogio non va "alla grande", lo scafo imbarca acqua

Regata finita anche per Ambrogio Beccaria che imbarca acqua nel suo Class 40 Alla Grande Pirelli

Quebec Saint Malò: Alberto Riva, Tommaso Stella e Jean Marre sbarcheranno alle Azzorre

La direzione di corsa della Quebec Saint Malò ha comunicato che la petroliera liberiana Silver Ray con a bordo i tre velisti soccorsi ieri in pieno Atlantico, farà scalo nelle isole Azzorre, per consentire lo sbarco

L'87% del Mar Mediterraneo è inquinato!

Con 1,9 milioni di frammenti per mq presenta la più alta concentrazione di microplastiche mai misurata nelle profondità. L’inquinamento idrico provoca 1,4 milioni di morti premature al mondo ogni anno

Moscioli in pericolo: Slow Food decide il fermo pesca

Innalzamento temperature marine: dovremo dire addio al saporito Mosciolo selvatico di Portonovo?

"Stenghele" di Pietro Negri vince a Malcesine l'Act4 della RS21 Cup Yamamay

Una tre giorni molto combattuta, con 32 team al via, caratterizzata dalle bizze del meteo, ma con cinque prove spettacolari sfruttando l’Ora, vento pomeridiano da Sud, puntuale a dare una mano ai velisti in regata

Quebec Saint Malò: Ambrogio Beccaria si ritira ufficialmente

Non è possibile proseguire senza rischi. I problemi strutturali della barca erano noti ed affrontati con una lunga manutenzione a Portland. Ora dovranno essere analizzati con attenzione perché la "potenza è nulla senza controllo" (Pirelli dixit)

Parte il 2 agosto la 26ma Carthago Dilecta Est

La Carthago Dilecta Est/Tunisie Sailing Week 2024, arrivata alla 26ma Edizione, è una delle più importanti Regate d'altura del Mediterraneo sia dal punto di vista velico sportivo che da quello mediatico

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci