sabato, 13 aprile 2024


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

optimist    ocean globe race    barcolana    regate    ilca 4    cambusa    scuola    normative    iqfoil    ambiente    circoli velici    mini 6.50    niji 40    fincantieri    este 24   

OCEAN GLOBE RACING

Ocean Globe Race: Line Honours a Punta del Este per Pen Duick VI

ocean globe race line honours punta del este per pen duick
Roberto Imbastaro

Il magnifico Pen Duick VI, guidato da Marie Tabarly, ha tagliato la linea di arrivo dello Yacht Club Punta del Este alle 15:55 UTC del 13 febbraio, conquistando il primo posto nella tappa di Capo Horn della MCINTYRE Ocean Globe Race. Il sole è uscito all’improvviso per dare il benvenuto all'equipaggio, che ha lottato duramente per il tanto ambito primo posto in tempo reale in quella che molti considerano la tappa più prestigiosa della circumnavigazione OGR di 8 mesi.

Con venti di 25 nodi e mari di 3 metri, Pen Duick VI ha trionfato dopo 30 giorni di gara da Auckland, Nuova Zelanda, a Punta del Este, Uruguay.

Il 73 piedi, il nero Ketch Bermudiano, ammiraglia del Progetto Elemen'Terre il cui obiettivo è sensibilizzare l'opinione pubblica sui principali problemi ambientali, è lo yacht più grande della flotta OGR. Pen Duick VI ha una lunga e, per alcuni, complicata relazione con la Whitbread Round the World Race. Il padre di Marie, Éric Tabarly, ha guidato per la prima volta Pen Duick VI nella Whitbread del 1973 e oggi Marie ha dimostrato ancora una volta, senza ombra di dubbio, di cosa è capace questo iconico ketch. Marie ha ripetuto più volte che i venti forti sono il tipo di condizioni meteorologiche in cui Pen Duick VI eccelle, e finalmente li hanno ottenuti nella tappa numero tre. L'equipaggio ha festeggiato in grande stile gettandosi in acqua nel porto turistico dello Yacht Club Punta del Este, incitato da centinaia di sostenitori entusiasti, molti dei quali ricordavano gli ex yacht Whitbread che visitavano Punta del Este e le vecchie gare Whitbread. Marie, che ha attraversato la linea soffrendo di un dolore ai denti molto intenso, ha ammesso che mentre è felice di aver conquistato il primo posto, è una vittoria agrodolce poiché il suo più grande rivale Translated 9 è stato costretto a ritirarsi dalla tappa 3 a causa di danni allo scafo. Si sono verificate delle crepe dopo aver subito tre forti colpi e una forte inclinazione in una tempesta. Si sono ritirati e sono andati alle Isole Falkland dove si stanno preparando per trasportare lo yacht su una nave a Punta del Este per le riparazioni, nella speranza di riunirsi all'ultima tappa dell'OGR.

Marie Tabarly:"Una vittoria è una vittoria, se vuoi vincere una gara prima devi finirla. Vincerai mantenendo insieme la tua barca, l'equipaggio e tutto il resto. Preferirei concludere in acqua la rivalità con Translated ma forse hanno spinto troppo, ci sono molti forse. Ho mantenuto insieme la mia barca, ho finito e ho vinto. Ma è una vittoria agrodolce."

Marie ha recentemente spiegato come si sia sentita durante le condizioni che lei e i suoi undici membri dell'equipaggio stavano subendo appena prima di affrontare il famigerato passaggio del Capo Horn. Questo dopo mesi di venti leggeri che lei ha trovato così frustranti dall'inizio della gara a Southampton lo scorso settembre.

"A un certo punto, il vento si è stabilizzato tra i 40/45 nodi, fino a 50 nodi, poi da 50 a 60 nodi prima di tornare a 50. Continuava ad aumentare e diminuire, e le onde, beh, c'erano onde e ondate, alcune onde che si rompevano, e la barca ha iniziato a surfare. Abbiamo fatto una media di circa 12 nodi in tutta questa area di bassa pressione, che corrisponde a circa 270 miglia nautiche al giorno. Abbiamo avuto bellissime giornate di surf costante tra i 20 e i 23 nodi. C'è stato persino un surf a 28,3 nodi, che penso abbia spaventato tutti noi. Eravamo tutti molto spaventati, ma la barca era completamente a suo agio. La timoneria era molto impegnativa; quelli che sono freddi una volta che sono al timone di solito si riscaldano in pochi secondi con queste situazioni. E sì, ci sono momenti in cui ti senti piuttosto piccolo, specialmente sulla cima di un'onda alta da 7 a 10 metri, guardando l'immensità dell'oceano."


14/02/2024 12:40:00 © riproduzione riservata






I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Palermo: conclusa la decima edizione della regata "Una Vela Senza Esclusi"

Si è conclusa oggi, Domenica 7 Aprile, la decima edizione della regata velica Una Vela Senza Esclusi, tappa del Campionato Regionale Vela Paralimpica Hansa 303 organizzato dalla Lega Navale Italiana - Sezione Palermo

Caorle: terminata una combattutissima "Ottanta"

Oryx Line Honour X2, Irina Xtutti. In ORC vittoria assoluta di Demon-X X2 e Farraway Xtutti

Ocean Globe Race: Translated 9 si ritira

Si sono riaperte le crepe nello scafo riparate a seguito di un urto con un oggetto sommerso e la barca si dirige verso il Portogallo pronta, se necessario, all'abbandono della nave

Circuito Nazionale Este24, il primo acuto è di Milù4 di Andrea Pietrolucci

Dopo una serie di weekend impegnativi dal punto di vista meteorologico, la flotta degli Este24 si è ritrovata a Santa Marinella per la nuova stagione, come sempre ricca di eventi e di novità

Niji40: partono in testa Alberto Riva e Andrea Fornaro

I due italiani sono ai primi due posti, con Acrobatica di Alberto Riva che precede di poco Influence 2 di Andrea Fornaro

Niji 40 finita per Matteo Sericano

Infortunio a bordo, Sericano e Tyrolit si ritirano dalla Niji 40 e puntano alle prossime regate. Matteo Sericano e Luca Rosetti hanno condotto la barca in porto a Gijon per consentire le cure a Giovanni Licursi che è stato trasferito in Ospedale

A Palma è l'Italia la "Princesa"

Vola la vela italiana a Palma di Maiorca con due ori e due argenti conquistati nel Trofeo Princesa Sofia

Garda: gran finale dell’OpenSkiff Eurochallenge #1e della regata Internazionale RS Aero

Nell'OpenSkiff under 15 la spunta il francese Ganivet, secondo Gianluca Pilia; il polacco Staron ha la meglio negli under 17. Francesca Ramazzotti, Elias Nonnis e Nick Craig sul gradino più alto del podio assoluto RS Aero 5, 6 e 7

Adriatica torna in Mediterraneo con un "occhio" all'ambiente

Adriatica, l’iconica barca rossa che ha dato vita a “Velisti per Caso”, di Patrizio Roversi e Syusy Blady, torna a navigare nel Mediterraneo e lo fa con “Le Vele del Panda”, progetto di WWF e Sailsquare, per la tutela e salvaguardia della fauna marina

Open Skiff Eurochallenge - RS Aero: primi due giorni favolosi con bel vento e sole

Prime posizioni internazionali con Italia, Nuova Zelanda, Gran Bretagna, Polonia, Irlanda leader nelle varie classi e categorie

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci