giovedí, 30 maggio 2024


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

confindustria nautica    salone nautico venezia    la cinquecento    cnsm    porti    class 40    alberto riva    barcolana    swan 50    velista dell'anno    waszp    swan    j24    tf35    29er    optimist    vele d'epoca    star   

MINI TRANSAT

Mini Transat: un gigantesco Luca Rosetti primo in Guadalupa

mini transat un gigantesco luca rosetti primo in guadalupa
roberto imbastaro

Luca Rosetti al timone del suo Mini 650 "Race=Care" ha vinto la seconda tappa della Minitransat 2023 in categoria "serie", transitando sul traguardo caraibico alle 1:26:30 (ora italiana), dopo aver navigato per 14 giorni 12 ore 6 minuti e 30 secondi.

 

Una prestazione che potrebbe conferire allo skipper romagnolo anche la vittoria assoluta. Per saperlo occorre attendere circa 15 ore e l'arrivo degli altri concorrenti, per fare la somma e confrontare i tempi delle due frazioni. Rosetti, nella prima tappa (Les Sables d’Olonne-Santa Crux), era giunto ottavo con un ritardo di 15 ore, 5 minuti e 30 secondi dal primo.

 

Hai vinto questa seconda tappa con coraggio. Che cosa hai provato?

 

"È davvero difficile per me descrivere questo momento. Quattro anni fa, quando ho partecipato alla gara per la prima volta, sono arrivato molto vicino a qui, in Martinica, e ho subito voluto rifare la gara. Per ricominciare un progetto, ma questa volta incentrato sulle prestazioni. Ho preso subito un Maxi 6.50 e mi sono trasferito in Francia per prepararmi e allenarmi meglio. Le mie ambizioni di vittoria sono state chiare fin dall'inizio di questa 24ª edizione. La prima tappa tra Les Sables d'Olonne e Santa Cruz de La Palma non è andata bene come speravo, ma l'ultima è stata davvero incredibile. Certo, ci sono stati momenti complicati, soprattutto nella calma della partenza, ma anche ieri. Pensavo di essere troppo a nord e quindi immaginavo che la fine della gara sarebbe stata un po' complicata per me. Tuttavia, quando ho sentito la classifica SSB, mi sono reso conto di avere un vantaggio di 60 miglia sulla seconda barca classificata. Non capivo bene la situazione, ma sono ovviamente contento del risultato!

 

E come hai gestito questa fase?

 

"È stato difficile perché ho dovuto fare una scelta importante fin dall'inizio. Prendendo una rotta verso nord, sapevo che non avrei avuto altra scelta se non quella di andare fino in fondo e che non sarei stato in grado di spostarmi a sud in seguito. Quindi il dado era tratto molto presto. Nel complesso, ero abbastanza sicuro della mia scelta, ma devo ammettere che ho avuto qualche dubbio, soprattutto dopo aver superato El Hierro, quando mi sono trovato nella calma e dietro l'itinerario. Poi, quando gli alisei hanno iniziato a crescere, ho capito subito che i miei rivali più a sud erano davvero molto veloci perché avevano più pressione di me. Il mio vantaggio si è sciolto, ma poi ho fatto un buon lavoro nel cambio e sono tornato in testa più o meno a metà gara. Ho commesso qualche errore, ma ovviamente meno degli altri!

 

In quale momento hai capito che avresti vinto questa seconda tappa?

 

"Oggi, dopo la sessione radiofonica e la ricezione della classifica. Il giorno prima avevo ceduto qualche chilometro ai miei avversari e questo mi ha fatto riflettere molto. Pensavo che avrei avuto un flusso da est, ma il vento era più da nord-est. In questo contesto, ho immaginato che la situazione fosse più favorevole per i miei avversari. Devo ammettere che non ho capito bene cosa sia successo davvero, ma sono contento di come sono andate le cose per me!

 

Hai concluso la prima tappa con un ritardo di 15:05 dal leader, ma oggi lo scenario di questa seconda tappa ti vede forse in procinto di salire sul podio della classifica generale, se non addirittura di vincere...

 

"Al momento non penso alla classifica finale. Le emozioni sono troppo forti. Sono soprattutto felice di aver portato a termine il mio progetto e di averlo fatto nel modo in cui l'ho fatto. Il mio primo obiettivo era finire. La prima tappa è stata un po' complicata perché, pur essendo stato a lungo in testa, il finale di gara non ha favorito la mia opzione. Vedremo cosa succederà domani. Quello che è certo è che ho fatto del mio meglio e non ho mollato. Ho sempre cercato di andare il più veloce possibile.

 

E le ore che ci aspettano? Terrai gli occhi incollati al cronometro mentre aspetti gli altri?


"Potrei avere difficoltà a fare altro. Me ne sono accorto ieri, quando ho perso qualche miglio. Non avevo voglia di dormire o di mangiare. Volevo solo spingere la barca al massimo per non avere rimpianti. Aspetterò. In ogni caso, sono del tutto impotente, in quanto dipendo da ciò che faranno gli altri.

 

In questo momento, qual è il sentimento dominante?

 

"È tutto un po' confuso. Vedremo cosa succederà domani. Al momento penso di aver fatto una bella gara. Sono contento perché ho sempre fatto le mie scelte e la maggior parte di esse ha pagato. Sono arrivato 8° nella prima tappa e ho vinto la seconda con un bel margine. Un margine che mi permette di sognare ancora un podio e persino la vittoria, e questo è fantastico!

 

Una impresa bellissima, che scrive la storia della vela italiana, secondo il Presidente FIV Francesco Ettorre: "Una bellissima performance e una grande felicità per me e per tutta la Federazione! Complimenti a Luca e al suo staff, che hanno portato a compimento nel migliore dei modi un bellissimo progetto. I velisti italiani iniziano a diventare competitivi anche nell’offshore, la navigazione oceanica sta entrando nella nostra cultura. Il livello dei Mini 650 in Italia è molto cresciuto in tempi recenti grazie a progettualità e partner importanti, che stanno mettendo in luce le qualità della vela azzurra anche sugli Oceani".

 


12/11/2023 10:23:00 © riproduzione riservata






I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Villasimius: al via il Sardinia Challenge, il Trofeo Kinder Joy of Moving e la Coppa Italia WingFoil

Dal 23 al 26 maggio Villasimius ospita il Sardinia Challenge, una serie di eventi legati al mondo della vela che comincia con la terza tappa del Trofeo Kinder Joy of Moving - Coppa Touring

Napoli: gli “Scugnizzi a Vela” varano la Nave Scuola Matteo Caracciolini

Ammiraglio Vitiello: “Il mare palestra e opportunità per insegnare regole”. Il Sindaco Manfredi: “Organizzazioni e istituzioni per una seconda opportunità”. Si festeggia la contrattualizzazione di due “Scugnizzi”

Villasimius: solo Optimist in acqua per il finale del Sardinia Challenge

Sardinia Challenge, i vincitori del Trofeo Optimist Italia Kinder Joy Of Moving - Coppa Touring e della Coppa Italia di WingFoil

Caorle: finalmente La Cinquecento

In 40 per la 50°La Cinquecento Trofeo Pellegrini. L’edizione anniversario si apre stasera, la regata partirà domenica alle ore 14.00

Tita/Banti: il Velista dell'Anno è "cosa loro"

Caterina Banti e Ruggero Tita vincono ancora una volta e meritatamente il premio della FIV. Barca dell'anno l’Italia Yachts 15.98 "Nessun Dorma". Guido Baroni vince il titolo armatore timoniere dell'anno con il Sun Fast 3600 Lunatika

Presentato il 36° Trofeo Marzo Rizzotti International Optimist Class Team Race

Regata internazionale dedicata ai giovani velisti della classe Optimist. 18 le squadre in gara per aggiudicarsi il Trofeo

Class 40, Atlantic Cup: ottima partenza per Alberto Riva

Sono partiti ieri alle 12:00 ora americana (18:00 ora italiana) Alberto Riva e il suo co-skipper Jean Marre per l’Atlantic Cup conquistando dopo qualche ora la testa della flotta con il loro Class 40 Acrobatica

Villasimius: concluse le fasi di qualifica alla 3a tappa del Trofeo Optimist

Si è conclusa la seconda giornata di regate della terza tappa del Trofeo Optimist Italia Kinder Joy of Moving a Villasimius, in azione dal 24 al 26 maggio 2024

Parte sabato la Fiumicino-Giannutri-Fiumicino

La regata, giunta alla IX edizione e organizzata dal Circolo Velico Fiumicino - in collaborazione Nautilus Marina, CS Yacht Club e Porto Turistico di Roma –, partirà sabato mattina dallo specchio acqueo antistante il porto canale di Fiumicino

Bellamente è il nuovo Campione Europeo IMA Maxi

Dopo quattro giorni di prove inshore e la storica 69esima Regata dei Tre Golfi, gli americani con Terry Hutchinson alla tattica si aggiudica il prestigioso trofeo. Dietro a lui i britannici di Jethou e North Star, Campione Europeo IMA Maxi uscente

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci