domenica, 26 febbraio 2017

ATTUALITÀ

Sarà la vela a portarci su altri pianeti

sar 224 la vela portarci su altri pianeti
Roberto Imbastaro

Qualche giorno fa è stata confermata dagli astronomi, attraverso un articolo pubblicato su Nature, la scoperta di Proxima B, un pianeta potenzialmente abitabile orbitante sulla stella più vicina al nostro Sole, una nana rossa chiamata Proxima Centauri.

Le osservazioni condotte con il complesso di enormi telescopi che sono stati installati in Cile nel deserto di Atacama, sul Cerro Paranal, hanno rivelato un pianeta di massa simile alla Terra che orbita Proxima Centauri, situata a due passi dalla Terra (cosmicamente parlando), e cioè a "soli" 4,24 anni luce di distanza. Inoltre, il pianeta si troverebbe in un orbita sufficientemente calda da consentire all'acqua di rimanere sulla sua superficie allo stato liquido. “Un pianeta roccioso e abitabile che orbiti attorno a Proxima rappresenta il luogo più ovvio dove la nostra civiltà potrebbe pensare di trasferirsi quando, tra cinque miliardi di anni, il Sole si spegnerà”, ha spiegato Avi Loeb dell'Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics e consulente del progetto Breakthrough Starshot.

Il problema è come arrivarci, visto che la la Voyager, partita dalla Terra 40 anni fa, è solo ora arrivata al limite del nostro sistema solare. La soluzione? Nessun potentissimo motore, né energie alternative e nemmeno salti fantascientifici nell'iperspazio. Semplicemente ci si andrà in tempi compatibili con la vita umana, ovvero circa 20 anni, sospinti da una vela in metamateriali ultraleggeri, attraverso la spinta congiunta di raggi laser viaggiando al 20% della velocità della luce. Il progetto è proprio il Breakthrough Starshot e nasce dagli studi dello scienziato Stephen Hawkings, supportato dal filantropo ed investitore russo Yuri Milner, al quale si è aggiunto ora anche il CEO di Facebook Mark Zuckerberg.

Per approfondimenti c'è uno splendido ed esaustivo articolo di Focus da leggere assolutamente: http://www.focus.it/scienza/spazio/il-piano-di-mark-zuckerberg-e-stephen-hawking-per-esplorare-lo-spazio

ph. BREAKTHROUGH INITIATIVES





27/08/2016 08:37:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Invernale Traiano: in acqua per un combattutissimo finale di stagione

Stefano Chiarotti (CNRT) guida la classifica in doppio ed è tra i finalisti del "Velista/Armatore dell'Anno" della Acciari Consulting/FIV. I Corsi gestio sonno del dr. Stampi

Nauticsud 2017, domani convegno Anrc su i "Porti del Mediterraneo".

Meeting Comune di Napoli ed Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centrale

Monfalcone: presentato l'Assoluto d'Altura

Campionato Italiano Assoluto Vela d’Altura 2017 “Trofeo Stroili” dello Yacht Club Hannibal. A Monfalcone le massime cariche della vela per la presentazione ufficiale

Sole e vento di maestrale nella seconda Giornata del XVIII Campionato di Vela d’Altura città di Bari

5 le imbarcazioni che si sono sfidate in una giornata ideale per regatare tra le boe, e con esse grandi nomi della vela internazionale, come Paolo Montefusco tattico della Obelix dell’armatore Giuseppe Ciaravolo

La Marina di Monastir è il primo porto turistico in Africa ad ottenere la certificazione ISO 14001 V 2015

Questa certificazione conferma il forte impegno della CTA nei confronti dell’ambiente, evidente anche nel riconoscimento dal 2009 ad oggi del titolo di Bandiera Blu a livello internazionale

CRN al Dubai International Boat Show 2017

Dopo il varo di ‘Cloud 9’ 74 m, CRN porta la sua arte navale sartoriale nel Middle East

Cresce l’impegno di Fincantieri in Australia

Delegazione aziendale a Sydney a sostegno della gara per il programma SEA 5000

Al via domani la RORC Caribbean 600 Race

Previsti venti molto deboli, non ideali per Maserati Multi 70

A Mauro Pelaschier la IV edizione del premio 'Voce dell'Adriatico"

Negli anni precedenti premiati Cino Ricci per il giornalismo, e per la ricerca Andrea Bergamasco e Corrado Piccinetti

Seatec 2017: excellence only!

Le eccellenze della fornitura e subfornitura nautica in mostra al 15° Seatec a supporto della cantieristica da diporto italiana, la migliore e più produttiva del mondo

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci