sabato, 23 gennaio 2021

VENDEE GLOBE

Il 4 luglio gli Imoca verso il Polo con la Vendée-Arctique-Les Sables d'Olonne

il luglio gli imoca verso il polo con la vend 233 arctique les sables olonne
redazione

Organizzata dalla Classe IMOCA, sostenuta dal suo partner principale, il dipartimento della Vandea, e dalla città di Les Sables d'Olonne, la Vendée-Arctique-Les Sables d'Olonne è stata pensata in sostituzione della mancata regata atlantica da New York, necessaria per far percorrere anche agli utimi Imoca rimasti "fuori" le miglia necessarie per poter prendere parte al Vandée Globe.

Sarà un'avventura fantastica, perché il percorso è completamente nuovo: sono 3600 miglia che dovrebbero significare circa dieci o dodici giorni in mare, regatando in solitaria con partenza e arrivo a Les Sables d'Olonne passando a ovest dell'Islanda e a nord delle Azzorre.

Per far sì che la gara si potesse svolgere, ci si è dovuti attenere alle misure precauzionali sanitarie in vigore. Di conseguenza non ci sarà nessun villaggio di partenza e nessuna accoglienza per il pubblico a Les Sables d'Olonne. I velisti sono invitati a recarsi direttamente alla linea di partenza dal loro porto di origine senza fermarsi ai pontoni locali di Les Sables d'Olonne. Il sistema di arrivo potrebbe essere più flessibile, ma solo se la situazione lo permetterà. Nel frattempo la preoccupazione per il Covid-19  impone uno scenario rigoroso e un'organizzazione che si concentri sugli skipper, sulla sicurezza e su una comunicazione digitale al 100% che permetta ai tifosi di condividere gli avvenimenti della regata, giorno dopo giorno, grazie alle immagini e ai messaggi inviati dai marinai.

Jacques Caraës, il Direttore di regata della Vendée Globe Race, dirigerà anche la Vendée-Arctique-Les Sables d'Olonne insieme a Hubert Lemonnier: "Questa sarà ora l'unica regata in solitaria tecnica e competitiva in cui gli skipper potranno gareggiare prima della partenza del Vendée Globe Race in solitaria intorno al mondo con partenza l'8 novembre e per questi motivi era molto importante che si svolgesse. I velisti devono navigare in configurazione solitaria e aumentare il loro bagaglio di esperienze sulla barca. Tecnicamente è un'occasione fondamentale per convalidare le modifiche che hanno apportato durante l'inverno. E darà anche a 11 skipper la possibilità di qualificarsi per il giro del mondo in solitaria”.

 

Il percorso, unico e originale, può essere percorso in entrambe le direzioni, e lo  deciderà la Direzione di Gara in base alle previsioni del tempo prima della partenza. Il percorso porterà la flotta a circa 65 gradi nord proprio vicino al circolo polare artico (66,5 gradi N), quindi molto "polare" rispetto a Capo Horn.

 

"È un percorso ambizioso - continua Jacques Caraës -  e volevamo che fosse selettivo. Su questo grande triangolo di 3600 miglia (l'equivalente di una Transatlantica in termini di distanza), l'idea è quella di andare ad entrare nei sistemi meteorologici attivi nell'Atlantico settentrionale e quindi far navigare le barche a velocità diverse e con condizioni di vento e di mare diverse. Con la presenza di ghiaccio a ovest dell'Islanda, avremo lo stesso tipo di vincoli del Grande Sud: dovremo creare una zona di esclusione per evitare il ghiaccio alla deriva".

 

L'idea della Classe IMOCA e degli organizzatori della Vendée Globe è quella di mettere la flotta di fronte a una varietà di condizioni e situazioni appropriate per assomigliare ad alcune delle condizioni che si verificherebbero questo inverno nei mari del Sud. 

 

Gli skipper che hanno cercato questo tipo di regata e il confronto con tali condizioni meteo e marine hanno reagito molto positivamente alla notizia di questo nuovo percorso. 

 

Isabelle Joschke (MACSF): "Questa gara mi entusiasma molto! Dovremo prepararci adeguatamente, perché ci troveremo in una zona di mare freddo e ostile. Anche se il tempo dovrebbe essere abbastanza bello in estate, non è mai facile andare a correre nelle acque del nord tra l'Islanda e la Groenlandia. Ma è una bella sensazione pensare che andremo fino a nord quando, alla fine dell'anno, sarà il grande sud ad aspettarci. Avremo fatto il giro del pianeta come si deve! Per quanto riguarda la competizione, sono impaziente di andare di nuovo testa a testa con gli altri in modalità gara. E' un modo completamente diverso di navigare. Approfitterò anche dell'occasione per verificare varie cose, come la vita a bordo, le manovre, i limiti superiori e inferiori della barca. E siccome ho ancora delle miglia da percorrere per la mia qualifica al Vendée Globe, mi concentrerò soprattutto sulla mia necessità di allenarmi".

 

Damien Seguin (Gruppo Apicil): "E' bello avere questa gara all'orizzonte. Era difficile immaginare di andare al Vendée Globe quando l'ultima gara in solitaria che abbiamo fatto è stata la Bermudes 1000 Race di un anno fa. Il percorso è davvero bello e ti fa venire voglia di andarci. Abbiamo già lavorato un po' sull'argomento con Christian Dumard (consulente meteo) che conosce la zona lassù. Non siamo abituati ad andare a queste latitudini settentrionali con le nostre barche. In questa regata, ci sono molti obiettivi per me: percorrere più miglia con la barca, testare i cambiamenti fatti quest'inverno e navigare tutto in modo abbastanza semplice e diretto. Sono qualificato, ho navigato molto negli ultimi tre anni e non devo correre altri rischi. Quindi per me questa è la regata ideale. E una prova generale per noi essenziale, così come lo è per la classe e per l'organizzazione del Vendée Globe. "

 

Nicolas Troussel, skipper di Corum l'Epargne, la cui barca, ultima nata della flotta IMOCA, è stata appena varata il 5 maggio: "Per quanto riguarda le qualifiche non sono obbligato a partecipare alla regata. E per ora è troppo presto per decidere che sia una regata per noi". Per prima cosa dobbiamo navigare con la barca e testare tutto prima di partire per una regata. E' molto positivo avere questa opportunità. Se tutto andrà bene fino ai primi di luglio, vedremo dove sarà la nostra preparazione e decideremo. Il nostro obiettivo primario è di essere pronti l'8 novembre. Se fare questa regata ci metterebbe in difficoltà sul programma, non la faremo...".

 

 

 


01/06/2020 16:47:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

America's Cup: su e giù dai foil Luna Rossa batte Patriot

E’ stata una giornata complessa ma allo stesso tempo rivelatrice per i tre Challenger impegnati nei Round Robin della PRADA Cup per le difficili condizioni di vento leggero che hanno costretto spesso gli AC75 a scendere dai foil

Luna Rossa: salvi per il rotto della ...scuffia

Ma nonostante le apparenze la barca si è comportata bene. Contro Ineos annullata una prima regata che Luna Rossa stava conducendo e contro American Magic è stata una regata al buio per il mancato funzionamento del Racing Software

America's Cup: Patriot rientrerà solo per le semifinali

Le riparazioni del carbonio saranno effettuare in parte utilizzando boat builders locali per ricostruire i pannelli rovinati, in parte con lo shore team che si occuperà delle finiture

I vincitori del concorso fotografico "Mediterraneo, un mare da scoprire"

la giuria ha decretato i vincitori, premiati con il “celebre” Pandino di cartapesta che il WWF consegna ai suoi partner e testimoni più attenti alle tematiche ambientali e la pubblicazione delle foto sulla rivista Panda digitale

America's Cup: nuovo programma per le eliminatorie della Prada Cup

Qualora INEOS TEAM UK dovesse vincere la regata di sabato, la prova di domenica sarà ridondante in quanto sarà già il primo classificato dei gironi eliminatori e accederà direttamente alla finale della PRADA Cup

America's Cup: in acqua con il terrore di una nuova scuffia

Nel caso una barca si ribalti durante una regata gli Umpires potranno fermare la prova subito dopo e il punto verrà assegnato all’avversario, senza aspettare che la barca riceva aiuti esterni

Vendée Globe: la roulette russa dell'Aliseo

Con l'evoluzione dell'anticiclone, sembra sempre più evidente che non sarà così facile e veloce per i leader collegarsi al treno a bassa pressione proveniente da ovest, con l'obiettivo di raggiungere alle Azzorre il SW favorevole

Young Azzurra si prepara per gli impegni sportivi del 2021

Il team sarà impegnato nella Youth Foiling World Cup e nel circuito di regate della Persico 69F Cup

Itama, grandi emozioni

Contatto diretto con il mare, look mediterraneo e nuove motorizzazioni rafforzano il rinnovamento della gamma Itama

Antonini Navi: UP40 Crossover prende forma!

Procede spedita la costruzione della prima unità UP40 di Antonini Navi, i cui lavori sono iniziati on spec i primi di dicembre scorso. La sua versione Crossover si migliora con una soluzione open dell’area poppiera, assecondando le richieste del mercato.

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci