martedí, 3 agosto 2021


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

vela olimpica    gc32    alinghi    ilca 6    windsurf    420-470    prosecco's cup    mini 6.50    420 - 470    laser    team   

AMERICA'S CUP

America's Cup: Ineos tenta di non arrendersi anzitempo

america cup ineos tenta di non arrendersi anzitempo
redazione

Pare che la finale della PRADA Cup non sia finita: INEOS TEAM UK ha segnato il suo primo punto ma ha ancora molta strada da fare. Nella prima regata del giorno, Luna Rossa Prada Pirelli si è comportata come nelle prime regate vincenti: ha messo il naso davanti alla partenza e ha tenuto gli inglesi in scia per assicurarsi il quinto punto. Nella seconda prova Ben Ainslie ha ricordato delle tante lezioni di match race e ha portato a casa finalmente una vittoria importante.

Agli italiani mancano altri due punti per chiudere la partita della PRADA Cup in loro favore, Sir Ben Ainslie e il suo equipaggio non si arrenderanno tanto facilmente e senza combattere. Ci vogliono provare e saranno aggressivi in tutte le situazioni dove potranno esserlo. Nelle condizioni di vento oltre i 12 nodi si può dire che le due barche hanno una velocità simile, la fase di pre-partenza è il momento determinante della regata e partire in testa significa mettere una seria ipoteca sulla vittoria. Del resto il match race è sempre stato così.

Le previsioni del vento per le regate 7 e 8 di domenica sono simili, con vento da nord e probabilmente verrà scelto il campo A.


Regata 5
Partenza - 1615
Sinistra -ITA
Destra - GBR
Area - E
Asse - 245°
Lunghezza - 1.82 nm
Corrente - 0.2 nodi da 353°
Vento - 8-12 nodi da 225°
Vincitore - Luna Rossa Prada Pirelli – 1:20
Ogni preoccupazione che la brezza avrebbe fatto fatica a dichiararsi, il suo arrivo era previsto proprio per le 16 come quello di una principessa sempre in ritardo, è sparita ben prima della partenza e un bel venticello di 8-10 nodi da sud ovest soffiava già sul campo E. Nelle operazioni di pre partenza i due i team navigavano sollevando le barche sui foil senza problemi.

Dopo l’ingresso nel box Luna Rossa Prada Pirelli ha incrociato INEOS TEAM UK, entrato a dritta. Con condizioni leggere, per ingaggiare l’avversario da vicino le due barche potevano rischiare di cadere dai foil . E infatti nei primi secondi del conto alla rovescia i due sono rimasti a distanza. Poi è stato chiaro che entrambi volevano la parte destra della linea di partenza, che appariva favorita. Gli inglesi hanno conquistato una posizione favorevole sopravento e da li negli ultimi secondi scendevano in picchiata verso Luna Rossa. Ma Jimmy Spithill in quel momento timoniere ha gestito perfettamente l'avvicinamento alla linea e ha costretto Ainslie a cambiare rotta e mantenere la distanza in una fase cruciale del conto alla rovescia. Gli inglesi hanno concluso la loro picchiata quasi in collisione con Luna Rossa, entrano nello “spazio vitale” ed è stato uno dei momenti più spettacolari, ma anche rischiosi, di questa serie di regate. Ben ha scelto di infilarsi tra Luna Rossa che orzava e la barca comitato. Il risultato della rissa è stato che le due barche hanno tagliato in anticipo la linea, e le due penalità si sono neutralizzate a vicenda, a Britannia è stata somministrata una ulteriore penalità per aver violato lo spazio vitale della barca italiana.

Dopo una prima separazione all'inizio della bolina, quando INEOS TEAM UK e Luna Rossa sono tornate vicine per il primo incrocio, Luna Rossa ha protestato gli inglesi per avere forzato la rotta e la Giuria ha assegnato una seconda penalità a INEOS TEAM UK. Per esaurirla gli inglesi dovevano rallentare ma questo si è rivelato più difficile del previsto. INEOS TEAM UK infatti era sul lato migliore del percorso e ha continuato a guadagnare e quando ci sono riusciti a rallentare Luna Rossa era in testa.

Al primo cancello Luna Rossa è passata per prima dalla boa di destra, con 15 secondi di vantaggio. Nel lato di poppa, con poche corsie di sorpasso disponibili, INEOS TEAM UK è stato in grado di navigare leggermente più in profondità per recuperare un po' di distanza da Luna Rossa, riducendo il distacco da 220 a 160 metri. I ragazzi di Max Sirena hanno condotto una regata perfetta a bordo di una barca che sembra avere una marcia in più quando bisogna stringere il vento. Ad ogni lato il vantaggio italiano è cresciuto e all'arrivo Luna Rossa Prada Pirelli ha tagliato il traguardo lasciando INEOS TEAM UK dietro di 1 minuto e 20 secondi.


REGATA 6
Partenza - 1715
Sinistra - GBR
Destra - ITA
Area - 6
Asse -248
Lunghezza - 1.8nm
Corrente - 0.2 nodi da 353°
Vento - 8-12 nodi da 225°

Per la seconda regata di giornata soffiava un po’ più vento. INEOS è stato il primo a entrare nel box ed è stato in grado di controllare meglio le manovre. Le due barche hanno navigato verso la linea di partenza con posizioni invertite rispetto alla prima partenza. Questa volta sopravento c’era Luna Rossa con INEOS TEAM UK sottovento e avanti. Nonostante alcune manovre aggressive di Luna Rossa, INEOS conquistato un piccolo vantaggio alla partenza, navigando verso la boa e poi verso la sinistra del percorso. Mentre erano lanciati verso la sinistra Luna Rossa ha virato per prima lasciando agli inglesi la possibilità di navigare verso il lato sinistro del percorso. Poco dopo navigavano di nuovo sulle stesse mura verso la destra. Quando Luna Rossa è tornata mure a dritta, INEOS era avanti a sinistra, ma ha scelto di virare a dritta.

Quando si sono avvicinati al cancello di bolina per la prima volta, i due erano separati da tutta la larghezza del percorso ed era INEOS ad aver guadagnato e la distanza tra loro era di circa 50 metri. E quando hanno incrociato, INEOS stava puntando la boa di destra del cancello e ha girato con 8 secondi di vantaggio su Luna Rossa. E' stata la prima volta che gli inglesi hanno concluso un lato davanti a Luna Rossa, dall'inizio della finale della Prada Cup. Navigando verso il cancello di poppa Britannia era in vantaggio di 150 metri. A metà del lato il margine è salito a 200 metri e hanno girato con un vantaggio di 21 secondi.

INEOS ha iniziato a difendere la sua posizione. Luna Rossa lo ha capito e ha iniziato a virare spesso nel tentativo di costringere INEOS a seguirla, nella speranza di rosicchiare qualche metro. Nel frattempo, la termica lentamente ma costantemente saliva oltre i 10 nodi.

Al terzo cancello i due hanno scelto la boa di sinistra,il vantaggio di INEOS era 18 secondi con un guadagno di 3 secondi per Luna Rossa. Poi INEOS ha allungato fino a 430 metri, con tentenza a crescere. Il vantaggio di INEOS al quarto cancello era di 32 secondi, ma un calo del vento ha poi permesso a Luna Rossa di guadagnare molto nell'ultimo lato di bolina mettendo INEOS di nuovo sotto pressione.

All'ultimo cancello finale INEOS ha scelto la boa di destra, Luna Rossa quella di sinistra e il distacco era di soli 9 secondi, la regata poteva perfino riaprirsi. Britannia ha difeso bene la sua posizione fino al traguardo, rintuzzando gli attacchi italiani. Ainslie non ha giocato solo in difesa e ha recuperato parte del vantaggio perduto per tagliare il traguardo con 14 secondi di vantaggio, conquistando la loro prima vittoria della finale della Prada Cup.

 


20/02/2021 10:38:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Italia e Israele dominano agli iQFOiL Junior & Youth World Championships

La seconda giornata degli iQFOiL Junior & Youth World Championships, organizzati da Univela Sailing e Canottieri Garda Salò, è iniziata a Campione del Garda con vento oscillante

Pedote: Fastnet e Jacques Vabre in coppia con Martin Le Pape

Il navigatore francese Martin Le Pape sarà il co-skipper delle regate in doppio in programma per la stagione 2021

Gaeta: vento capriccioso all'Europeo Juniores 420/470

Una quarta giornata a “metà” quella del campionato europeo Juniores di vela, classi 420 e 470, che si sta disputando nelle acque di Formia e del Golfo di Gaeta

Ultima prova per Alberto Riva e EdiliziAcrobatica prima della Mini Transat

Domani 28 luglio Alberto Riva è sulla linea di partenza della Mini Gascogna-Puru Challenge, una regata in 2 tappe per un totale di 580 miglia, da Port Bourgenay a Getxo, e ritorno

Tokio 2020: per Camboni un oro buttato al vento

Mattia Camboni: partenza anticipata nella finale, sfuma una medaglia che aveva in pugno, è solo 5°

Tokio 2020: 3° giorno di regate a Enoshima, Silvia Zennaro ottava

Domani giornata ricca con tanti velisti azzurri impegnati: tornano in acqua Mattia Camboni e Marta Maggetti; prime 3 regate in programma per Ruggero Tita e Caterina Banti; prime 2 per Elena Berta e Bianca Caruso; Giacomo Ferrari e Giulio Calabrò

Tokio 2020: Camboni e Maggetti sempre "sul pezzo"

Windsurf: Mattia Camboni (8-13-4), è 2° in generale a 3 prove dalla Medal Race; Marta Maggetti (5-6-3), sempre al 4° posto dopo 9 prove- 470: Giacomo Ferrari e Giulio Calabrò (9-9) sono al 9° posto

Garda: partito l'Europeo Laser Master a Gargnano

Prima serie di regate per l'Europeo Laser Master, evento internazionale organizzato dal Circolo Vela Gargnano, sotto l'egida della Federazione Italiana Vela e della classe Ilca Europa

Europei 420/470 juniores: Gradoni/Dubbini coppia esplosiva

Nella classe 470 Mixed confermata la leadership di Marco Gradoni ed Alessandra Dubbini (sin qui quattro successi su sei prove valide)

Garda: prima giornata dell'iQFOiL Junior & Youth World Championships

A Campione del Garda prima giornata degli iQFOiL Junior & Youth World Championships, evento organizzato da Univela Sailing e Canottieri Garda Salò

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci