giovedí, 22 febbraio 2024


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

manifestazioni    rorc caribbean 600    star    arkea ultim challenge    cambusa    fiv    press    ambiente    altura    ilca    campionati invernali    global solo challenge   

5.5

Manuela V vince a San Benedetto del Tronto il Campionato Nazionale 5.50 Metri Stazza Internazionale

manuela vince san benedetto del tronto il campionato nazionale 50 metri stazza internazionale
redazione

Domenica 18 settembre 2022, dopo cinque regate disputate nelle acque di San Benedetto del Tronto, Manuela V del 1961 del milanese Guido Tommasi si è aggiudicata il Campionato Nazionale della classe 5.50 Metri Stazza Internazionale, organizzato dal Circolo Nautico Sambenedettese. La barca difendeva i colori dello Yacht Club Riviera del Conero. Alla manifestazione hanno partecipato scafi in legno costruiti tra il 1952 e il 1961. Seconda classificata Volpina del 1960 del presidente italiano della Classe, il romano Fabrizio Cavazza, seguita da Violetta IV del 1957 del veneziano Giangiacomo Stefanon.

 

MANUELA V” CAMPIONE ITALIANO CLASSE 5.50 S.I. 

Dopo 5 regate disputate nelle acque di San Benedetto del Tronto (AP), l’imbarcazione Manuela V (ITA-36) dell’armatore e timoniere milanese Guido Tommasi, si è aggiudicata il Campionato Nazionale Classe 5.50 Metri S.I. (Stazza Internazionale), organizzato dal 15 al 18 settembre 2022 dal Circolo Nautico Sambenedettese (www.circolonautico.info). Manuela V, scafo lungo 9,49 metri, è stata varata nel 1961 dal cantiere Velscaf di Rapallo del Comandante Dario Salata su progetto dell’americano C. Raymond Hunt, già inventore nel 1957 della famosa carena che porta il suo nome. La barca, con a bordo il bresciano Filippo Togni e il prodiere veneziano Matteo Barison, si è aggiudicata quattro primi posti e un secondo piazzamento. A San Benedetto del Tronto, pur essendo storicamente una barca iscritta allo Yacht Club Italiano, difendeva i colori dello Yacht Club Riviera del Conero di Numana, in provincia di Ancona, di cui lo stesso Tommasi è stato tra i fondatori. “Posseggo Manuela V dal 1998”, ha dichiarato, “e partendo dalla nostra base sul lago Maggiore abbiamo partecipato a numerose regate, compresi tre Campionati Italiani, due Mondiali e un Europeo dove ci siamo piazzati terzi tra i Classici alla Royal Kaag Classic Cup nel 2013 a Benodet in Bretagna. Abbiamo anche vinto l’Enoshima Trophy a Tutzing in Germania. Sono contento di potere continuare a valorizzare questo scafo, costruito per il grande Beppe Croce, considerato inizialmente poco veloce e che invece ha dimostrato di essere un purosangue da regata”. 

 

VOLPINA” E “VIOLETTA IV”, LA SECONDA E TERZA CLASSIFICATA

Seconda classificata al Campionato Nazionale 5.50 S.I. è stata Volpina (ITA-33), un Baglietto del 1960 disegnato da Giulio Cesare Carcano, lo storico progettista della Moto Guzzi. A bordo l’armatore romano Fabrizio Cavazza, presidente italiano della Classe 5.50 in rappresentanza del Nauticlub Moniga del lago di Garda, con Simone Dondelli e Giovanni Bonzio come equipaggio. Terza classificata Violetta IV (ITA-21), dal 2011 dell’armatore veneziano Giangiacomo Stefanon, con Marco Baldi al timone e Vania Ventrice a prua. La barca, costruita dal cantiere ligure Baglietto di Varazze su progetto di Pietro Baglietto, è stata varata nel 1957 e a San Benedetto del Tronto issava il guidone del Circolo Velico Conegliano, in provincia di Treviso. 

 

LA CRONACA 

Venerdì 16 settembre è stato possibile completare una sola regata, su percorso a bastone di circa 2 miglia, da ripetere due volte, con vento da nord est di intensità non superiore a 7 nodi circa, poi la prevista seconda prova di giornata è stata annullata per mancanza di vento. Nella giornata di sabato, prima che una violenta perturbazione da nord con venti a oltre 35 nodi investisse San Benedetto del Tronto, è stato possibile svolgere una seconda regata con venti da nord di intensità 7-8 nodi, anch’esso su un campo di regata di 2 miglia. Purtroppo, in fase di partenza, uno scontro tra le imbarcazioni Kukururu del 1952 e Twins IX Enterprise del 1958, fortunatamente senza conseguenze per gli equipaggi, ha provocato danni a entrambe le barche causandone il ritiro dal Campionato. Le sfide più appassionanti si sono svolte nella giornata conclusiva di domenica, momento in cui è stato possibile disputare tre prove, con venti a 8-10 nodi di intensità da sud est. 

 

LA STORIA DELLA CLASSE 5.50 METRI STAZZA INTERNAZIONALE

La classe 5.50 Metri S.I. (Stazza Internazionale) è nata a Londra il 28 ottobre 1949 ed è stata progettata secondo le regole dell’International Yacht Racing Union (IYRU), oggi nota come ISAF (International Sailing Federation). In oltre 70 anni di storia sono stati costruiti circa 800 scafi diffusi in tutto il mondo e in cinque occasioni i 5.50 S.I. sono stati anche classe olimpica, da Helsinki 1952 a Città del Messico 1968. Il nome non indica la lunghezza della barca, pari invece a circa 9 metri, bensì il risultato di una ben precisa formula matematica di stazza usata per la costruzione, che consente di sfidarsi in tempo reale senza applicare compensi correttivi. Sui 5.50 S.I. hanno regatato grandi personaggi della storia della vela come Dario Salata, Max Oberti, Giulio Cesare Carcano o ancora l’Ammiraglio Agostino Straulino, vincitore del Campionato del Mondo a Napoli nel 1965 e Beppe Croce, storico ex presidente della vela mondiale. Oggi le imbarcazioni vengono suddivise in tre categorie: “Classiche”, costruite tra il 1949 e il 1970, periodo di massimo splendore di questa classe, “Evoluzione”, realizzate tra gli anni Settanta e fino al 1994 e infine le “Moderne”, varate dopo il 1994. L’attuale presidente della classe italiana è il Conte romano Fabrizio Cavazza, armatore di Volpina (ITA-33) del 1960. 

 

LA VELA TRADIZIONALE AL CIRCOLO NAUTICO SAMBENEDETTESE

Con questa manifestazione sportiva, dopo la fortunata tappa lo scorso giugno del Trofeo del Dinghy 12’ Classico, il Circolo Nautico Sambenedettese ha rinnovato il proprio interesse nei confronti delle imbarcazioni che hanno fatto la storia della vela. Andrea Novelli, Direttore Sportivo del Circolo Nautico Sambenedettese, ha così commentato la presenza di questi scafi giunti nelle Marche: “I 5.50 hanno offerto uno spettacolo di estrema eleganza e con gli equipaggi si è creata un’ottima intesa e totale collaborazione. Sono inoltre felice che i nostri giovani atleti della squadra agonistica Optimist, abituati a regatare su derive moderne, abbiano avuto l’onore di salire a bordo di queste barche per conoscerle da vicino e apprezzarne il fascino”. All’ingresso del Circolo un Roll up con i dati tecnici dei 5.50 contribuiva a fare conoscere meglio le barche ai soci e visitatori. Domenica mattina, prima dell’ultima giornata di regate, la manifestazione è stata allietata dal passaggio delle autovetture storiche Alfa Romeo convenute in occasione di un raduno organizzato dal Club “La Manovella del Fermano”. 

 

Il Circolo Nautico Sambenedettese ASD

Il Circolo Nautico Sambenedettese A.s.d. di San Benedetto del Tronto, nelle Marche in provincia di Ascoli Piceno, è stato fondato il 30 ottobre 1967 da un gruppo di 15 pionieri del Mare e appassionati velisti. Collocato inizialmente in ambito portuale si è trasferito successivamente presso la Darsena Turistica al centro della città. Oggi conta circa 650 soci, 400 imbarcazioni a vela e a motore e una struttura organizzativa composta da 7 dipendenti fissi. Sport, turismo e cultura sono le principali attività svolte, a cominciare dalla squadra agonistica di vela e di pesca all’organizzazione di competizioni veliche e motonautiche, dall’assegnazione di un premio letterario rivolto agli studenti all’incontro con importanti autori. Il C.N.S. è affiliato alle federazioni Fiv – Fim e Fipsas e nel 2012 è stato insignito della stella di bronzo per meriti Sportivi. Fiore all’occhiello del CNS sono senza dubbio le squadre agonistiche giovanili Ilca e Optimist, le quali negli anni hanno regalato grandissime soddisfazioni con vittorie in Campionati Italiani e qualificazioni ai campionati Europei di categoria. Anche la Vela d’altura ricopre un ruolo trainante per l’attività del sodalizio e con diverse imbarcazioni partecipa a Campionati Nazionali ed Europei classe ORC. Tutti gli sforzi dell'associazione sportiva sono finalizzati a diffondere e a rendere quanto più accessibile a tutti la pratica del diporto nautico. Dal 2020 la carica di presidente è ricoperta dal sambenedettese Igor Baiocchi, al suo secondo mandato non consecutivo, coadiuvato dal vice presidente Giacomo Forti. 

 


19/09/2022 14:44:00 © riproduzione riservata






I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Cambusa: l’hamburger gourmet ha un nuovo Re, Daniele Barra del pub Excalibur di Revello

È giunta alla 6a edizione la sfida di Burger Battle Italia, un contest che da mesi vedeva coinvolti i migliori chef specializzati in hamburger gourmet per contendersi un posto alla finalissima, svoltasi ieri 19 Febbraio al Beer&Food Attraction di Rimini

Arkea Ultim Challenge: Banque Populaire arrivata a Rio con due timoni rotti

Armel Le Cléach ha raccontato dell'impatto con un tronco per il timone di destra del suo Ultim, e poi di un cedimento del timone centrale, cosa che ha reso impossibile continuare a navigare

Arkea Ultim Challenge: danni al timone di Banque Populaire

Secondo il team "sono in corso diverse opzioni per diagnosticare i danni e valutare come affrontare il resto della gara". Le Cléac'h sta dirigendosi verso un porto brasiliano

Arkea Ultim Challenge: Armel Le Cléac'h riparte da Rio

Dopo poco più di 48 ore di sosta Armel Le Cléac'h e Banque Populaire XI sono tornati in pista. Hanno lasciato Rio poco dopo le 16:30 UTC e ha ripreso la gara in 3a posizione. Gli skipper parlano del grande rumore a bordo (come in una discoteca)

Arkea Ultim Challenge: due forti perturbazioni preoccupano Charles Caudrelier

Charles Caudrelier (Edmond de Rothschild): "Non sacrificherò il lavoro del team solo per impazienza. Stiamo parlando di 8 metri, 8,50 metri di mare con un vento previsto da 35-40 nodi, il che significa piuttosto 45-50 nodi e 70 in raffiche"

Trieste incontra Sir Robin Knox-Johnston

Sir Robin Knox-Johnston, uno dei velisti oceanici più amati e conosciuti al mondo, arriva a Trieste con i suoi incredibili racconti di mare

La FIV indica quattro equipaggi per Parigi 2024

Sono Lorenzo Brando Chiavarini (ILCA 7), Marta Maggetti (iQFOIL F), Nicolò Renna (iQFOIL M), CAterina Banti e Ruggero Tita (Nacra 17). Le scelte FIV verranno ora sottoposte al Comitato Olimpico Nazionale Italiano per l’approvazione finale

Lavagna: tutti i vincitori del 48° Invernale del Tigullio

Diciassette prove, tre mesi e sei week end di confronti in acqua, trentadue imbarcazioni iscritte per il 48° Campionato Invernale Golfo del Tigullio

2024 ILCA senior European Championships: primo giorno di prove solo per ILCA 6

Primo giorno di prove per gli ILCA senior European Championships 2024 di Atene in Grecia. Il vento non è stato clemente e ha costretto ad annullare due prove per gli ILCA 7 mentre le ragazze sugli ILCA 6 sono riuscite a disputare almeno una prova

S&You e Wanderfun vincono l’Autunno Inverno Salodiano 2023-2024

Concluso il Campionato invernale Protagonist della Canottieri Garda, per la prima volta in gara anche la classe Fun

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci