martedí, 28 settembre 2021


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

vela    assonat    regate    meteor    cico 2021    tf35    rs21    ufo22    melges 20    rounditaly    fiart    ufo 22   

TROFEO PRINCESA SOFIA

Trofeo Princesa Sofia: per l'Italia delusione 470

trofeo princesa sofia per italia delusione 470
Roberto Imbastaro

Giornata lunga e condizionata dal maltempo a Palma di Maiorca nel penultimo atto del Trofeo Princesa Sofia Iberostar, la manifestazione dedicata alle classi olimpiche che ha portato alle Baleari oltre 1000 velisti in rappresentanza di 68 Nazioni.

Oggi una forte perturbazione ha scombussolato i piani del giorno, costringendo il Comitato di Regata a un super lavoro per riuscire a sfruttare al meglio le poche finestre meteo favorevoli, obiettivo raggiunto nella prima parte della mattina e poi nel pomeriggio, dopo che nel mezzo, verso ora di pranzo, tutte le flotte erano state richiamate a terra a causa di un violento acquazzone. Si è così passati dalla brezza leggera e molto instabile della mattina, accompagnata da una pioggia costante, a un bel vento teso da Nord-Nord Est, entrato nella Baia di Palma intorno alle 15:30 e durato fino al calare del sole. 

Buone anche oggi, nel complesso, le prestazioni degli atleti azzurri, anche se uno degli obiettivi di questa trasferta alle Baleari - la conquista del pass olimpico per l’Italia nelle uniche discipline ancora non qualificate per i Giochi di Rio de Janeiro, il 470 uomini e il 470 donne - è sfumato per un soffio nell’ambito della flotta maschile (per quella femminile, dopo ieri, le speranze erano ridotte al lumicino).

Gli azzurri Matteo Capurro e Matteo Puppo sono comunque riusciti a rimontare lo svantaggio accumulato nei giorni scorsi e dopo le due prove di oggi hanno concluso il Trofeo Sofia a pari punti con l’equipaggio ucraino, avversario diretto per la conquista del pass, ma ad avere la meglio sono stati questi ultimi in virtù della regola del miglior piazzamento. Niente pass per l’Italia, quindi, andati all’Ucraina (uomini) e a Israele (donne), ma la vela italiana, che nell’ultimo anno e mezzo aveva già qualificato per Rio ben otto classi su dieci (una delle Nazioni leader, da questo punto di vista) può consolarsi con le prestazioni dei suoi atleti, in cinque domani impegnati nelle Medal Races, le regate finali a punteggio doppio riservate ai top ten di ogni classifica.

Scenderanno in acqua per la Medal la romana Flavia Tartaglini, l’azzurra della tavola a vela RS:X femminile (oggi 22-8) sesta in classifica a soli quattro punti dal secondo posto occupato dalla spagnola Alabau, quindi pienamente in corsa domani per una medaglia, e i giovani Daniele Benedetti e Mattia Camboni, che hanno chiuso la graduatoria della tavola maschile rispettivamente in sesta e decima posizione, agguantata da Camboni grazie a un terzo ottenuto nell’unica prova disputata oggi. Sempre in ambito RS:X, davvero buono il 13mo posto finale della 20enne Marta Maggetti.

In Medal Race domani nei 49er anche i ravennati Jacopo Plazzi e Umberto Molineris, che dopo la straordinaria performance di ieri si sono ripetuti anche oggi (3-4-UFD-9 lo score di giornata), chiudendo la serie di regate di flotta al nono posto della classifica, un risultato raggiunto con grinta e determinazione (Tita-Zucchetti chiudono 13mi, Cherin-Tesei 15mi e Dubbini-Dubbini 19mi). E in Medal anche Vittorio Bissaro e Silvia Sicouri, l’equipaggio del catamarano misto Nacra 17 che domani partirà dalla terza posizione della classifica dopo aver piazzato oggi un 6-8-2 come score (buono il 15mo posto finale di Porro-Marimom).

“Se oggi le speranze di ottenere il pass per Rio nel 470 femminile erano minime, in ambito maschile le possibilità erano più concrete, quindi lascia sicuramente una certa amarezza rimanere fuori dai Giochi dopo aver concluso la regata a pari punti”, ha dichiarato il DT della FIV Michele Marchesini. “Posso dire però che ce la siamo giocata a testa alta e sportivamente ci congratuliamo sia con l’Ucraina per aver conquistato il pass, che con i nostri Capurro-Puppo, autori di una bella regata”.

 

 

Catamarano per equipaggi misti Nacra 17 (44 barche)

1.Besson-Riou (FRA, 40); 2.Zajac-Frank (AUT, 60); 3.Bissaro-Sicouri (100); 15.Porro-Marimom (228); 27.Ugolini-Giubi­­lei (340); 28.Trambaiolo-Guardigli (352); 29.Bressani-Banti (358); 35.Ratti-Zizzari (455); 39.Morelli-Giannetti (538).

 

Doppio acrobatico 49er (Gold Fleet)

1.Setaon-McGovern (IRL, 63); 2.Botin-Lopez (ESP, 90); 3.Outteridge-Jensen (AUS, 92); 9.Plazzi-Molineris (129); 13.Tita-Zucchetti (160); 15.Cherin-Tesei (163); 19.Dubbini-Dubbini (188).

 

Doppio acrobatico 49er FX (34 barche)

1.Bekkering-Duetz (NED, 43); 2.Hansen-Salskov Iversen (DEN, 54); 3.Lutz-Beucke (GER, 89); 22.Raggio-Bergamaschi (273).

 

Doppio 470 M (Gold Fleet)

1.Belcher-Ryan (AUS, 17); 2.Mantis-Kagialis (GRE, 41); 3.Mcnay-Hughes (USA, 47); 15.Capurro-Puppo (126); 25.Sivitz Kosuta-Farneti (153); 26.Zandonà-Trani (154); 34.Ferrari-Calabrò (197).

 

Doppio 470 F (Gold Fleet)

1.Oliveira-Barbachan (BRA, 36); 2.Seabright-Carpenter (GBR, 36); 3.Kyranakou-Van Veen (NED, 40); 24.Berta-Carraro (154).

 

Singolo per equipaggi pesanti Finn (74 barche)

1.Josh Junior (NZL, 41); 2.Tapio Nirkko (FIN, 60); 3.Jake Lilley (AUS, 66); 19.Michele Paoletti (156); 23.Enrico Voltolini (182); 27.Giorgio Poggi (201); 38.Simone Ferrarese (343); 47.Filippo Baldassari (383); 49.Matteo Savio (397).

 

Singolo maschile Laser Standard (Gold Fleet)

1.Andrew Maloney (NZL, 37); 2.Tonci Stipanovic (CRO, 54); 3.Robert Scheidt (BRA, 64); 27.Alessio Spadoni (172); 45.Marco Benini (242).

 

Singolo femminile Laser Radial (Gold Fleet)

1.Tuula Tenkanen (FIN, 39); 2.Anne Marie Rindom (DEN, 59); 3.Evi Van Acker (BEL, 60); 17.Silvia Zennaro (150); 29.Joyce Floridia (188); 41.Valentina Balbi (246).

 

Tavola a vela RS:X M (Gold Fleet)

1.Tom Squires (GBR, 24); 2.Byron Kokkalanis (GRE, 35); 3.Thomas Goyard  (FRA, 35); 6.Daniele Benedetti (52); 10.Mattia Camboni (67); 23.Michele Cittadini (145).

 

Tavola a vela RS:X F (Gold Fleet)

1.Olga Baslivets (RUS, 27); 2.Marina Alabau (ESP, 42); 3.Charline Picon (FRA, 43); 6.Flavia Tartaglini (46); 13.Marta Maggetti (92); 28.Veronica Fanciulli (177).

 

Singolo paralimpico 2.4 mR (16 barche)

1.Heiko Kroger (GER, 5); 2.Helena Lucas (GBR, 5); 3.Damien Seguin (FRA, 7); 7.Antonio Squizzato (18).


01/04/2016 21:17:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

RoundItaly: con l'arrivo di Kika Green ed Edilizia Acrobatica la flotta dei Class 40 si riunisce a Trieste

Per chiudere questa prima edizione, bisogna attendere l’arrivo del First 44.7 Argo di Luciano Manfredi - che al momento è a poche miglia da Pola e viaggia a oltre 8 nodi di velocità

Regata interzonale Open skiff, ad Ostia prevale la voglia di divertirsi e l'amicizia

Bella atmosfera fra i 35 giovani che hanno preso parte all'evento velico presso il Tognazzi Marina Village.

Passatore 50 arriva la Festa: sabato e domenica i due appuntamenti velici tanto attesi.

Grande festa per questa imbarcazione unica nel panorama della nautica da diporto e prodotta in 136 esemplari dal Cantiere Nautico Sartini dal 1971 al 1983

Il cielo è azzurro sopra Genova

Un Salone con grandi numeri di partecipazione e vendite. La qualità e il made in Italy hanno premiato. L'eccellenza del cantiere Fiart di Baia presente a Genova fin dal primo Salone del 1960

RoundItaly: Line Honours per Pendragon

Alle 11:03:57 di questa mattina, dopo essere partito da Genova lo scorso 16 settembre, il maxi Pendragon ha tagliato la linea d’arrivo della più lunga regata del Mediterraneo dopo 6 giorni, 18 ore, 03 minuti e 57 secondi di navigazione

Alberto Riva, identikit di un minista

A 5 giorni dalla partenza della Mini Transat il velista milanese si racconta

Salone Nautico: presentati i risultati della 24ma edizione dell’operazione Delphis

Sono stati presentati al 61° Salone Nautico internazionale di Genova i risultati della 24ma edizione dell’operazione Delphis, la tradizionale manifestazione nautica internazionale per conoscere e proteggere i cetacei del mar Mediterraneo

Garda:l'Italiano RS 21 comandato da Caipirinha

Seconda giornata di regate a Gargnano per il primo Campionato Italiano della classe Rs 21, carena inglese che porta la firma dell'olimpionico Jo Richards

Regata del Conero: Anywave la spunta dopo un testa a testa con “Kiwi” e “Idrusa”

Onore a “Anywave”, il maxi yacht triestino di Alberto Leghista, che ha vinto la XXII Regata del Conero con record di percorrenza, tagliando il traguardo dopo un’ora 7 minuti e 58 secondi di regata

A Diano MArina il WindFestival: dieci anni sulla cresta dell’onda!

Il più grande Expo d’Italia dedicato agli action sport di mare e di vento è pronto per spegnere le candeline dei suoi primi dieci anni: dal 30 settembre al 3 ottobre a Diano Marina torna alla ribalta il WindFestival

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci