martedí, 19 marzo 2019


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

press    melges 20    garda    dragoni    regate    campionato invernale riva di traiano    rs feva    cnsm    campionati invernali    j24    solidarietà    fincantieri    normative   

SYDNEY HOBART

Sydney/Hobart: il racconto dei vincitori

sydney hobart il racconto dei vincitori
Roberto Imbastaro

Nelle regate d'altura i margini sono sottili, le varianti apparentemente infinite e l'influenza di fattori imprevedibili, come il meteo, significativa. Concentrazione, resilienza e capacità di reagire a cambiamenti imprevisti e avversità, sono un prerequisito indispensabile per ogni equipaggio che aspiri al successo.

La Rolex Sydney Hobart Yacht Race del 2018, disputata da una flotta di 85 imbarcazioni estremamente diversificate e competitive, con equipaggi composti da velisti esperti e di talento, ha ricordato l'incessante e mutevole modo di procedere di una regata. Per i due vincitori dei premi principali della 74a edizione, overall IRC e Line Honours, le decisioni tattiche importanti sono state prese quando la pressione era alta. E le scelte si sono rivelate cruciali.

Con la vittoria assoluta in overall IRC, Phillip Turner e il suo equipaggio di Alive hanno riportato la Tattersall Cup in Tasmania dopo 39 anni di assenza. Per la famiglia Oatley invece, Wild Oats XI, primo classificato, rappresenta un undicesimo successo in questa regata, nove titoli in palio insieme alle vittorie complessive ottenute negli anni record del 2005 e del 2012. Dalla spettacolare e baciata dal sole partenza dal porto di Sydney, è stata una gara che ha offerto un'ampia gamma di condizioni e situazioni, dalle piatte ai venti contrari.

La regata di 628 miglia nautiche, organizzata dal Cruising Yacht Club of Australia (CYCA) con il supporto del Royal Yacht Club of Tasmania, è partner di Rolex dal 2002. Un'edizione memorabile della Rolex Sydney Hobart conclude un anno in cui Rolex ha segnato il 60° anniversario del suo rapporto con lo sport dello yachting.

 

Vittoria assoluta: il ritorno della coppa in Tasmania

Primo successo della Tasmania in gara dal 1979, lo storico trionfo di Alive è stato accolto a Hobart da una folla locale entusiasta. Una vittoria che è il risultato di un epico duello con Wild Oats X, un Reichel/Pugh 66 con equipaggio tutto femminile formato da professioniste, un altro yacht della famiglia Oatley.

"La regata è stata l'incubo e il sogno di un navigatore", rifletteva Wouter Verbraak di Alive. "Si trattava di trovare la giusta posizione ad ogni transizione. Non sempre si riesce a trovare la posizione giusta. In molte di queste regate è una questione di meteo e di avere la barca della giusta dimensione per affrontare quel meteo". Quando poi sei in posizione si tratta di prendere decisioni tattiche accorte e coraggiose basate sull'esperienza, sull'intuizione e, nel caso di Alive, sulla collaborazione.

Formato da velisti professionisti e amatori, l'equipaggio di Alive è plasmato dal desiderio di Turner di promuovere un team che favorisca lo sviluppo di giovani velisti. Wild Oats X è stata per loro un'avversaria formidabile, composta da veliste esperte che hanno completato un gran numero di miglia di navigazione d'altura, molte delle quali anche in solitario e come skipper. "Ci hanno spinto e ci hanno costretto ad ottenere il meglio l'uno dall'altro. Ci siamo visti per la maggior parte della regata", conferma Verbraak.

I due equipaggi si sono separati solo alla fine della gara. "A poca distanza da Tasman Island era discutibile se potevamo issare una vela Code Zero più grande o meno. Abbiamo parlato tra di noi 'lo faremo o no - sì o no? Abbiamo deciso di farlo e abbiamo ottenuto la velocità extra per superare Wild Oats X", ha spiegato Verbraak.

Forse altrettanto decisivo il fatto che Wild Oats X aveva strappato il suo spinnaker A2 la prima notte, una vela che sarebbe stata una gradita opzione per risalire sul Derwent a Hobart. Alive è stato il quinto yacht a concludere la regata di quest'anno, Wild Oats X il sesto.

Questi fattori, insieme all'instancabile lavoro dell'equipaggio, all'eccellente navigazione e alla determinazione nel mantenere la barca in movimento anche in aria leggera, hanno contribuito ad assicurare ad Alive un quarto successo della Tasmania dalla regata inaugurale del 1945, facendo seguito alle vittorie consecutive di Westward, 1947 e 1948, e al trionfo di Screw Loose nel 1979.

Alive non è nuovo al successo nelle regate d'altura Rolex. Nel 2016 ha infatti vinto la line honours alla Rolex China Sea Race di 565 miglia, stabilendo un nuovo record di regata.

Stacey Jackson, skipper di Wild Oats X, che ha concluso a soli 13 minuti da Alive e seconda in tempo compensato, era orgogliosa del suo equipaggio e spera di andare meglio alla 75a edizione del prossimo anno. "Sarà un anniversario epico per la regata. Penso che vedremo entrare un numero enorme di barche, simile al 50°. Speriamo che ci vediate tornare con la stessa squadra che abbiamo messo insieme quest'anno".

Line Honours: redenzione e sollievo

A differenza delle due precedenti edizioni della Rolex Sydney Hobart, quest'anno non è stato stabilito alcun record di gara. Tuttavia la natura della gara tra i primi classificati ha fornito numerosi aneddoti per la futura letteratura. Nel conquistare la Line Honours, Wild Oats XI ha esteso il proprio record di trionfi a nove. Questo dopo una gara che ha visto cinque 100 piedi sulla linea di partenza e un rush finale a quattro senza precedenti lungo il fiume Derwent.

Per lo skipper di Wild Oats XI Mark Richards, al timone in ognuno dei suoi successi, questa è stata una vittoria di "redenzione" dopo tre anni di delusioni, cancellando così la sua più lunga astinenza dal successo. "Questa è stata la gara più spettacolare degli ultimi 74 anni", ha esclamato Richards all'arrivo a Hobart. "E' stata una gara incredibile fino alla fine. Tutti gli equipaggi dei Maxi si sono spinti a vicenda e hanno fatto un lavoro fantastico".

Richards ha individuato una significativa decisione tattica al largo di Tasman Island prima della virata per Hobart come punto chiave. Qui Wild Oats XI, in una importante transizione climatica, è stato in grado di girare intorno al leader della regata Comanche e, quando la brezza si è diffusa, si è trovata nel punto giusto per trarne vantaggio. Da quel momento in poi, ha assunto il controllo della regata e ha esteso il suo vantaggio fino al traguardo.

I cinque 100 piedi, che comprendono anche Scallywag (uno dei sei ritiri di regata) e InfoTrack (quarto al traguardo), hanno tutti caratteristiche diverse, fatti per condizioni che si adattano ai loro progetti individuali, alle forme dello scafo e ai piani velici. Tom Addis, navigatore su Black Jack, che ha navigato su tre dei 100 piedi Maxi, ha ammesso che "Wild Oats XI è una grande barca a tutto tondo, costruita per questo tipo di regata".

La gara per finire secondo tra Black Jack e Comanche è stato uno dei tanti affascinanti duelli della regata, uno dei quali è stato deciso sul Derwent quando l'equipaggio di Peter Harburg ha trovato la brezza per superare il vincitore di due line honours, e ha prevalso di 63 secondi. Ha evocato il ricordo dell'epico arrivo del 1982, quando Condor of  Bermuda ha battuto Apollo di soli sette secondi.

La ricerca della Line Honours ha offerto una gara unica e memorabile tra cinque armatori e skipper impegnati e determinati, che hanno ottimizzato le loro barche per la regata e reclutato i migliori professionisti della vela. Ogni sacrificio è stato fatto alla ricerca della gloria. "Questo non succede in nessun altro posto al mondo, la posta in gioco è davvero alta", ha spiegato lo skipper di Black Jack Mark Bradford. “I cinque 100 piedi avevano a bordo il meglio della vela mondiale offshore”.

Ogni traguardo è un successo

Il successo non si misura solo da trofei e riconoscimenti, ma anche da conquiste collettive e individuali che premiano i sacrifici personali e coloro che superano i numerosi ostacoli della gara. Con la premiazione finale del 31 dicembre, tutte le barche rimanenti, compreso il più piccolo della flotta, il 30 piedi Gun Runner, avevano da tempo tagliato il traguardo. Alcuni sono riusciti a brindare alle vittorie di classe, altri a pietre miliari personali, tutti uniti da un senso di divertimento e cameratismo.

La regata di quest'anno è stata anche un momento di riflessione, segnando 20 anni dall'edizione del 1998, quando sei marinai persero tragicamente la vita in seguito ad una grave tempesta, simile per forza ad un uragano, nello Stretto di Bass.

 

In omaggio a coloro che hanno perso la vita, David Kellett, che ha navigato in quell'edizione della regata, e ora guida il team radio sulla nave appoggio, si è rivolto alla flotta il 27 dicembre con le parole pronunciate dal commodoro del CYCA, Hugo Van Kretschmar, in occasione della cerimonia commemorativa post-gara tenutasi al Constitution Dock nel 1998.

Il prossimo anno segna un'edizione speciale della Rolex Sydney Hobart. Il CYCA prevede la presenza di una nutrita flotta per la regata del 75° anniversario, partecipanti desiderosi di affrontare uno dei più bei paesaggi terrestri e marini del mondo. Per coloro che accettano la sfida, la pianificazione inizia ora. La Rolex Sydney Hobart richiede un'immensa preparazione per la barca e l'equipaggio; la regata del prossimo anno, come tutte quelle che l'hanno preceduta, metterà alla prova la determinazione, l'abilità e il coraggio anche del velista più esperto.

 


31/12/2018 15:25:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

I 40 anni dell'IMA festeggiati con un nuovo circuito Inshore in Mediterraneo

Palmavela, Capri, Giraglia, Copa del Rey, Porto Cervo e Saint Tropez gli appuntamenti del 2019

Invernale Traiano: Tevere Remo Mon Ile concede il bis

E' Tevere Remo Mon Ile di Gianrocco Catalano il vincitore assoluto del Campionato Invernale di Riva di Traiano 2018/2019. In regata 2 vincono Vulcano 2 e Canopo, nei Crociera Soul Seeker

Invernale Traiano: sabato ultimo atto

Tevere Remo Mon Ile è certa di far suo il titolo più ambito, quello dei Regata IRC. Incerte tutte le altre classi ad eccezione dei Gran Crociera

Lega Navale di Trieste: mostra fotografica e visita alla Lanterna

In occasione del centenario della sezione di Trieste della Lega Navale Italiana, è stata inaugurata una mostra fotografica abbinata ad una visita alla Lanterna

Spettacolo Swan a Scarlino

Un weekend con vento da quadranti meridionali ha fatto da scenario a tre giorni di vela One Design che hanno visto convergere alla Marina di Scarlino le imbarcazioni della classe ClubSwan 50 e della classe Swan 45.

Aprono le iscrizione al 59° Salone Nautico di Genova

Si aprono ufficialmente il prossimo 14 marzo le iscrizioni al 59° Salone Nautico organizzato da UCINA Confindustria Nautica a Genova dal 19 al 24 settembre prossimi.

IV Women’s Sailing Cup Italia per AIRC

Al Porto Turistico di Chiavari dal 22 al 24 marzo 2019 3 giorni di regate, azioni eco-friendly, fitness, mercato dell’artigianato e alimentare, talent show in cucina e tanto altro ancora

RS Feva Italia: nell’anno del mondiale di Follonica ecco come parte la stagione nazionale

In questo avvio di stagione anche il doppio giovanile FIV RS Feva inizia ad organizzare le prime attività 2019

Caorle: ottanta voglia di vela

Salutati i grigiori invernali, al Circolo Nautico Santa Margherita tutto è pronto per la stagione offshore 2019 che si aprirà con la quinta edizione de La Ottanta, in programma il 6 e 7 aprile

Dragoni: al Paul & Shark Trophy la lotta per il podio si fa dura

Le regate tornano domenica per la giornata conclusiva e determinante per l’assegnazione del Paul & Shark Trophy.

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci