mercoledí, 12 agosto 2020


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

persico 69f    circoli velici    mini 6.50    optimist    trasporto marittimo    fiv    porti    benetti    press    salone nautico di genova    altura   

VELA OLIMPICA

Mondiale Geelong: l'Italia del Nacra si risveglia

mondiale geelong italia del nacra si risveglia
redazione

Benvenuti in Australia: eccola la giornata-tipo che tutti si aspettano nella Corio Bay davanti a Geelong: sole e brezza termica robusta sui 18-20 nodi! L'evento che riunisce i tre Mondiali delle discipline acrobatiche della vela olimpica: 49er (skiff maschile), FX (skiff femminile) e Nacra 17 (catamarano misto) vive il secondo giorno di regate, tutte le flotte portano a sei il totale delle manche disputate. Le classifiche prendono un primo volto, anche se i campionati sono ancora lunghi, si chiude la fase delle Qualifiche e iniziano le Finali. 

Per gli equipaggi azzurri una giornata intensa in saliscendi, ecco la situazione nelle discipline.


NACRA 17 (CATAMARANO MISTO)
La coppia britannica John Gimson e Anna Burnett (come annunciato sono già selezionati per Tokyo 2020) continua un dominio notevole, anche se scivola nella terza manche del giorno (1-1-20), ed è avvicinata dai fratelli australiani Nathan e Haylee Outteridge (17-2-2). I due di testa sembrano avere un altro passo, ma hanno entrambi accumulato una brutta prova da scartare. Al terzo posto un po' staccati salgono i francesi Quentin Delapierre e Manon Audinet (a loro volta selezionati per Tokyo 2020) (6-6-8).

Subito ai piedi del podio, a soli 2 punti dai transalpini, sono risaliti prepotentemente i campioni del mondo in carica Vittorio Bissaro (Fiamme Azzurre) e Maelle Frascari (CC Aniene) grazie a una giornata di grande consistenza e regolarità (5-4-6). Dietro di loro gli spagnoli Tara Pacheco e Florian Trittel, tutte le medaglie di Rio 2016, dai padroni di casa Jason Waterhouse e Lisa Darmanin, sesti (si giocano la selezione olimpica con gli Outteridge), agli argentini Santiago Lange e Cecilia Carranza, ottavi, agli austriaci Thomas Zajac e Barbara Matz, undicesimi.

Segni di ripresa per l'altro fortissimo equipaggio azzurro di Ruggero Tita (Fiamme Gialle) e Caterina Banti (CC Aniene), almeno nei piazzamenti di giornata a livello dei migliori (8-21-5), e pure se la classifica generale li vede ancora al 18° posto, con una ventina di punti da recuperare per mettere nel mirino la top-ten che vale la Medal Race di sabato 15.

In serata lavori straordinari per Ruggero e Caterina, che proprio nella loro migliore prova del giorno (5) hanno subito una collisione con diversi danni alla randa e a uno scafo, con i francesi Tim Mourniac e Noa Ancian, i quali si sono ritirati. 

 

49er (SKIFF MASCHILE)
Il ventone rimette le cose a posto e si installano al comando, irresistibili, i supercampioni neozelandesi Peter Burling e Blair Tuke (1-3-1) intenzionati a difendere il titolo vinto in casa a Auckland. Solo gli austriaci Benjamin Bildstein e David Hussl (3-2-2) e gli spagnoli Diego Botin e Iago Lopez Marra (1-1-3) sembrano tenere il ritmo dei kiwi. Quarti i tedeschi Erik Heil e Thomas Ploessel (bronzo a Rio 2016). Crollo degli inglesi Dylan Fletcher e Stuart Bithell che ieri erano in testa (13-7-DSQ).

Il vento appesantisce le classifiche degli azzurri: al 50° in generale troviamo Simone Ferrarese (CV Bari) e il giovane prodiere gardesano Leonardo Chistè (CV Arco) (21-15-16 di giornata). E' invece al 58° posto senza acuti l'altro team italiano con Uberto Crivelli e Gianmarco Togni (Marina Militare) (18-16-23 di giornata).

A causa dell'annullamento del primo giorno di gare, le Qualifiche sono terminate oggi: mancato l'accesso alla Finale con la flotta Gold, gli azzurri proseguiranno il campionato in Silver (Ferrarese e Chistè) e in Bronze (Crivelli e Togni).

 

49er FX (SKIFF FEMMINILE)
Grande bagarre nel doppio acrobatico femminile con un forte livellamento in alto dei valori e delle gerarchie. Al comando ci sono le inglesi Charlotte Dobson e Saskia Tidey (2-2-3 di giornata), davanti alle spagnole Tamara Echegoyen e Paula Barcelò (2-1-3), e alle sorprese danesi Anne-Julie Schutt e Iben Nielsby (3-10-4). In rimonta ma ancora al 9° posto le brasiliane Martina Grael e Kahena Kunze (oro di Rio 2016) (1-4-13), e in crisi al 14° posto le campionesse mondiali in carica, le olandesi Annemiek Bekkering e Annette Duetz (11-12-2).

In questo campionato difficile, le giovani azzurre continuano a fare esperienza: Carlotta Omari (Fiamme Gialle) e Matilda Distefano (13-3-12 di giornata), chiudono le Qualifiche al 24° posto e guadagnano l'accesso alla flotta Gold per le Finali. 

Finali che saranno in flotta Silver con il 32° posto in generale per Alexandra Stalder (CN Bardolino) e Silvia Speri (FV Peschiera) (15-16-8 di giornata), che nel dopo gara sono state protagoniste in sala Giuria, vincendo una protesta fatta dalle croate, che in caso di vittoria di questa ultime avrebbe fatto saltare la Gold di Omari-Distefano. In Silver anche Margherita Porro (CV Arco) e Sveva Carraro (Aeronautica Militare) oggi non a proprio agio e al 35° in generale (17-18-20 di giornata).

CARLOTTA OMARI (timoniera 49er FX): "Siamo entrate in Gold, eravamo un gruppo di quattro barche a pari punti e da alcune proteste dipendeva lo stare dentro o fuori. Oggi tre prove, il nostro campo era più a terra, con vento molto rafficato e oscillante, nella prima prova c'erano 12 nodi, poi è andato aumentando sui 14-16 nodi. Le regate sono difficili per i salti del vento e bisogna vedere molto le raffiche, regatare sul vento più che sugli avversari. Ma tutto sommato più facile qui che in Nuova Zelanda. In Gold siamo tutte molto attaccate con il punteggio, noi al 24° posto siamo a soli 10 punti dal 12° posto... Ora inizia la battaglia e puo' succedere di tutto, da domani coltello tra i denti!"

SIMONE FERRARESE (timoniere 49er): "L'infortunio di Valerio (Galati, ndr) durante un raduno a Cagliari mi ha fatto crollare un po' tutto addosso... Poi abbiamo avuto l'idea di sentire Leonardo (Chistè, ndr), che ho visto agli allenamenti sul Garda per il CICO e reputo un grande talento. Lui è stato bravissimo, il giorno dopo la chiamata era già sull'aereo per l'Australia. Qui abbiamo potuto navigare insieme solo due giorni prima del Mondiale, e devo dire che siamo andati subito abbastanza bene. Primo giorno di regate più aperto e vento più leggero, condizioni migliori per noi e ci siamo difesi facendo anche un buon 6°. Oggi con vento forte e più costante abbiamo pagato un po' la carenza di allenamenti insieme. Prossimamente vedremo cosa fare, sicuramente Leo ha un potenziale grandissimo e insieme potremmo andare forte se decideremo di provare per l'ultima qualifica olimpica a Genova."

LEONARDO CHISTE' (prodiere 49er): "Ho ricevuto questa chiamata last-minute di Simone, mi ha fatto molto piacere che abbiano pensato a me. All'inizio è stato un problema riuscire a organizzare la cosa ma alla fine ce l'abbiamo fatta. Nei due allenamenti insieme ci siamo trovati bene, il campo di regata è difficile ma interessante. Per il futuro spero di poter continuare con lui per provare qualcosa insieme, riuscendo a gestirmi anche con l'Università. Spero che Valerio si riprenda in fretta e gli auguro di tornare presto."

 


12/02/2020 16:44:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Mini 6.50, Les Sables: Cuciuc e Mengucci nel gruppo di testa

Al momento hanno iniziato bene questa prima tappa della Les Sables –Les Açores i due romani Federico Cuciuc e Giovanni Mengucci, rispettivamente quinti nei Proto e nei Serie

Tre settimane all'Italiano d'Altura di Gaeta

YC Gaeta e Base Nautica Flavio Gioia con grande determinazione hanno affrontato le problematiche legate all’emergenza Covid 19 per onorare gli accordi presi con la FIV e con l’UVAI

Mini 6.50: Tanguy Bouroullec vince la prima tappa a Les Sables d'Olonne

Il migliore degli italiani è stato Federico Cuciuc, che solo in un finale al rallentatore ha perso posizioni finendo 7° tra i Proto e 15°assoluto. Giovanni Mengucci ha tagliato il traguardo al 25° posto (18° tra i Serie)

Persico 69F: a Gargnano primo giorno di "Revolution"

In evidenza alla fine della prima giornata gli equipaggi di Botticini, Gallinaro, e Caldari oltre ai fuoriclasse da Hong Kong

Caos istituzionale e il porto di Venezia soffre

La Venezia Port community chiede di quali poteri possa disporre il neonominato Commissario all'Autorità di Sistema Portuale e quali confini circoscrivano la cosiddetta ordinaria gestione

Optimist, "Ora Cup Ora": conclusione con un bel vento teso da nord

Nella categoria juniores la spunta il campione britannico Santiago Sesto Cosby; la napoletana Caracciolo vince tra le femmine Tra i più piccoli netta vittoria di Mattia Benamati; rimonta della rivana Berteotti, che supera la tedesca Brinkmann

Benetti: ecco il Giga Yacht “Luminosity”, un ibrido di 107 metri

Ma questo Giga yacht non è solo eleganza e design: a bordo si ritrova tutta l’esperienza e il know-how costruttivo di Benetti. “Luminosity”, il più grande ibrido mai costruito ad oggi

YC Italiano e e SV Barcola e Grignano insieme sul Persico 69F

Yacht Club Italiano e Società Velica di Barcola e Grignano armano insieme un equipaggio alla Persico 69F Revolution Cup, la sfida di nuova generazione su Foil. 20 gli equipaggi al via a Gargnano dal 14 al 19 agosto

Salone Nautico di Genova: appuntamento al 1° ottobre 2020

Il ticketing online, a partire da giovedì 6 agosto attraverso il sito www.salonenautico.com, è lo strumento unico per l’acquisto dei biglietti del Salone Nautico

ASSARMATORI: vinta la prima battaglia per rilanciare l’economia del mare

“L’emergenza Covid, nella sua drammaticità, ha in queste ore provocato quella che va considerata una reazione positiva insperata: far comprenderealle Istituzioni nazionali l’importanza dell’economia e dell’industria del mare”

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci