giovedí, 21 novembre 2019


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

cambusa    attualità    luna rossa    arc    tokio 2020    campionati invernali    match race    dolphin    garda    barcolana    mini transat    mostre    premi    meteor    press    convegni   

TROFEO PRINCESA SOFIA

La vela olimpica in acqua per il Trofeo Princesa Sofia

la vela olimpica in acqua per il trofeo princesa sofia
redazione

Ci siamo! Dopo il lungo lavoro di allenamento invernale, interrotto per alcune classi dalla tappa di Miami delle World Cup Series, è arrivato il momento in cui la squadra italiana scenderà in acqua per confrontarsi con gli atleti internazionali per la prima regata collegiale della stagione delle classi olimpiche: il Trofeo S.A.R. Princesa Sofia Iberostar a Palma di Maiorca.
 
Una delle regate più classiche del panorama internazionale, apre la stagione nel Mediteranneo da mezzo secolo, quest’anno è infatti il 50esimo anniversario della regata intitolata alla Principessa Sofia, moglie di Juan Carlos I de Espana, un Re che ha sempre amato molto la vela anche in prima persona come timoniere. Come ogni anno il numero dei partecipanti è da record: quest’anno sono iscritti oltre 850 equipaggi per un totale di più di 1200 atleti, che con i team completi di allenatori, fisioterapisti e consulenti animano la baia di Palma ogni primavera.
 
Sono sempre i Laser ed i Laser Radial che si presentano qui con il maggior numero di partecipanti; tra i 190 Standard non manca il Campione del Mondo in carica e velista dell’anno Rolex, Pavlos Kontides (CYP), mentre nei 120 Radial le favorite sono l’oro a Rio Marit Bouwmeester (NED) e la campionessa del mondo in carica Emma Plasschaert (BEL).
L’Italia si presenta con 15 ragazzi e 7 ragazze, con diversi volti nuovi in arrivo dalle classi giovanili. (elenco completo a fine comunicato)
 
Numerosissimi anche i 49er, 106, con tutti gli occhi puntati sulla medaglia d’oro a Rio in 470 Sime Fantela (CRO), che si è dedicato da allora allo skiff olimpico conquistando, dopo solo 18 mesi nella classe, il titolo iridato proprio l’anno scorso ad Aarhus. Non saranno da meno i fuoriclasse neozelandesi Peter Burling e Blair Tuke, passati dall'oro di Rio alla vittoria della Coppa America fino alla Volvo Ocean Race in un paio di anni. Anche nella flotta delle ragazze del 49 FX, sono presenti le campionesse del mondo, le olandesi Annemiek Bekkering e Annete Duetz.
Sono 10 gli equipaggi italiani presenti, equamente divisi tra ragazzi e ragazze.
 
Nei Nacra 17 foiling i campioni in carica sono i nostri Ruggero Tita e Caterina Banti (SV Guardia di Finanza/CC Aniene) che cercheranno di ripetere il successo dell’anno scorso dopo una brillante stagione 2018 e l’importante allenamento invernale tra Trapani e Cagliari. Con loro altri tre equipaggi italiani, ma soprattutto sarà importante vedere il confronto con gli stranieri, tra cui i vincitori delle Olimpiadi a Rio Santiago Lange e Cecilia Carranza Saroli.

Molto alto il livello della classe 470 maschile, con il timoniere francese campione del mondo Kevin Peponnet (FRA) sulla linea di partenza con gli spagnoli vincitori del bronzo ad Aarhus 2018 e gli australiani Mat Belcher e Will Ryan – campioni assoluti al Trofeo Sofia dell’anno scorso. Ci sarà grande battaglia anche tra le ragazze, con, tra le altre, Ai Kondo and Miho Yoshikoa (JAP), Silvia Mas and Patricia Cantero (ESP) e Hannah Mills and Eilidh McIntyre (GBR).
Sono 5 gli equipaggi italiani, due femminili, due maschili ed, a sorpresa, uno misto. Quello azzurro non è l’unico equipaggio misto presente al Trofeo, e ci aspettiamo di vederne sempre di più visto il sempre più probabile 470 Misto Olimpico che World Sailing vorrebbe per Pargi 2024. Sono in classifica con i ragazzi.
 
Nei Finn l’Italia si presenta con due giovanissimi timonieri (45 anni in due), che se la vedranno con dei veri e propri campioni della classe. Dall’ungherese Zsombor Berecz, vincitore del titolo mondiale ad Aarhus, a Max Salminen (SWE), campione del mondo nel 2017 e medaglia d’argento lo scorso anno davanti, per soli due punti, all’olandese Pieter-Jann Postma; ed infine la medaglia d’oro a Rio e detentore del titolo del Trofeo, il britannico Giles Scott.
 
La flotta degli RS:X non conterà quest’anno dei più forti velisti del momento, perché la settimana successiva si terrà, proprio a Palma, il Campionato Europeo che per molte squadre è uno degli obiettivi dell’anno. Per questo molti tecnici hanno scelto di non far partecipare i propri atleti al Trofeo Sofia, scelta condivisa anche dalla squadra italiana.
 
“In questi ultimi giorni ci sono state delle sessioni di rifinitura qui a Palma – ci racconta il direttore tecnico Michele Marchesini – con condizioni di vento di gradiente da est/nord-est che dovrebbe tenere fino al primo giorno di regata in cui ci aspettiamo una buona brezza sui 12/15 nodi. Questa regata è importante per tutti, ma soprattutto per i nostri equipaggi dei Nacra che non hanno partecipato alla regata di gennaio di Miami. Sarà per loro una verifica dell’importante lavoro fatto durante tutto l’inverno, quindi li seguirò molto da vicino. Tra le classi di punta sarà interessante anche vedere gli equipaggi del 470 perché il loro Europeo non è lontano, e sarà un momento di verifica dei materiali.”
“Nelle altre classi – continua Marchesini – attendiamo di vedere i reali valori in campo dell’FX, sono tutte giovani ed alcune navigano da parecchi anni con buoni risultati nelle classi giovanili. Situazione analoga anche nei Laser Radial, dove assisteremo all’ingresso di diverse veliste che arrivano dalla categoria juniores con ottimi palmares.”
 
Le regate inizieranno domani, lunedì 1 aprile alle 11.00 per tutte le classi tranne i 49er che inizieranno alle 13. Sono previste regate di qualificazione fino a sabato 6 quando andranno invece in acqua solo i migliori 10 equipaggi di ogni classe per le Medal Race.

 


31/03/2019 20:15:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Matteo Sericano: la mia avventura alla Mini Transat

Matteo Sericano: "E' meglio perdersi sulla strada di un viaggio impossibile che non partire mai”

Un mare di eventi per le festività natalizie in Friuli Venezia Giulia

Partirà già a fine mese il ricco cartellone di appuntamenti pensati dalle due località balneari del Friuli Venezia Giulia, Lignano Sabbiadoro e Grado, per Natale e Capodanno

Mini Transat: il vincitore, François Jambou, impressionato da Ambrogio Beccaria

" Penso che sia il miglior marinaio che abbia mai visto"

Cambusa: a Siena le 330 Città dell'Olio

Gli Stati Generali del mondo dell'olio riuniti per l'occasione: sei panel tematici per definire i contenuti dell’Agenda 2030 di ANCO ed una grande festa in città con degustazioni, mostre ed allestimenti a tema

Mini Transat: Beccaria 1° tra i Serie e 3° assoluto

E’ soltanto la quarta volta in 42 anni che un navigatore non francese vince questa leggendaria regata per le barche oceaniche più piccole del mondo

Tokio 2020: un'Olimpiade "atomica" per la vela?

Il Ministero dell'Industria giapponese ha dato parere favorevole allo sversamento in mare delle acque contaminate della centrale atomica di Fukushima

Napoli: domenica in acqua per l'Invernale

Riparte domenica 17 novembre il Campionato Invernale Vela d’altura del Golfo di Napoli. Nove le regate in programma per la 49sima edizione

Ucina al Metstrade di Amsterdam

Ucina sarà presente ad Amsterdam in collaborazione con l'ICE con una collettiva di 72 aziende

Il "Cimento" dei Dolphin del Lago di Garda

La classe si presenta come sempre in forza, confermandosi il monotipo più gettonato delle competizioni del Benàco

Garda: i Dolphin al cimento invernale

Salpa domenica prossima (17 novembre) il Cimento Invernale e il Santarelli Days, regate che si svolgeranno nel golfo di Desenzano

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci