mercoledí, 15 luglio 2020

PRESS

La cultura abitativa dei Greci di Sicilia: terza lezione del seminario sull’Arte di abitare

la cultura abitativa dei greci di sicilia terza lezione del seminario sull 8217 arte di abitare
redazione

Si terrà venerdì 25 gennaio 2019 alle ore 16,00 la terza lezione dal titolo “La cultura abitativa dei Greci di Sicilia”, del seminario dal titolo “L’Arte di abitare”, organizzato da BCsicilia, dall’Ordine degli Architetti della Provincia di Palermo e con il patrocinio del Comune di  Bagheria. Relatore sarà Amedeo Tullio, Archeologo - Università di Palermo. La relazione sarà preceduta dalla presentazione di Franco Miceli, Presidente appcpa, Romina Aiello, Assessore alla Cultura del Comune di Bagheria e Maria Giammarresi, Presidente della Sede di Bagheria di BCsicilia. A tutti gli iscritti verrà rilasciato un attestato di partecipazione al corso. Per informazioni Tel: 3356236293 - Email: bagheria@bcsicilia.it. Agli architetti verranno accreditati, presso il CNAPPC 3 CFP, previa iscrizione on-line, tramite la piattaforma im@teria.
La lezione prenderà in esame il modo di abitare dei Greci, per i quali la casa non era solo un luogo dove risiedere, ma l’insieme delle persone che vivevano in quello spazio, l’habitat in cui si viveva (donde il nostro vocabolo ecologia): case povere e dimore aristocratiche, dove, con un puritanesimo che può sembrare eccessivo, si trovavano, uomini e donne in ambienti separati (Lisia parla addirittura di zone sistemate in piani diversi); ambienti pubblici e privati.
Anche in Sicilia sono state notate caratteristiche simili fin da età arcaica e maggiormente dal IV sec. a.C., come si riscontra prendendo in esame i centri che hanno dato maggiori notizie: Megara Hyblaea, Siracusa, Himera, Gela, Selinunte, Agrigento, Tindari, Morgantina, Halaisa Arconidea e Cefalù. Oggi la nuova metodologia di ricerca ha fatto acquisire nuovi e più consistenti dati che consentiranno di rileggere, almeno in parte, la storia della casa greca e con essa quella degli uomini che vi abitarono.
Amedeo Tullio, dopo la laurea in Lettere, si è specializzato in Archeologia presso l'Università di Roma.  Ricercatore presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Palermo, ha insegnato “Metodologia e tecniche della ricognizione e dello scavo", in varie Facoltà dell’Università di Palermo. Da anni collabora con la Soprintendenza Archeologica di Palermo, svolgendo un'intensa attività di scavi e ricerche sul terreno: ad Himera, a Cefalù, a Polizzi Generosa, a Gratteri ed a Palermo (Maredolce).
Ha curato l’allestimento espositivo del Civico Museo Archeologico di Polizzi Generosa e, recentemente, ha curato il nuovo allestimento epositivo della sezione archeologica del Museo Mandralisca di Cefalù, per il quale, tra l’altro, ha curato, l’importante mostra aptica “Vietato non toccare”che consente ai non-vedenti di valutare direttamente forma e decorazione di alcuni reperti.
Come archeologo ha al suo attivo oltre 300 pubblicazioni, tra monografie, relazioni, saggi ed opere di divulgazione scientifica.

 


22/01/2019 10:55:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

L'estate di Lignano tra buon vino, cibo e navigazione

Navigazione verso Marano e Aquileia con degustazioni dei prodotti della Strada del Vino e dei Sapori FVG

Il Governo "affonda" i porti turistici

Assomarinas: è inaccettabile, ancora una volta nel Decreto Rilancio il Governo ignora i problemi dei porti turistici

Caorle: tutti i vincitori de "La Duecento"

Con l’arrivo di Sheherazade di Nevio Zagaria alle 21:20 di sabato 11 luglio, vincitore del Trofeo Soligo Never Give Up, si è conclusa ufficialmente la ventiseiesima edizione de La Duecento, la prima regata offshore italiana in tempi Covid

Vendée-Arctique: Giancarlo Pedote studia per il Vendée Globe

Un'intervista rilasciata questa mattina mentre si avvia verso il waypoint Gallimard guadagnando posizioni. Ora è 10°

Vendée Arctique: nella piatta lotta tra Beyou e Dalin

Qualche problema per Giancarlo Pedote che si difende e festeggio in solitario i suoi 9 anni di matrimonio con Stefania

Melges 32 World League: la prima giornata del 2020 è un gioco di equilibri

Secondo weekend italiano di regate e stavolta i protagonisti sono gli equipaggi della Classe Melges 32 che, da ieri fino a sabato, sono impegnati nella prima frazione delle Melges World League 2020 a Malcesine.

L'ottusità della burocrazia blocca la vela sul lago di Bracciano

Iniziativa della Federvela del Lazio per sbloccare la situazione delle regate a Bracciano: il presidente FIV IV Zona Giuseppe D'Amico scrive a Zingaretti. Il caso di una norma del 2014 interpretata male che blocca le regate

Scuole Vela FIV 2020: i primi numeri sono positivi

Le Scuole Vela FIV hanno iniziato da un paio di settimane la loro attività, e nonostante il periodo particolare e una stagione annunciata come difficile, i primi numeri che arrivano dai Circoli Velici in tutta Italia sono positivi

Caorle, La Duecento: Line Honours per Hagar V

La prima imbarcazione assoluta e della categoria XTutti al traguardo è stata Hagar V, Scuderia 65 nuovissimo, dell’armatore alto-atesino Gregor Stimpfl con Sergio Blosi, Lorenzo Tonini, Silvio Santoni, Samuele Nicolettis e Nevio Sabadin

Tre Ultim alla Drheam Cup

A prendere il via saranno in tre, il Team Actual Leader, Maxi Edmond de Rothschild e Sodebo Ultim 3. Giovanissimi a bordo con Yves Le Blevec

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci