mercoledí, 25 novembre 2020


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

cambusa    fincantieri    windsurf    vendee globe    press    aziende    ambiente    giancarlo pedote    solidarietà    manifestazioni    emirates team new zealand    j24    america's cup   

VELA OLIMPICA

Kieler Woche: Ruggero Tita e Caterina Banti ancora in testa nei Nacra 17

kieler woche ruggero tita caterina banti ancora in testa nei nacra
redazione

Kiel prosegue con vento imprevedibile, oggi ha soffiato da terra con intensità variabile e soprattutto con molti cambi di direzione che hanno reso le regate spesso delle vere e proprie lotterie. I salti di vento, del resto, sono il bello della vela agonistica, i migliori velisti sono quelli capaci di interpretare al meglio il suo umore, insieme a tutte le infinite variabili che si trovano sul campo di regata. Il day 2 di Kiel è stato in fondo una grande festa per gli atleti della vela olimpica, tornati a confrontarsi dopo mesi di sosta forzata.

 

I velisti azzurri presenti a Kiel confermano quanto di buono avevano fatto nella prima giornata, e a metà della serie occupano tre posizioni in zona podio. Ruggero Tita e Caterina Banti (Fiamme Gialle - CC Aniene) sono sempre leader sul catamarano Nacra 17; Giovanni Coccoluto cede il primo posto ma resta ottimo terzo nel singolo Laser; infine super giornata per le giovani Jana Germani e e Giorga Bertuzzi (Sirena-FV Malcesine), che si siedono in un prestigioso terzo posto dopo 6 prove complessive nella classe acrobatica 49er FX.

 

Il Direttore Tecnico della vela olimpica azzurra Michele Marchesini alla fine della seconda giornata della Kieler Woche, la kermesse in Germania che vede finalmente il ritorno in regata per le classi veliche a cinque cerchi, è criptico ed ermetico: "E' stata una giornata molto difficile, per le condizioni del vento da terra. E una giornata molto positiva per i nostri velisti."

 

Ecco il dettaglio delle classi.

 

Nacra 17 catamarano misto foiling (25 equipaggi), 3 team italiani

Ruggero Tita e Caterina Banti (Fiamme Gialle-Aniene) conservano il comando della classifica con quattro prove tra attacco e difesa (1-7-9-7) che si sommano a 1-3-1 del primo giorno.

Si avvicinano al secondo i tedeschi Kohlhoff-Stuhlemmer, oggi più costanti, e al terzo gli inglesi Gimson-Burnet, miglior score di giornata. Vittorio Bissaro e Maelle Frascari (Fiamme Azzurre-Aniene), sono al 6° posto (10-2-17-11) tallonati a pari punti dai bravissimi giovani Gianluigi Ugolini e Maria Giubilei (Compagnia della Vela di Roma), campioni del mondo Juniores, autori di una giornata notevole (6-13-3-10).

 

Laser Standard maschile (totale 105 iscritti), 9 timonieri italiani

Dopo 6 prove in due giorni (quattro solo oggi) il triestino Giovanni Coccoluto (Fiamme Gialle) (2-8-5-4 i piazzamenti nel secondo giorno), scende appena dal primo al terzo posto, superato dal norvegese Tomasgaard, oggi ispiratissimo (1-6-1-2) e dal britannico Beckett. Tra gli altri azzurri risale forte Marco Gallo (Fiamme Gialle) adesso ottimo 8° in generale (9-5-6-10 di gionata), poi 13° Alessio Spadoni (Aniene) (7-10-8-6 di giornata), 19° Gianmarco Planchesteiner (Fiamme Gialle) (3-7-11-11), 30° Dimitri Peroni (FV Malcesine) (10-13-19-14), 55° Matteo Paulon (YC Cannigione) (17-36-21-25).

 

49er FX doppio acrobatico femminile (52 equipaggi), 4 team italiani

Giornata da incorniciare per la timoniera triestina Jana Germani con la prodiera gardesana Giorga Bertuzzi (Sirena-FV Malcesine), con due primi posti, un secondo e un 15°, che le fa balzare sul terzo gradino del podio (9-5-7-1-1-2-15 nelle sei prove in due giorni), alle spalle delle campionesse del mondo, le spagnole Tanara Echegoyen e Paula Barcelò, e delle tedesce Tina Lytz e Susann Beucke. Le azzurre sono a soli 4 punti dalle prime e a 2 dalle seconde, anche se sono a pari punti con le quarte, le fortissime inglesi Charlotte Dobson e Saskia Tidey. Si preannuncia un gran bel finale nelle due giornate che mancano alla conclusione.

Le altre coppie azzurre: 15° posto per Alexandra Stalder e Silvia Speri (CN Bardolino-FV Peschiera) comunque costanti (9-8-7-9) e 19° per Carlotta Omari e Matilda Distefano (Fiamme Gialle-Triestina Vela) che comunque vincono la penultima prova del giorno (12-16-1-10).

 

Laser Radial femminile (57 iscritte), 4 timoniere italiane:

Duello stellare per il primo posto tra la fuoriclasse olandese Marit Bouwemeester e la ungherese Maria Erdi, divise da 1 solo punto, terza la danese Anne-Marie Rindom. Le azzurre: 13° posto per Silvia Zennaro (Fiamme Gialle) con un buon finale di giornata (14-18-7-6), 22° Carolina Albano (Fiamme Gialle) (21-14-26-25), 23° Joyce Floridia (Fiamme Gialle) (15-24-18-15) e 36° Francesca Frazza (FV Riva) (29-31-28-42).

 

49er doppio acrobatico maschile (56 equipaggi), 4 equipaggi italiani

Sempre primi i danesi Jonas Warrer e Jacob Precht Jensen, secondi i polacchi Przybytek e Kolodzinski, e terzi i francesi Roual e Amoros.

Risalgono al 15° posto Uberto Crivelli Visconti e Leonardo Chistè (Marina Militare-FV Riva) con una giornata volitiva (8-4-5-25), poi al 21° Simone Ferrarese e Jimmy Togni (CV Bari-Marina Militare) altalenanti (3-18-12-3), mentre scivolano al 27° posto Marco Anessi e Edoardo Gamba (AN Sebina-FV Malcesine) (21-17-7-20), e restano 30° Matteo Barison e Nicola Torchio (FV Malcesine-SG Salò) (15-16-9-14), team giovani qui per fare esperienza internazionale.


11/09/2020 21:24:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Vendée Globe: ancora non chiari i problemi di Hugo Boss; acqua a bordo (risolta) per Pedote

Hugo Boss procede lentamente e gli ingegneri sperano di poter riparare il danno in corsa. Per Pedote un'infiltrazione d'acqua dovuta ad una trappa del ballast

America's Cup: New Zealand presenta in nuovo AC75 "Te Rehutai"

Sarà lo scafo che scenderà in acqua per difendere l'America's Cup. Il nome scelto come sempre dall'Associazione per la cultura maori Ngāti Whātua Ōrākei

Vendée Globe: in serata Equatore per Pedote

Giancarlo sta finalmente navigando negli Alisei, dirigendosi ad alta velocità verso l'Equatore grazie ad una situazione metereologica molto particolare: una zona di convergenza intertropicale quasi inesistente

Vendée Globe: Thomson si ferma per tentare la riparazione

Guai grandi e piccoli per tutta la flotta. Anche il leader, Thomas Ruyant è dovuto salire in testa d'albero

America's Cup: primi bordi per New Zealand

Bene le prime prove in acqua, la barca vola e il Team è molto soddisfatto

Vendèe Globe: match race tra Dalin e Ruyant verso l'Indiano

Per Pedote un 13° posto nel gruppo degli inseguitori. Un controllo alla barca rivela che è assolutamente pronta per il Grande Sud (foto on board Prysmian Group)

Vendée Globe: Thomson conquista l'Equatore, ma Ruyant incalza a 7 miglia

L’aggiornamento di questa mattina ci regala un duello serrato con gli immediati inseguitori, perché Thomas Ruyant è a sole 7.8 miglia da Alex Thomson e Charlie Dalin a 36.1 miglia (alle ore 10:30)

Il Vendée Globe e i suoi piccoli amici

Alex Thomson è sempre in testa e Jean Le Cam scivola in 4a posizione. A bordo con i solitari anche tanti piccoli amici che impareremo a conoscere

Europeo Windsurf RS:X a Vilamoura (POR)

Cinque azzurri presenti, tre uomini e due donne. Mattia Camboni, Daniele Benedetti e Carlo Ciabatti nella flotta maschile.Marta Maggetti e Giorgia Speciale in quella femminile

Yahia, il ragazzo che non sapeva nuotare: fuggito su un barcone ora è uno skipper

Yahia è nato in Niger, paese desertico senza sbocchi sul mare e tra i più poveri del pianeta, dove ha perso tutti i familiari e da dove è scappato imbarcandosi in Libia su un mezzo di fortuna

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci