sabato, 15 agosto 2020


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

optimist    mini 6.50    youth america's cup    cambusa    circoli velici    rs feva    persico 69f    trasporto marittimo    fiv    porti   

DRAGONI

Il danese Out of Bounce vince la Dragon 90th Anniversary Regatta

il danese out of bounce vince la dragon 90th anniversary regatta
redazione

Al termine di una combattuta giornata finale i danesi Jens Christensen, Anders Bagger e Thomas Schmidt a bordo di DEN410 Out of Bounce si sono aggiudicati la Dragon 90th Anniversary Regatta powered by Paul&Shark, organizzato dallo Yacht Club Sanremo.

Si è dovuto attendere fino all’ultima prova, e diversi capovolgimenti di fronte, per definire il vincitore e i restanti posti sul podio dell’evento che festeggiava i novant’anni del Dragone. 

Solo dopo due regate molto combattute sul campo della flotta Gold, con un bel vento di levante di intensità intorno ai 10/12 nodi calato poi intorno ai 7/8, infatti si è potuta stilare la classifica finale, con i primi tre divisi da una manciata di punti. 

Il team vincitore è dunque DEN410 Out of Bounce dello skipper danese Jens Christensen con 36 punti, seguito dagli olandesi di NED412 Troika di Peter Heerema a 43 e dai tedeschi di GER69 Dirndlwind guidati da Christof Wieland. 

“E’ una bella classe, con velisti davvero bravi, magari invecchiando non si allenano più così tanto, ma navigano bene. E’ proprio divertente!.” Ha detto lo skipper danese non appena arrivato in banchina. “Lo Yacht Club Sanremo, tutti, il comitato di regata, i volontari, tutto ha funzionato benissimo. Mi è piaciuta molto l’atmosfera di festa, ovvio ci piace vincere, ma siamo stati bene. Ci piace proprio regatare sul Dragone.” Ha concluso il danese.

Primo degli italiani si è piazzato ITA86 Saturn di Piero Saccomani in 23ma posizione, preceduto di una sola piazza dalla prima skipper donna, l’olandese Charlotte Ten Wolde su NED435 Olinghi.

Beppe Zaoli, presidente dello Yacht Club Sanremo ha dichiarato: “Oggi con due prove abbiamo chiuso in bellezza con un levante che passava dai 12 agli 8 nodi, con regate molto tecniche e difficili. Ma alla fine i campioni sono usciti ed è stato bellissimo vederli regatare. Ho avuto tanti commenti positivi da tanti equipaggi e credo siano rimasti soddisfatti. Noi come Yacht Club abbiamo messo veramente tanto impegno per dimostrare che anche in Italia la vela può dare grandi soddisfazioni.”

Nel tardo pomeriggio nel race village antistante la sede dello Yacht Club Sanremo, si è svolta cerimonia di premiazione della Dragon 90th Anniversary Regatta powered by Paul&Shark, durante la quale oltre ai vincitori assoluti sono stati consegnati anche diversi premi speciali, come quello alle migliori barche classiche. Grande entusiasmo da parte di tutti, con un lunghissimo applauso, per il “veterano” della classe, l’irlandese Don Street che con i suoi 89 anni era il velista più anziano presente a Sanremo e che ha promesso: “Tornerò per la festa dei 100 anni!”

L’asso australiano Peter Gilmour, protagonista di diverse edizioni della Coppa America e pluri campione del mondo di match racing si è anche detto entusiasta dell’evento di Sanremo. “E’ stata una regata straordinaria, vedere così tanti Dragoni tutti insieme, soprattutto nella prova di flotta, con 150 barche sulla linea di partenza… Non mi scorderò mai del 2001 quando fu organizzato l’America’s Cup Jubilee a Cowes, e questo evento è stato altrettanto riuscito. Una bella riunione e penso che fra dieci anni la festa del centenario del Dragone sarà straordinaria.

 


11/10/2019 23:41:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Persico 69F: a Gargnano primo giorno di "Revolution"

In evidenza alla fine della prima giornata gli equipaggi di Botticini, Gallinaro, e Caldari oltre ai fuoriclasse da Hong Kong

Caos istituzionale e il porto di Venezia soffre

La Venezia Port community chiede di quali poteri possa disporre il neonominato Commissario all'Autorità di Sistema Portuale e quali confini circoscrivano la cosiddetta ordinaria gestione

Optimist, "Ora Cup Ora": conclusione con un bel vento teso da nord

Nella categoria juniores la spunta il campione britannico Santiago Sesto Cosby; la napoletana Caracciolo vince tra le femmine Tra i più piccoli netta vittoria di Mattia Benamati; rimonta della rivana Berteotti, che supera la tedesca Brinkmann

ASSARMATORI: vinta la prima battaglia per rilanciare l’economia del mare

“L’emergenza Covid, nella sua drammaticità, ha in queste ore provocato quella che va considerata una reazione positiva insperata: far comprenderealle Istituzioni nazionali l’importanza dell’economia e dell’industria del mare”

Optimist: prime prove per la "Ora Cup Ora"

Iniziata al Circolo Vela Arco la 25^ Ora Cup Ora, classe Optimist.Tra gli juniores in testa l’azzurra Ginevra Caracciolo, tra i più piccoli parità di punteggio nei primi tre

MINI 6.50: Mengucci e Caparrotti raccontano la 1a tappa della SAS 6.50

Les Sables - Les Açores en Baie de Morlaix - Intervista a Domenico Caparrotti e a Giovanni Mengucci che ci raccontano il loro impatto con la corsa

Garda: due sole prove per la Persico 69F Revolution

A comandare oggi sulla sponda bresciana del Lago di Garda è stato il vento: le condizioni meteo, infatti, hanno rallentato il programma della Persico 69F Revolution.

Mini 6.50, Les Sables d'Olonne: partita la 2a tappa verso Roscoff

Domenico Caparrotti: "Per me è come stare all'Università"

La vela si ferma per la scomparsa di Carlo Rolandi, presidente onorario FIV

Carlo Rolandi è stato la storia stessa di quasi un secolo di Vela sportiva italiana. Nove Olimpiadi, Otto anni Presidente FIV, protagonista in Italia e nel mondo

Optimist: sul Garda vento leggero per la "Ora Cup Ora"

Domenica la conclusione; al comando tra i più piccoli Mattia Benamati (nella foto) e tra gli juniores il romano Alessandro Cirenei. Gaia Zinali passa in testa tra le femmine

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci