mercoledí, 25 novembre 2020


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

cambusa    fincantieri    windsurf    vendee globe    press    aziende    ambiente    giancarlo pedote    solidarietà    manifestazioni    emirates team new zealand    j24    america's cup   

THE OCEAN RACE

Helly Hansen è Official Partner di The Ocean Race

helly hansen 232 official partner di the ocean race
redazione

Helly Hansen, l’azienda leader mondiale nel settore dell’abbigliamento tecnico per la vela, sarà partner di The Ocean Race, la più dura e famosa regata oceanica in equipaggio. Grazie a oltre 140 anni di competenza, esperienza e conoscenza nello sviluppo di capi ad alte prestazioni, la società con sede in Norvegia è punto di riferimento per i professionisti in tutto il mondo e sarà fornitore ufficiale dell’abbigliamento di The Ocean Race.

Spesso descritto come l’evento sportivo professionistico più lungo e duro del mondo, The Ocean Race ha messo alla prova i migliori atleti nei mari più difficili fin dalla sua nascita nel 1973. E’ un test continuo, i velisti sono impegnati al massimo 24 ore al giorno, alla ricerca della vittoria nella più impegnativa sfida sportiva delle loro carriere. Leader mondiale nel settore dell’abbigliamento tecnico da vela, Helly Hansen ha sviluppato una lunga collaborazione con i migliori velisti ed è stata sponsor tecnico per diversi team fin dalla prima edizione di The Ocean Race, quasi 50 anni fa.

Oltre ad essere una competizione e un’avventura, The Ocean Race è anche impegnata nella protezione degli oceani e della loro salute. Nata in Norvegia e sviluppatasi nei mari scandinavi, Helly Hansen ha una lunga tradizione, esperienza e passione per il mare e la società condivide quindi appieno l’impegno della regata per la protezione degli oceani.

“Dal 1973, The Ocean Race ha chiesto il massimo a tutti coloro che vi hanno preso parte.” Ha affermato Richard Brisius, Presidente di The Ocean Race. “Come velisti non solo amiamo promuovere la competizione ai più alti livelli, ma lavoriamo anche per promuovere e mettere in atto soluzioni per la protezione della salute degli oceani. In Helly Hansen abbiamo trovato un partner che ha il nostro stesso approccio alla prestazione e che è un leader nella sostenibilità.”

“The Ocean Race è la regata più dura e impegnativa del mondo, che attrae i migliori velisti professionisti che vanno oltre i loro limiti in condizioni straordinarie,” ha spiegato Paul Stoneham, CEO di Helly Hansen. “Helly Hansen è impegnata a lavorare in stretta collaborazione con questi atleti per sviluppare capi affidabili, in ogni tipo di condizione. Siamo onorati di collaborare con The Ocean Race, un partner che ha come valore fondante anche la sostenibilità e la protezione della salute degli oceani.”

Nel 1981, il giro del mondo diede il benvenuto al primo team tutto norvegese, che indossava capi Helly Hansen con la caratteristica fascia a strisce, usata ancor oggi nelle collezioni vela. Nei decenni successivi The Ocean Race ha continuato a guidare l’innovazione nello sport velico mentre, contemporaneamente, Helly Hansen ha continuato a garantire massime prestazioni e design, ivi inclusi i capi del team Ericsson che vinse l’edizione 2008-09.

Nelle edizioni successive le nuove barche ad alte prestazioni hanno alzato il livello anche dell’abbigliamento tecnico, richiedendo capi che potessero affrontare maggiore velocità e resistere all’usura. Helly Hansen dunque fornì cerate nel famoso tessuto HELLY TECH® impermeabile, e traspirante con maschere ripiegabili per una maggiore protezione. Nell’edizione 2014-15 il marchio norvegese vestì l’equipaggio tutto femminile di Team SCA, con design innovativi e studiati sul corpo femminile, che sono utilizzati ancor oggi nelle collezioni.

Oggi, la collezione oceanica Ægir di Helly Hansen rappresenta il frutto del lavoro fatto in stretta collaborazione con i team di The Ocean Race negli ultimi anni. Ulteriormente migliorata con il team MAPFRE nell’edizione 2017-18 race, la linea Ægir è rappresenta il vertice di cinque generazioni di miglioramenti nel design, resi possibili dal feedback dei velisti, per creare dei capi affidabili anche nelle condizioni più aspre.

The Ocean Race e il giro del mondo a vela in equipaggio, copre oltre 38.000 miglia, tocca sei continenti e visita dieci città sede di tappa. La prossima edizione della regata sarà aperta a due classi di barche, i monotipi VO65 e gli IMOCA 60, i monoscafi foiling ad alta tecnologia.

 









I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Vendée Globe: ancora non chiari i problemi di Hugo Boss; acqua a bordo (risolta) per Pedote

Hugo Boss procede lentamente e gli ingegneri sperano di poter riparare il danno in corsa. Per Pedote un'infiltrazione d'acqua dovuta ad una trappa del ballast

America's Cup: New Zealand presenta in nuovo AC75 "Te Rehutai"

Sarà lo scafo che scenderà in acqua per difendere l'America's Cup. Il nome scelto come sempre dall'Associazione per la cultura maori Ngāti Whātua Ōrākei

Vendée Globe: in serata Equatore per Pedote

Giancarlo sta finalmente navigando negli Alisei, dirigendosi ad alta velocità verso l'Equatore grazie ad una situazione metereologica molto particolare: una zona di convergenza intertropicale quasi inesistente

Vendée Globe: Thomson si ferma per tentare la riparazione

Guai grandi e piccoli per tutta la flotta. Anche il leader, Thomas Ruyant è dovuto salire in testa d'albero

America's Cup: primi bordi per New Zealand

Bene le prime prove in acqua, la barca vola e il Team è molto soddisfatto

Vendèe Globe: match race tra Dalin e Ruyant verso l'Indiano

Per Pedote un 13° posto nel gruppo degli inseguitori. Un controllo alla barca rivela che è assolutamente pronta per il Grande Sud (foto on board Prysmian Group)

Vendée Globe: Thomson conquista l'Equatore, ma Ruyant incalza a 7 miglia

L’aggiornamento di questa mattina ci regala un duello serrato con gli immediati inseguitori, perché Thomas Ruyant è a sole 7.8 miglia da Alex Thomson e Charlie Dalin a 36.1 miglia (alle ore 10:30)

Il Vendée Globe e i suoi piccoli amici

Alex Thomson è sempre in testa e Jean Le Cam scivola in 4a posizione. A bordo con i solitari anche tanti piccoli amici che impareremo a conoscere

Europeo Windsurf RS:X a Vilamoura (POR)

Cinque azzurri presenti, tre uomini e due donne. Mattia Camboni, Daniele Benedetti e Carlo Ciabatti nella flotta maschile.Marta Maggetti e Giorgia Speciale in quella femminile

Yahia, il ragazzo che non sapeva nuotare: fuggito su un barcone ora è uno skipper

Yahia è nato in Niger, paese desertico senza sbocchi sul mare e tra i più poveri del pianeta, dove ha perso tutti i familiari e da dove è scappato imbarcandosi in Libia su un mezzo di fortuna

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci