martedí, 24 novembre 2020


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

vendee globe    fincantieri    windsurf    ambiente    giancarlo pedote    solidarietà    manifestazioni    emirates team new zealand    j24    america's cup   

29ER

Al via a Riva del Garda la 29er Eurocup

al via riva del garda la 29er eurocup
Roberto Imbastaro

Un fine ottobre a Riva del Garda come di consueto all’insegna dei giovani (15-20 anni) della classe 29er per la tappa finale dell’Eurocup, circuito che quest’anno ha avuto diverse cancellazioni, compresa la tappa di Hyeres (Francia) della settimana scorsa. Anche per la regata organizzata sul Garda Trentino da sabato e martedì prossimo, le rinunce di alcuni Team/Nazioni in questi ultimi giorni non sono mancate, come d’altra parte è comprensibile considerato il difficile momento per gli spostamenti in Continente, ma gli organizzatori della Fraglia Vela Riva hanno comunque mantenuto fede al calendario: con le dovute precauzioni e grazie ai protocolli, che la Federazione Italiana Vela ha indicato, il programma prevede regate da sabato 24 a martedì 27 ottobre, con 14 regate quale numero massimo possibile (max 4 al giorno). 

Austria, Repubblica Ceka, Spagna, Francia, Germania, Ungheria, Malta, Polonia, Slovenia, Svizzera, Svezia e naturalmente Italia le nazioni rappresentate con una sessantina di equipaggi, almeno la metà del solito, ma pur sempre un buon numero. Per gli atleti presenti è una preziosa occasione di confronto internazionale considerati i pochi eventi organizzati quest’anno in tutto il mondo, e ancora una volta il Garda Tentino, e la Fraglia Vela Riva in particolare, si sono organizzati affinchè tutto si possa svolgere rispettando le normative. “Gli sforzi che tutti i collaboratori della Fraglia Vela Riva stanno facendo affinchè si riescano a disputare regolarmente le ultime regate della stagione, in programma fino a dicembre, dimostrano l’impegno del circolo per offrire agli appassionati e ai regatanti anche professionisti l’opportunità di regatare in un ambiente sicuro in una disciplina, qual è la vela, che di per sè è a bassissimo rischio contagio come dimostrato dagli studi presentati al CONI e al Ministero Sport e Salute dal Politecnico di Torino” - il commento del Presidente Vivaldelli alla vigilia dell’inizio della manifestazione - Certamente ci deve essere la collaborazione di tutti per rispettare le normative. Da parte nostra provvederemo a ridurre qualsiasi occasione di assembramento proponendo skipper’s meeting e lotteria on line”.

Il meteo un po’ incerto nei prossimi giorni sembra possa offrire solo domenica una discreta giornata di sole; per il resto quello che conta è il vento e si confida nelle preziose risorse che l’Alto Garda riesce ad offrire anche la mattina con il vento da nord.


23/10/2020 17:57:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Vendée Globe: ancora non chiari i problemi di Hugo Boss; acqua a bordo (risolta) per Pedote

Hugo Boss procede lentamente e gli ingegneri sperano di poter riparare il danno in corsa. Per Pedote un'infiltrazione d'acqua dovuta ad una trappa del ballast

America's Cup: New Zealand presenta in nuovo AC75 "Te Rehutai"

Sarà lo scafo che scenderà in acqua per difendere l'America's Cup. Il nome scelto come sempre dall'Associazione per la cultura maori Ngāti Whātua Ōrākei

Vendée Globe: in serata Equatore per Pedote

Giancarlo sta finalmente navigando negli Alisei, dirigendosi ad alta velocità verso l'Equatore grazie ad una situazione metereologica molto particolare: una zona di convergenza intertropicale quasi inesistente

Ripartito! Per Jérémie Beyou un nuovo Vendée Globe tutto da scoprire

Alex Thomson è entrato nel Pot au Noir seguito da Thomas Ruyant che sta recuperando. Riparte Jérémie Beyou mentre Nico Troussel si avvia mestamente verso Capo Verde

Vendée Globe: Thomson si ferma per tentare la riparazione

Guai grandi e piccoli per tutta la flotta. Anche il leader, Thomas Ruyant è dovuto salire in testa d'albero

Vendée Globe: Thomas Ruyant al 2° posto davanti a Jean Le Cam

Alex Thomson continua a guidare la corsa e questa mattina dovrebbe entrare nella zona del Pot au Noir con poco vento, temporali e grossa variabilità

America's Cup: primi bordi per New Zealand

Bene le prime prove in acqua, la barca vola e il Team è molto soddisfatto

Vendée Globe: Thomson conquista l'Equatore, ma Ruyant incalza a 7 miglia

L’aggiornamento di questa mattina ci regala un duello serrato con gli immediati inseguitori, perché Thomas Ruyant è a sole 7.8 miglia da Alex Thomson e Charlie Dalin a 36.1 miglia (alle ore 10:30)

Il Vendée Globe e i suoi piccoli amici

Alex Thomson è sempre in testa e Jean Le Cam scivola in 4a posizione. A bordo con i solitari anche tanti piccoli amici che impareremo a conoscere

Vendèe Globe: match race tra Dalin e Ruyant verso l'Indiano

Per Pedote un 13° posto nel gruppo degli inseguitori. Un controllo alla barca rivela che è assolutamente pronta per il Grande Sud (foto on board Prysmian Group)

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci