giovedí, 22 febbraio 2024


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

manifestazioni    rorc caribbean 600    star    arkea ultim challenge    cambusa    fiv    press    ambiente    altura    ilca    campionati invernali    global solo challenge   

52 SUPER SERIES

52 Super Series: a Scarlino una "prima" tutta a Stelle e Strisce

52 super series scarlino una quot prima quot tutta stelle strisce
Roberto Imbastaro

Un campo di regata dalle condizioni estive con una brezza di mare sui 9 nodi, niente onda e vento proveniente da ponente, hanno battezzato la tappa di Scarlino del circuito 52SUPERSERIES. Nella prima regata dominio degli americani di SLED, mentre nella seconda prova l’altro team americano QUANTUM powered by American Magic. La classifica dopo le prime due regate vede a pari punti il duo a stelle e strisce.

-----------

Nonostante un cielo nuvoloso che rischiava di offrire ai team oscillazioni di vento, le regate sono state estremamente regolari offrendo interessanti spunti sia sulla capacità dei tattici di scegliere le parti migliori del campo dove bordeggiare, sia sulla messa a punto dell’imbarcazione e dell’equipaggio. La 52 SUPER SERIES Scarlino Sailing Week inizia con il massimo dell’adrenalina nelle prime regate disputate.

La prima regata ha visto bagarre in partenza seguita da un parziale dominio nella prima bolina dell’imbarcazione inglese Alegre che ha insistito sul mantenimento della parte sinistra del campo di regata. Ma alla lunga la scelta non ha pagato e in boa passava il team thailandese Vayu che però ha sofferto il bel passo dei francesi di Paprec che ha compiuto in soli 27 minuti il primo lato del percorso, portando a casa la leadership nella prima parte della poppa. Ma la messa a punto dell’imbarcazione americana Sled, unita ad un ottimo passo e perfette scelte tattiche ha portato gli americani a consolidare il primo posto che anche nella seconda poppa non ha mollato di un decimo di miglio agli avversari, fino all’arrivo. L’afterguard americano sicuramente si è giovato della conoscenza del campo dei campioni di casa Ivaldi e Visintini.

Ottimo passo anche per Paprec che ha seguito gli americani senza farsi superare da nessuno nemmeno dai sudafricani di Phoenix che hanno goduto della classe di Santi Lange al timone unita, alla perizia di Cameron Dunn.  Stupore nella conduzione per il team Vayu che ha soffiato sul finale il terzo posto ai sudafricani.

Anche nella seconda regata le condizioni meteo del campo sono rimaste sostanzialmente invariate con i sudafricani di Phoenix che tengono la leadership nella prima bolina presidiando la parte centrale del campo dagli attacchi degli americani di Sled e Quantum. Indubbiamente boline veloci con passaggi oltre i 9 nodi di velocità hanno permesso alla boa a Quantum di superare Sled e mantenere la seconda posizione. Provezza mostra un grande recupero assicurandosi il quarto posto il boa. Nonostante la chiamata di un cambio di percorso prima della poppa, Phoenix mantiene il comando mentre nelle posizioni a seguire gli americani si contendono il secondo posto, con una separazione tra i due nella scelta del lato migliore dove bordeggiare. Ma sul finale Quantum soffia il passaggio alla boa successiva a Phoenix seguito dai leader della classifica generale, i turchi di Provezza. Nella poppa però Provezza riconquista la seconda piazza che mantiene fino alla fine della regata, seguiti da Phoenix. Ottimo quarto posto per i tedeschi di Platoon guidati alla tattica da Vasco Vascotto.

Michele Ivaldi stratega Sled

Sled è in un’ottima forma, grazie agli allenamenti che ci hanno permesso di concentrarci su alcuni dettagli: andiamo forte di bolina, di poppa, e abbiamo migliorato le partenze; inoltre siamo molto competitivi e per il podio finale ci siamo pure noi. Scarlino è per me casa visto che ho regatato spesso qui, ma  a volte non paga conoscere troppo bene il campo di regata, perché si possono fare scelte per eccesso di confidenza, però mi sento a mio agio, ho un buon feeling e vediamo nei prossimi giorni. A questo si aggiunge che avere a borod Andrea Visentini è un lusso, perché avere due navigatori in barca, aiuta a parlare lo stesso linguaggio e quindi nelle scelte ci capiamo al volo. Io sono un fan del doppio navigatore in barca in quanto ruolo fondamentale.

Victor Diaz de Leon, navigatore Quantum

Sicuramente l’assenza di un veterano come John Kostecki si sente molto, ma abbiamo lavorato duramente per sentirne poco la mancanza. Spero che recuperi in fretta per riaverlo a bordo presto. Detto questo oggi il team ha girato bene, abbiamo fatto un ottimo lavoro, tutto ha funzionato nel migliore dei modi e la settimana di regata sono convinto ci darà soddisfazioni. Sono molto felice per come sia andata la regata, abbiamo fatto scelte pulite sul campo di regata e questo ha pagato molto. Dopo Saint Tropez abbiamo lavorato molto sulle partenze e questo ci sta tornando utile. (ph. MAX RANCHI)

 

52 SUPER SERIES Scarlino Sailing Week – Classifica provvisoria
1- QUANTUM RACING POWERED BY AMERICAN MAGIC (USA), Doug DeVos, 5+1 = 6
2- SLED (USA), Takashi Okura, 1+5 = 6
3- PHOENIX (RSA), Hasso and Tina Plattner, 4+3 = 7
4- PROVEZZA (TUR), Ergin Imre, 6+2 = 8 
5- VÂYU (THA), Whitcraft Family, 3+6 = 9
6- PLATOON (GER), Harm Müller Spreer, 7+4 = 11
7- PAPREC (FRA), Jean Luc Petithuguenin, 2+10 = 12  
8- INTERLODGE (USA), Austin and Gwen Fragomen, 8+8 = 16
9- ALEGRE (GBR), Andy Soriano, 10+7 = 17 
10- GLADIATOR (GBR), Tony Langley, 9+9 = 18
11- ALPHA+ (HKG), Shawn and Tina Kang, 11+11 = 22



30/05/2023 19:59:00 © riproduzione riservata






I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Cambusa: l’hamburger gourmet ha un nuovo Re, Daniele Barra del pub Excalibur di Revello

È giunta alla 6a edizione la sfida di Burger Battle Italia, un contest che da mesi vedeva coinvolti i migliori chef specializzati in hamburger gourmet per contendersi un posto alla finalissima, svoltasi ieri 19 Febbraio al Beer&Food Attraction di Rimini

Arkea Ultim Challenge: Banque Populaire arrivata a Rio con due timoni rotti

Armel Le Cléach ha raccontato dell'impatto con un tronco per il timone di destra del suo Ultim, e poi di un cedimento del timone centrale, cosa che ha reso impossibile continuare a navigare

Arkea Ultim Challenge: danni al timone di Banque Populaire

Secondo il team "sono in corso diverse opzioni per diagnosticare i danni e valutare come affrontare il resto della gara". Le Cléac'h sta dirigendosi verso un porto brasiliano

Arkea Ultim Challenge: Armel Le Cléac'h riparte da Rio

Dopo poco più di 48 ore di sosta Armel Le Cléac'h e Banque Populaire XI sono tornati in pista. Hanno lasciato Rio poco dopo le 16:30 UTC e ha ripreso la gara in 3a posizione. Gli skipper parlano del grande rumore a bordo (come in una discoteca)

Arkea Ultim Challenge: due forti perturbazioni preoccupano Charles Caudrelier

Charles Caudrelier (Edmond de Rothschild): "Non sacrificherò il lavoro del team solo per impazienza. Stiamo parlando di 8 metri, 8,50 metri di mare con un vento previsto da 35-40 nodi, il che significa piuttosto 45-50 nodi e 70 in raffiche"

Trieste incontra Sir Robin Knox-Johnston

Sir Robin Knox-Johnston, uno dei velisti oceanici più amati e conosciuti al mondo, arriva a Trieste con i suoi incredibili racconti di mare

La FIV indica quattro equipaggi per Parigi 2024

Sono Lorenzo Brando Chiavarini (ILCA 7), Marta Maggetti (iQFOIL F), Nicolò Renna (iQFOIL M), CAterina Banti e Ruggero Tita (Nacra 17). Le scelte FIV verranno ora sottoposte al Comitato Olimpico Nazionale Italiano per l’approvazione finale

Lavagna: tutti i vincitori del 48° Invernale del Tigullio

Diciassette prove, tre mesi e sei week end di confronti in acqua, trentadue imbarcazioni iscritte per il 48° Campionato Invernale Golfo del Tigullio

2024 ILCA senior European Championships: primo giorno di prove solo per ILCA 6

Primo giorno di prove per gli ILCA senior European Championships 2024 di Atene in Grecia. Il vento non è stato clemente e ha costretto ad annullare due prove per gli ILCA 7 mentre le ragazze sugli ILCA 6 sono riuscite a disputare almeno una prova

S&You e Wanderfun vincono l’Autunno Inverno Salodiano 2023-2024

Concluso il Campionato invernale Protagonist della Canottieri Garda, per la prima volta in gara anche la classe Fun

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci