martedí, 24 novembre 2020


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

vendee globe    fincantieri    windsurf    ambiente    giancarlo pedote    solidarietà    manifestazioni    emirates team new zealand    j24    america's cup   

RIVA

Riva 90’: svelato il design esterno

riva 90 8217 svelato il design esterno
redazione


Ogni nuovo Riva è un capitolo emozionante di una storia nautica che appassiona milioni di fan sparsi nei cinque continenti. Naturale quindi la curiosità per ogni notizia che riguarda i progetti in corso. 
Il Boot di Düsseldorf appena concluso è stato l’occasione per mostrare alcuni rendering sul design esterno del Riva 90’ che hanno entusiasmato armatori e appassionati.
Nato dalla collaborazione tra Officina Italiana Design, lo studio fondato dal designer Mauro Micheli insieme a Sergio Beretta, Comitato Strategico di Prodotto e Dipartimento Engineering Ferretti Group, Riva 90’ riunisce e incrementa i punti di forza dei due predecessori.
Il design esterno è caratterizzato da un profilo estremamente filante, propone una grande finestratura a scafo con oblò integrati.
In coperta una lunga vetrata a tutt’altezza si estende lungo l’intero salone ed è formata da cristalli intelaiati in una struttura in carbonio che inondano di luce naturale l’imbarcazione. 
Una seconda grande finestratura, in corrispondenza della suite armatoriale wide body, completa fino a estrema prua il design esterno. In corrispondenza della plancia di comando rialzata, risaltano ampi parabrezza frontali e vetrate laterali. A poppa, tornano le potenze laterali in vetroresina con inserto in cristallo, che esaltano ulteriormente l’aerodinamicità del profilo.
Riva 90’ installa inoltre la scaletta a scomparsa proposta con successo sul nuovo 56’ Rivale e brevetto Ferretti Group. 
Il garage può alloggiare un tender Williams 395 e una moto d’acqua, che possono essere varati indipendentemente.
Il 90 piedi prevede tre opzioni di motorizzazione: la propulsione standard è una coppia di MTU 12V 2000 M96L dalla potenza di 1948 mhp ciascuno che permette di raggiungere i 22 nodi di velocità di crociera e i 26 nodi di velocità massima. In alternativa, si possono scegliere due MTU 16V 2000 M84 dalla potenza di 2218 mhp con cui il flybridge tocca i 24 nodi di velocità di crociera e i 28 di andatura massima. Una terza motorizzazione, installata sulla prima unità, prevede una coppia di MTU 16V 2000 M93 dalla potenza di 2435 mhp ciascuno, che permetterà di raggiungere i 26 nodi ad andatura di crociera e i 30 nodi di velocità massima (dati preliminari). 
Riva 90’ sarà equipaggiato standard con pinne stabilizzatrici underway e zero speed, e, su richiesta, anche con stabilizzatori Seakeeper.
Il nuovo 90 piedi si unisce alla nuova generazione flybridge di Riva, entrando in gamma a fianco di 100’ Corsaro, yacht che ha conosciuto un incredibile successo nel corso del 2017, e di 110’ Dolcevita, pronto al varo nei prossimi mesi.


23/01/2018 10:28:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Vendée Globe: ancora non chiari i problemi di Hugo Boss; acqua a bordo (risolta) per Pedote

Hugo Boss procede lentamente e gli ingegneri sperano di poter riparare il danno in corsa. Per Pedote un'infiltrazione d'acqua dovuta ad una trappa del ballast

America's Cup: New Zealand presenta in nuovo AC75 "Te Rehutai"

Sarà lo scafo che scenderà in acqua per difendere l'America's Cup. Il nome scelto come sempre dall'Associazione per la cultura maori Ngāti Whātua Ōrākei

Vendée Globe: in serata Equatore per Pedote

Giancarlo sta finalmente navigando negli Alisei, dirigendosi ad alta velocità verso l'Equatore grazie ad una situazione metereologica molto particolare: una zona di convergenza intertropicale quasi inesistente

Ripartito! Per Jérémie Beyou un nuovo Vendée Globe tutto da scoprire

Alex Thomson è entrato nel Pot au Noir seguito da Thomas Ruyant che sta recuperando. Riparte Jérémie Beyou mentre Nico Troussel si avvia mestamente verso Capo Verde

Vendée Globe: Thomson si ferma per tentare la riparazione

Guai grandi e piccoli per tutta la flotta. Anche il leader, Thomas Ruyant è dovuto salire in testa d'albero

Vendée Globe: Thomas Ruyant al 2° posto davanti a Jean Le Cam

Alex Thomson continua a guidare la corsa e questa mattina dovrebbe entrare nella zona del Pot au Noir con poco vento, temporali e grossa variabilità

America's Cup: primi bordi per New Zealand

Bene le prime prove in acqua, la barca vola e il Team è molto soddisfatto

Vendée Globe: Thomson conquista l'Equatore, ma Ruyant incalza a 7 miglia

L’aggiornamento di questa mattina ci regala un duello serrato con gli immediati inseguitori, perché Thomas Ruyant è a sole 7.8 miglia da Alex Thomson e Charlie Dalin a 36.1 miglia (alle ore 10:30)

Il Vendée Globe e i suoi piccoli amici

Alex Thomson è sempre in testa e Jean Le Cam scivola in 4a posizione. A bordo con i solitari anche tanti piccoli amici che impareremo a conoscere

Vendèe Globe: match race tra Dalin e Ruyant verso l'Indiano

Per Pedote un 13° posto nel gruppo degli inseguitori. Un controllo alla barca rivela che è assolutamente pronta per il Grande Sud (foto on board Prysmian Group)

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci