mercoledí, 25 novembre 2020


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

cambusa    fincantieri    windsurf    vendee globe    press    aziende    ambiente    giancarlo pedote    solidarietà    manifestazioni    emirates team new zealand    j24    america's cup   

VENDÉE ARTIQUE

Jérémie Beyou vince la Vendée-Arctique

233 233 mie beyou vince la vend 233 arctique
Roberto Imbastaro

Dopo una delle battaglie più emozionanti della storia della classe IMOCA, Jérémie Beyou al timone di Charal ha tagliato ieri sera il traguardo di una combattutissima Vendée-Arctique-Les Sables d'Olonne.

 

Beyou ha raggiunto il traguardo dopo un drammatico finale di 550 miglia dal Gallimard Waypoint, che lo ha visto sorpassare Charlie Dalin su Apivia, che era primo al waypoint, per prendere quello che sembrava un solido vantaggio. 

Tuttavia questa incredibile regata ha avuto un ultimo colpo di scena quando Thomas Ruyant su LinkedOut ha preso d'assalto da dietro Dalin per superare sia lui che Beyou.

Ma sottovento e spinto da una brezza da nord, Beyou è riuscito a spingere e a riprendere il comando mentre si avvicinava alla costa francese.

 

Al traguardo era ben lontano da Dalin, che ha concluso al secondo posto 50 minuti dopo Beyou, mentre Ruyant ha dovuto accontentarsi del terzo posto, altri 20 minuti dopo.

Era giusto che alla fine di questo "warm-up" per il Vendée Globe 2020, Beyou tagliasse questo stesso traguardo che sarà utilizzato poi per il giro del mondo classico nel 2021. Dopo averlo fatto, si è messo in piedi sul ponte di prua di Charal con le mani in alto per festeggiare.

Ha completato il percorso abbreviato in 10 giorni, 5 ore e 14 minuti, arrivando alle 20.44 ora locale. Ha percorso una distanza totale di 3.284,3 miglia nautiche a una velocità media di 13,4 nodi. Il suo premio non è solo una grande iniezione di fiducia per il Vendée Globe, ma anche, cosa che non guasta mai, un orologio speciale del cronometrista ufficiale della regata, Ulysse Nardin.

 

Vincendo questa gara di flotta super competitiva, Beyou ha certamente segnato un punto al suo attivo per il Vendée Globe, sottolineando che la combinazione della sua notevole esperienza e l'assetto ottimizzato del foiling su Charal sarà una forza potente sul percorso del giro del mondo.


La gara

Beyou non è mai stato fuori dalla top-five durante i 10 giorni in mare. Era nel gruppo di testa durante la dura fase di bolina all'inizio della gara, ma poi ha preso il comando lui stesso quando ha attraversato una grande depressione al largo della costa occidentale dell'Irlanda.

Ha poi perso contro Dalin in arie leggere in direzione nord verso l'Islanda, prima di riprendere il comando sulla via verso sud, quando quattro o cinque skipper si sono scambiati il posto in testa alla classifica. Beyou è rimasto in lizza, seguendo Dalin o Ruyant in diversi momenti, ed è stato poi pronto a balzare davanti nell’ultima parte verso il traguardo.

 

A quel punto la Vendée-Arctique si è sentita come una gara di Figaro e Beyou - che ha vinto il Figaro tre volte - era nel suo elemento.

 









I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Vendée Globe: ancora non chiari i problemi di Hugo Boss; acqua a bordo (risolta) per Pedote

Hugo Boss procede lentamente e gli ingegneri sperano di poter riparare il danno in corsa. Per Pedote un'infiltrazione d'acqua dovuta ad una trappa del ballast

America's Cup: New Zealand presenta in nuovo AC75 "Te Rehutai"

Sarà lo scafo che scenderà in acqua per difendere l'America's Cup. Il nome scelto come sempre dall'Associazione per la cultura maori Ngāti Whātua Ōrākei

Vendée Globe: in serata Equatore per Pedote

Giancarlo sta finalmente navigando negli Alisei, dirigendosi ad alta velocità verso l'Equatore grazie ad una situazione metereologica molto particolare: una zona di convergenza intertropicale quasi inesistente

Vendée Globe: Thomson si ferma per tentare la riparazione

Guai grandi e piccoli per tutta la flotta. Anche il leader, Thomas Ruyant è dovuto salire in testa d'albero

America's Cup: primi bordi per New Zealand

Bene le prime prove in acqua, la barca vola e il Team è molto soddisfatto

Vendèe Globe: match race tra Dalin e Ruyant verso l'Indiano

Per Pedote un 13° posto nel gruppo degli inseguitori. Un controllo alla barca rivela che è assolutamente pronta per il Grande Sud (foto on board Prysmian Group)

Vendée Globe: Thomson conquista l'Equatore, ma Ruyant incalza a 7 miglia

L’aggiornamento di questa mattina ci regala un duello serrato con gli immediati inseguitori, perché Thomas Ruyant è a sole 7.8 miglia da Alex Thomson e Charlie Dalin a 36.1 miglia (alle ore 10:30)

Il Vendée Globe e i suoi piccoli amici

Alex Thomson è sempre in testa e Jean Le Cam scivola in 4a posizione. A bordo con i solitari anche tanti piccoli amici che impareremo a conoscere

Europeo Windsurf RS:X a Vilamoura (POR)

Cinque azzurri presenti, tre uomini e due donne. Mattia Camboni, Daniele Benedetti e Carlo Ciabatti nella flotta maschile.Marta Maggetti e Giorgia Speciale in quella femminile

Yahia, il ragazzo che non sapeva nuotare: fuggito su un barcone ora è uno skipper

Yahia è nato in Niger, paese desertico senza sbocchi sul mare e tra i più poveri del pianeta, dove ha perso tutti i familiari e da dove è scappato imbarcandosi in Libia su un mezzo di fortuna

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci