mercoledí, 27 gennaio 2021


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

cultura    press    the ocean race europe    vendée globe    giancarlo pedote    cambusa    vendee globe    laser    america's cup    trofeo jules verne    porti    trasporto marittimo    fiv    guardia costiera    ambiente   

PRESS

Il ritorno di Cantieri Navali Leopard

il ritorno di cantieri navali leopard
redazione

Un grande ritorno quello dello storico brand toscano, che sarà guidato da un team di imprenditori italiani da sempre attivi nel settore e che presenta al mercato il suo nuovo ambizioso progetto. L’obiettivo è coniugare l’eredità di un marchio storico, già leader nel panorama nautico, con la visione e l‘entusiasmo della nuova proprietà.

 
I rinati Cantieri Navali Leopard baseranno la loro nuova identità sul notevole bagaglio di conoscenze tecniche e commerciali nel mondo dei superyacht, lo spirito imprenditoriale dei professionisti alla testa del progetto e la posizione strategica dello storico cantiere, a Pisa. 
 
Cantieri Navali Leopard, nella sua sede produttiva di 5000 mq coperti e 7.500 mq di piazzali dotati di travel lift e darsena privata, costruiranno e commercializzeranno imbarcazioni e navi da diporto fino a 55 metri.

-----------------------------------------------------------------------

Cantieri Navali Leopard torna sul mercato grazie alla volontà di un gruppo di imprenditori con una lunga esperienza nello yachting, che hanno deciso di ridare vita a un grande nome della nautica internazionale insieme a un team di imprenditori competenti e ambiziosi. 
 
Un importante punto di forza di questo nuovo progetto è, infatti, il coinvolgimento di professionisti e imprenditori italiani del settore legati da una profonda stima lavorativa e personale e accomunati dalla consapevolezza di dover rilanciare sul mercato un marchio di grande valore e dal passato glorioso, con un bagaglio di competenze tecniche e di know how in ambito di costruzione, engineering e design navale.

Il cantiere toscano si ispira – rinnovandolo – a quello che fu lo storico cantiere Picchiotti e Figli, fondato nel 1907 e successivamente ribattezzato, nel 1935, con il marchio Cantiere Navale Arno. Distrutto durante la Seconda Guerra Mondiale, fu completamente ricostruito dalla famiglia Picchiotti nel dopoguerra e utilizzato per costruire 3 dragamine su commissione degli americani, fino a che, all’inizio degli anni Settanta, si diede il via alla produzione di imbarcazioni da diporto. In questo cantiere, nel 1973 fu varato il primo Leopard al quale ne seguirono molti altri, che andarono a formare la numerosa flotta di imbarcazioni fino a 46 metri che naviga ancora oggi in tutti i mari del mondo. 
 
Michele Parini, Presidente del CdA, ci introduce così questo ambizioso progetto: “Cantieri Navali Leopard nascono dall’idea della molteplicità di azione, per una nautica che deve essere a 360 gradi. Come cantiere, se realizzo un’imbarcazione devo anche possedere i mezzi, le strutture e l’efficienza operativa per poterla seguire nel corso di tutto il suo ciclo di vita. La sede produttiva polivalente di Cantieri Navali Leopard, che fa anche rimessaggio e refit oltre all’ordinaria assistenza, mi permette di garantire al cliente una soddisfazione globale. 
Al giorno d’oggi, inoltre, un cantiere non ha necessità di focalizzarsi solamente su un unico progetto, ma può ampliare il suo raggio di azione su differenti fronti. Per questo i Cantieri Navali Leopard si sviluppano da una parte con l’esigenza di valorizzare un brand storico, riprendendo quello che è sempre stato “marchio di fabbrica” delle navi da diporto di Leopard, dall’altra di proporre al mercato una linea nuova che utilizzi parametri concettuali e costruttivi innovativi”.
 
La struttura produttiva di Cantieri Navali Leopard sorge a Pisa, lungo il canale dei Navicelli, la sede originale dei Cantieri Arno e quella in cui nacque Leopard, conta di 5000 mq coperti e 7.500 mq di piazzali dotati di travel lift e darsena privata. Al suo interno, a oggi, sono già operative 15 persone al cui lavoro si aggiunge quello di maestranze specializzate legate a ditte esterne facenti parti della filiera produttiva dell’area pisana, rinomata in tutto il mondo per qualità e know-how.
 
La Società Cantieri Navali Leopard svilupperà due proprie linee di imbarcazioni:
 
La linea Navi da Diporto, che comprenderà due serie distinte, entrambe brandizzate Leopard: la serie HISTORY, imbarcazioni di alluminio da 28 a 38 metri, disegnate da Paolo Giordano che saranno una vera e propria evoluzione di quelle che sono state le barche Leopard, all’interno delle quali ritroveremo lo stesso family feeling delle imbarcazioni veloci e performanti dello storico marchio. La serie CLASSIC, navi dislocanti o semi plananti totalmente CUSTOM di 45 e 55 metri pensate per quegli armatori che ricercano l’unicità e una qualità superiore di prodotto e che nasceranno dalla matita di un architetto di fama internazionale ancora top secret.
 
La linea EVOLUTION by Leopard, comprende imbarcazioni in vetroresina da 16 a 24 metri, che prevedono soluzioni originali e tecnologie innovative non ancora adottate fino ad oggi nella nautica. 
Il primo modello della serie Evolution, il 6.0 – che farà il suo debutto mondiale il prossimo autunno – nasce e da un concept originale e grintoso: si tratta di un’imbarcazione di 20 metri fuoritutto per 5 metri di larghezza e 6,5 m in altezza a sarà motorizzata con potenti fuoribordo. “Sicuramente è una novità a livello mondiale – afferma Michele Parini. Se pensiamo a una imbarcazione così imponente, di quasi 30 tonnellate, spinta da motori fuoribordo possiamo subito comprendere l’entità innovativa del progetto, unico al mondo. Questo modello sarà poi l’apripista di un modello più grande, di 75/80 piedi”. 
 
Accanto alla versione fuoribordo di propulsione, lo scafo avrà poi la possibilità di avere altre due tipologie di motorizzazione: IPS e linea d’asse. Tutte le soluzioni non andranno a modificare il layout della zona dedicata agli ospiti che rimarrà invariata, con tre cabine molto spaziose con altezze a cielino di 2,15 metri, un grande salone e aree esterne estremamente godibili a partire dal flybridge, “una vera e propria piazza d’armi”, conclude Parini. 
 
Oltre alla produzione delle linee firmate Leopard, il Cantiere realizza e realizzerà anche imbarcazioni per il corpo dei Vigili del Fuoco ed altre unità destinate alle lavorazioni portuali.
 
Nelle aree del cantiere Leopard non mancherà l’attività di refitting. Si opereranno infatti anche interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria su yacht e superyacht con l’obiettivo di rispettare i tempi richiesti, mantenendo i più alti standard di qualità.
 
Cantieri Navali Leopard fa il suo rientro nella nautica per rilanciare lo storico brand e presentare una nuova gamma di imbarcazioni che riconquisteranno gli appassionati del marchio e non solo, così da dare continuità al Dna del cantiere, ma anche aprire a nuove possibilità e opportunità di mercato, grazie a un’ innovativa offerta ampia e variegata.

 









I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

America's Cup: Ineos vince ma Luna Rossa ci ha provato

E’ stata una regata davvero spettacolare: la leadership è cambiata ben nove volte: un match race a 40 nodi con incroci ravvicinati, ingaggi, proteste. Tutto quello che si chiede a barche ed equipaggi dell’America’s Cup

Vendée Globe: la roulette russa dell'Aliseo

Con l'evoluzione dell'anticiclone, sembra sempre più evidente che non sarà così facile e veloce per i leader collegarsi al treno a bassa pressione proveniente da ovest, con l'obiettivo di raggiungere alle Azzorre il SW favorevole

America's Cup: nuovo programma per le eliminatorie della Prada Cup

Qualora INEOS TEAM UK dovesse vincere la regata di sabato, la prova di domenica sarà ridondante in quanto sarà già il primo classificato dei gironi eliminatori e accederà direttamente alla finale della PRADA Cup

America's Cup: in acqua con il terrore di una nuova scuffia

Nel caso una barca si ribalti durante una regata gli Umpires potranno fermare la prova subito dopo e il punto verrà assegnato all’avversario, senza aspettare che la barca riceva aiuti esterni

L'Europeo Laser Masters 2021 entra nel calendario del Circolo Vela Gargnano

In gara ci saranno gli Over 35 di tutto il Vecchio continente con un bel gruppo di ex velisti olimpici, con ancora tanta voglia di gareggiare con questo singolo, nella versione Radial anche categoria Femminile

Vendée Globe: un vincitore c'è già ed è Jean le Cam

Jean Le Cam e Damien Seguin sono i primi tra i no-foil ed entrambi autori di una corsa eccezionele - Video dei piccoli fan di Jean le Cam

Trofeo Jules Verne: timone rotto per Gitana 17 che fa rotta verso Cape Town

Non possiamo riparare un danno del genere in mare e non possiamo più usare il nostro timone. Lo abbiamo sollevato e ora stiamo navigando a babordo senza timone. Siamo al sicuro, ma non siamo in grado di andare veloce

Volando sull'acqua da Ventimiglia a Montecarlo

Varato Monaco One, il catamarano di Monaco Ports per lo shuttle service con Cala del Forte – Ventimiglia.

Vendée Globe: una poltrona per tre

Mancano solo cinque giorni, o meno di 2000 miglia, al termine della nona edizione del Vendée Globe e per i primi skipper il finale è ancora aperto

Come vincere il Vendée Globe nelle ultime 100 miglia

Secondo i calcoli al computer e le previsioni meteo, i primi skipper dovrebbero tagliare la linea mercoledì 27, in un arco temporale di poche ore. Allungata la linea di arrivo.... non si sa mai arrivassero insieme!

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci