mercoledí, 25 novembre 2020


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

cambusa    fincantieri    windsurf    vendee globe    press    aziende    ambiente    giancarlo pedote    solidarietà    manifestazioni    emirates team new zealand    j24    america's cup   

REGATE

E’ di Be Wild il 50esimo “Trofeo Dignani”

Si è conclusa questa sera a Civitanova Marche, la 50esima edizione del Campionato del Medio Adriatico- Trofeo “Enrico e Luca Dignani” (valida anche come prova del Palo d’Oro 2020). Quella iniziata ieri mattina è una storica regata del club rosso-blu a cui hanno partecipato 15 tra i migliori scafi dell’Adriatico, suddivisi nei Gruppo A - B – Minialtura. In particolare nel Gruppo A, da segnalare la presenza del favorito, il plurititolato Be Wild, armato dal civitanovese Renzo Grottesi, oltre al campioni del mondo ORC Corinthian 2018, MP 30 + 10 di Luca Pierdomenico (portacolori del Club Vela Portocivitanova) e Adrenalina del sambenedettese Bruno Bucciarelli, con la presenza a bordo del campione pugliese Roberto Ferrarese.

Completato l'intero programma, previsto di 5 prove, tutte su percorso a bastone. Il Trofeo Dignani per la vittoria overall è andato al favorito Club Swan 42 Be Wild con a bordo, oltre all'armatore, il timoniere Luigi Masturzo, Sandro Iesari, Alessio Marinelli, Federico Fontana, Lorenzo Cantarini, Roberto Strappati, Alfredo Di Giuseppe, Giuseppe Mattiozzi, Claudio Vallesi. Oltre al primato assoluto, Be Wild vince anche nel Gruppo A, seguito sul podio da MP 30 + 10 e da Reve de Vie, del sambenedettese Ermanno Galeati. Nel Gruppo B, successo per Folgore di Piero Paniccia (CV Portocivitanova), con Team Andelstanken di Daniele Fornari-Guido Armeni (CN Falconara) e Strangente di Vladimiro Fatini (CN Sambenedettese) rispettivamente sul secondo e terzo gradino del podio. Per quanto riguarda i Minialtura, vince GIOCHI di Andrea Cittadini, secondo Anime Salve di Gianluca Melappioni, entrambi portacolori del circolo di casa.


13/09/2020 22:08:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Vendée Globe: ancora non chiari i problemi di Hugo Boss; acqua a bordo (risolta) per Pedote

Hugo Boss procede lentamente e gli ingegneri sperano di poter riparare il danno in corsa. Per Pedote un'infiltrazione d'acqua dovuta ad una trappa del ballast

America's Cup: New Zealand presenta in nuovo AC75 "Te Rehutai"

Sarà lo scafo che scenderà in acqua per difendere l'America's Cup. Il nome scelto come sempre dall'Associazione per la cultura maori Ngāti Whātua Ōrākei

Vendée Globe: in serata Equatore per Pedote

Giancarlo sta finalmente navigando negli Alisei, dirigendosi ad alta velocità verso l'Equatore grazie ad una situazione metereologica molto particolare: una zona di convergenza intertropicale quasi inesistente

Vendée Globe: Thomson si ferma per tentare la riparazione

Guai grandi e piccoli per tutta la flotta. Anche il leader, Thomas Ruyant è dovuto salire in testa d'albero

America's Cup: primi bordi per New Zealand

Bene le prime prove in acqua, la barca vola e il Team è molto soddisfatto

Vendèe Globe: match race tra Dalin e Ruyant verso l'Indiano

Per Pedote un 13° posto nel gruppo degli inseguitori. Un controllo alla barca rivela che è assolutamente pronta per il Grande Sud (foto on board Prysmian Group)

Vendée Globe: Thomson conquista l'Equatore, ma Ruyant incalza a 7 miglia

L’aggiornamento di questa mattina ci regala un duello serrato con gli immediati inseguitori, perché Thomas Ruyant è a sole 7.8 miglia da Alex Thomson e Charlie Dalin a 36.1 miglia (alle ore 10:30)

Il Vendée Globe e i suoi piccoli amici

Alex Thomson è sempre in testa e Jean Le Cam scivola in 4a posizione. A bordo con i solitari anche tanti piccoli amici che impareremo a conoscere

Europeo Windsurf RS:X a Vilamoura (POR)

Cinque azzurri presenti, tre uomini e due donne. Mattia Camboni, Daniele Benedetti e Carlo Ciabatti nella flotta maschile.Marta Maggetti e Giorgia Speciale in quella femminile

Yahia, il ragazzo che non sapeva nuotare: fuggito su un barcone ora è uno skipper

Yahia è nato in Niger, paese desertico senza sbocchi sul mare e tra i più poveri del pianeta, dove ha perso tutti i familiari e da dove è scappato imbarcandosi in Libia su un mezzo di fortuna

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci