lunedí, 10 agosto 2020


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

optimist    trasporto marittimo    mini 6.50    fiv    porti    benetti    press    persico 69f    salone nautico di genova    altura    laser    rs feva   

ARC

Con la vittoria all'ARC inizia bene il 2020 per Patrick Phelipon

con la vittoria all arc inizia bene il 2020 per patrick phelipon
redazione

Inizia bene il 2020 per Patrick Phelipon, il più italiano dei navigatori francesi che proprio in questi giorni è rientrato in Italia dai Caraibi dove si è conclusa, poco prima di Natale, l’Arc+ 2019.   Il trimarano Neel 47 “Minimole” dell’armatore lombardo Aldo Fumagalli ha vinto sia in tempo reale che in tempo compensato anche la seconda tappa della regata transoceanica.
 
Patrick Phelipon si è dimostrato molto soddisfatto del risultato, si è trattata di una navigazione in grande relax viste le condizioni meteo che non hanno mai creato nessun problema: si è trattato per lui della quinta volta ad attraversare l’oceano Atlantico con una barca a vela, la prima era stata addirittura nel 1973 quando prese parte alla regata intorno al mondo (allora Whitbread Round the world Race) con il Pen Duick VI di Eric Tabarly.
 
“E’ stata una grande esperienza” – ha commentato l’armatore Aldo Fumagalli– dopo aver vinto sia in tempo reale che in tempo compensato anche la seconda tappa della regata transoceanica Arc+ 2019.
“Per quasi tutti i membri dell’equipaggio me compreso è stato il battesimo di questo tipo di navigazione in Atlantico e vincere è stato esaltante. Naturalmente è stata molto importante la presenza a bordo, nel ruolo di co-skipper di Patrick Phelipon che con la sua grande esperienza ci ha sempre suggerito le giuste mosse da fare. Anche in questa seconda tratta abbiamo percorso le circa 2100 miglia del percorso da Sao Vicente, Capo Verde, all’isola caraibica di St. Lucia, alle andature portanti utilizzando il parasailor, vela più adatta alla crociera pura che non alla competizione, ma che in questo caso si è rivelata l’arma vincente”.
 
Ora patrick Phelipon ripartirà per i Caraibi dove sempre con Minimole parteciperà, in questo caso nel ruolo di skipper ufficiale, ad alcuni turni di charter con appassionati velisti italiani. Nel frattempo continueranno presso il Cantiere Navale del Serchio a Marina di Pisa i lavori di refitting di Elbereth con cui prossimamente partirà per il giro del mondo in solitario senza scalo lungo la rotta che nel 1968 seguì il suo connazionale Bernard Moitessier: partito per la Golden Globe dall’Inghilterra non completò la regata, ma una volta doppiato Capo Horn fece rotta sul Tahiti, compiendo in realtà un giro e mezzo del globo sui mari e gli oceani del mondo.
 
La barca di Phelipon scenderà in mare fra aprile e marzo e per quella data comunicherà la data esatta della partenza e il luogo.
 
Ricordiamo che Minimole con cui Phelipon ha partecipato all’Arc+ 2019 è un Neel 47, costruito dal cantiere Neel a La Rochelle (tra l’altro la cittadina francesce sulla costa atlantica di cui PP è originario) è un trimarano sportivo per la crociera d’altura, in Italia il cantiere d’oltralpe è rappresentato da YachtSynergy di Cala Galera.

 


07/01/2020 21:24:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Mini 6.50, Les Sables: Cuciuc e Mengucci nel gruppo di testa

Al momento hanno iniziato bene questa prima tappa della Les Sables –Les Açores i due romani Federico Cuciuc e Giovanni Mengucci, rispettivamente quinti nei Proto e nei Serie

Mini 6.50, partita la Les Sables - Les Açores

Al via quattro italiani: Federico Cuciuc, Luca Del Zozzo, Domenico Caparrotti e Giovanni Mengucci

E’ nato il Campionato Offshore Alto Adriatico 2020

Tre circoli, quattro regate, un nuovo Campionato. In un periodo complicato la voglia di vela ha unito il Circolo Velico Riminese, il Circolo Nautico Santa Margherita e lo Yacht Club Adriaco per un programma dal sapore tutto Adriatico

Tre settimane all'Italiano d'Altura di Gaeta

YC Gaeta e Base Nautica Flavio Gioia con grande determinazione hanno affrontato le problematiche legate all’emergenza Covid 19 per onorare gli accordi presi con la FIV e con l’UVAI

RS Feva/RS 500: sul Garda vincono i ragazzi del Savio-Ravenna e del lago di Viverone

Tre giornate di sfide, qualche problema (superato) con le bizzarrie del tempo, alla fine sette prove corse con arie medio leggere, anche se non è mancata qualche raffica del mitico "Pelèr" gardesano

Mini 6.50: Tanguy Bouroullec vince la prima tappa a Les Sables d'Olonne

Il migliore degli italiani è stato Federico Cuciuc, che solo in un finale al rallentatore ha perso posizioni finendo 7° tra i Proto e 15°assoluto. Giovanni Mengucci ha tagliato il traguardo al 25° posto (18° tra i Serie)

Ferretti Group sempre più leader in Asia Pacific

Nonostante l'emergenza COVID-19, il Gruppo ha registrato il maggior numero di ordini dal suo debutto sul fronte Asia Pacific nel 2012, consolidando la propria posizione al vertice del mercato nautico della regione

La Fraglia Vela Riva vince l'Italiano a squadre Optimist

La prestazione della squadra benacense, nelle acque di Follinica, è stata impeccabile, con una scia ininterrotta di successi nel Round Robin e poi 2 vittorie secche per 2-0, in semifinale con il CV Muggia, e poi in finale con il Tognazzi Marine Village

Caos istituzionale e il porto di Venezia soffre

La Venezia Port community chiede di quali poteri possa disporre il neonominato Commissario all'Autorità di Sistema Portuale e quali confini circoscrivano la cosiddetta ordinaria gestione

Benetti: ecco il Giga Yacht “Luminosity”, un ibrido di 107 metri

Ma questo Giga yacht non è solo eleganza e design: a bordo si ritrova tutta l’esperienza e il know-how costruttivo di Benetti. “Luminosity”, il più grande ibrido mai costruito ad oggi

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci