venerdí, 14 agosto 2020


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

youth america's cup    mini 6.50    cambusa    circoli velici    rs feva    persico 69f    optimist    trasporto marittimo    fiv    porti    benetti   

VELA OLIMPICA

World Series: a Miami solo una medaglia di legno per le splendide azzurre del 470

world series miami solo una medaglia di legno per le splendide azzurre del 470
redazione

Terminata la tappa USA di Coppa del Mondo di Vela Olimpica a Miami, Hempel World Cup Series, con una giornata di Medal Race corse tutte con vento leggero e cielo soleggiato.

Sfuma il sogno medaglia per le azzurre Elena Berta (Aeronautica Militare) e Bianca Caruso (Marina Militare), che partivano dal 5° posto nella finale, e concludono la regata al 4°, ai piedi del podio.
Le due atlete hanno fatto una buona partenza e hanno regatato nel gruppo di testa per tutto il primo giro, con punteggio che le ha tenute in corsa per una medaglia. Il sogno è sfumato nella seconda bolina quando le azzurre hanno perso tre posizioni, che non sono riuscite a recuperare nel lato finale di poppa sotto spinnaker. Il 6° posto sul traguardo della Medal Race le ha portate a chiudere Miami 2020 in quarta posizione, una "medaglia di legno" che lascia l'amaro in bocca.

Le altre italiane in finale, Benedetta Di Salle (Marina Militare) e Alessandra Dubbini (Fiamme Gialle), hanno confermato il decimo posto sia nella Medal che nella classifica generale. Resta la considerazione tecnica di aver comunque portato due equipaggi nella Finale di una flotta di livello.

Il podio del 470 femminile vede al primo posto le francesi Camille Lecointre e Aloise Retornaz, al secondo le slovene Tina Mrak e Veronika Macarol, e al terzo le polacche Agnieska Scrzypulec e Jolanta Ogar.

Nel 470 maschile Giacomo Ferrari e Giulio Calabrò (Marina Militare) hanno concluso al 12° posto maturato ieri. Matteo Capurro e Matteo Puppo (Yacht Club Italiano) al 18°. 
Il podio del 470 M rimescolato dalla Medal Race vede al primo gli spagnoli Jordi Xammar e Nicolas Garcia-Paz, secondi i giapponesi Keiju Okada e Jumpei Hokazono, e terzi fuoriclasse australiani Matt Belcher e Will Ryan.

Nel Laser Radial femminile, la giovane Matilda Talluri (CN Livorno) scivola nella Medal Race (10) e scende dal 3° al 4° posto della classifica finale. Nei Laser Standard l'italiano Edoardo Libri (CV Portocivitanova) ha chiuso al 18° in generale. 

La prossima tappa delle Hempel World Cup Series, la penultima prima della Finale in Giappone sul campo di regata olimpico di Enoshima prima dei Giochi, sarà in Italia: la grande vela olimpica torna a Genova dall'11 al 19 aprile, con la squadra dei velisti azzurri presente al completo in tutte le classi, e all'ultimo assalto ai 4 pass per Tokyo 2020 che ancora mancano all'Italia.

ELENA BERTA (timoniera 470 W): 
"Portiamo a casa un altro quarto posto, dopo aver perso una possibile medaglia nella seconda bolina. Per fare un bilancio non ci sono molte parole, dobbiamo imparare a eliminare questi piccoli errori che fanno perdere punti decisivi e hanno condizionato una regata nella quale avevamo fatto tante cose positive. Adesso abbiamo tutto febbraio per prepararci e arrivare in forma al Mondiale."

BIANCA CARUSO (prodiera 470 W): 
"La Medal era iniziata super bene, purtroppo non siamo riuscite a gestirla nella seconda bolina e nella seconda poppa, e alla fine chiudiamo quarte. Ci dispiace molto, ma siamo anche contente perché abbiamo avuto dei segnali ottimi durante questa settimana, e di fatto il nostro 2020 è iniziato bene. Ci siamo allenate molto in inverno, siamo nella top-10 del panorama internazionale, nonostante qualche errore di troppo, guardiamo avanti."

BENEDETTA DI SALLE (timoniera 470 W): 
"Non siamo soddisfatte di questa regata, sappiamo che siamo allenate, siamo veloci, possiamo fare tanto meglio, dobbiamo riuscire a prendere le decisioni migliori per la strategia. Anche oggi non siamo partite con lo spirito giusto e l'aggressività che serviva, non abbiamo fatto una bella partenza, e anche la scelta del lato non è stata quella giusta."

ALESSANDRA DUBBINI (prodiera 470 W): 
"Siamo dispiaciute, c'è un po' di rammarico dopo l'intensa stagione invernale di allenamenti, sentivamo di aver lavorato tanto e di esserci preparate nel modo giusto, avevamo un po' di acquolina in bocca nell'affrontare questa Miami, che purtroppo non ci ha portato il risultato che volevamo. Questa prima regata dell'anno è andata così, ma siamo felici di avere il Mondiale a breve per riuscire a riscattarci. Torniamo da Miami col broncio ma consapevoli che c'è la regata a Palma di Maiorca tra poco meno di due mesi." 

 


25/01/2020 21:48:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Persico 69F: a Gargnano primo giorno di "Revolution"

In evidenza alla fine della prima giornata gli equipaggi di Botticini, Gallinaro, e Caldari oltre ai fuoriclasse da Hong Kong

Caos istituzionale e il porto di Venezia soffre

La Venezia Port community chiede di quali poteri possa disporre il neonominato Commissario all'Autorità di Sistema Portuale e quali confini circoscrivano la cosiddetta ordinaria gestione

Optimist, "Ora Cup Ora": conclusione con un bel vento teso da nord

Nella categoria juniores la spunta il campione britannico Santiago Sesto Cosby; la napoletana Caracciolo vince tra le femmine Tra i più piccoli netta vittoria di Mattia Benamati; rimonta della rivana Berteotti, che supera la tedesca Brinkmann

Benetti: ecco il Giga Yacht “Luminosity”, un ibrido di 107 metri

Ma questo Giga yacht non è solo eleganza e design: a bordo si ritrova tutta l’esperienza e il know-how costruttivo di Benetti. “Luminosity”, il più grande ibrido mai costruito ad oggi

ASSARMATORI: vinta la prima battaglia per rilanciare l’economia del mare

“L’emergenza Covid, nella sua drammaticità, ha in queste ore provocato quella che va considerata una reazione positiva insperata: far comprenderealle Istituzioni nazionali l’importanza dell’economia e dell’industria del mare”

Optimist: prime prove per la "Ora Cup Ora"

Iniziata al Circolo Vela Arco la 25^ Ora Cup Ora, classe Optimist.Tra gli juniores in testa l’azzurra Ginevra Caracciolo, tra i più piccoli parità di punteggio nei primi tre

MINI 6.50: Mengucci e Caparrotti raccontano la 1a tappa della SAS 6.50

Les Sables - Les Açores en Baie de Morlaix - Intervista a Domenico Caparrotti e a Giovanni Mengucci che ci raccontano il loro impatto con la corsa

Garda: due sole prove per la Persico 69F Revolution

A comandare oggi sulla sponda bresciana del Lago di Garda è stato il vento: le condizioni meteo, infatti, hanno rallentato il programma della Persico 69F Revolution.

Mini 6.50, Les Sables d'Olonne: partita la 2a tappa verso Roscoff

Domenico Caparrotti: "Per me è come stare all'Università"

La vela si ferma per la scomparsa di Carlo Rolandi, presidente onorario FIV

Carlo Rolandi è stato la storia stessa di quasi un secolo di Vela sportiva italiana. Nove Olimpiadi, Otto anni Presidente FIV, protagonista in Italia e nel mondo

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci