domenica, 24 gennaio 2021


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

laser    cambusa    america's cup    press    vendée globe    trofeo jules verne    porti    trasporto marittimo    fiv    guardia costiera    ambiente    yacht club costa smeralda    nomine    young azzurra   

VELA OLIMPICA

Vela Olimpica: 35 Azzurri in Germania per la 138ma Kiel Week

vela olimpica 35 azzurri in germania per la 138ma kiel week
Redazione

Rinviata rispetto al tradizionale appuntamento di giugno, la 138ma edizione della settimana di Kiel in Germania rappresenta a questo punto della stagione 2020 della vela olimpica il primo vero grande evento agonistico che consente un confronto e una verifica agli atleti e alle squadre nazionali.

 

Dopo il rinvio al 2021 delle Olimpiadi di Tokyo 2020, il calendario è stato stravolto e per lo più ha visto annullare tutti i maggiori appuntamenti internazionali. Solo adesso, con prudenza, si tenta di riprogrammare campionati Europei o Mondiali di alcune classi.

 

Kiel 2020 a settembre, evento peraltro confermato definitivamente solo pochi giorni fa, sarà particolarmente emozionante per l'aspetto psicologico del ritorno in regata, e fornirà importanti riferimenti a tecnici e atleti, in particolare considerando le diverse tempistiche adottate dai paesi e dai continenti per i lockdown che hanno bloccato le attività sportive e anche gli allenamenti a causa della pandemia in atto.

 

Le regate si svolgono dal 10 al 13 settembre con formati che garantiranno la sicurezza sanitaria di atleti e tecnici. Le previsioni meteo per il golfo di Kiel che guarda a nord verso la Danimarca, indicano condizioni di vento forte.

 

Con tutte le cautele del caso, quindi, c'è attesa per vedere i risultati della preparazione che è continuata per la squadra olimpica della vela azzurra del DT Michele Marchesini: prima con i raduni collegiali di giugno e luglio sul Garda, quindi con allenamenti intensi divisi per classi e in diverse località italiane.

 

L'Italia comunque, per il periodo estivo, è stata una sorta di isola privilegiata, con numeri di contagi relativamente bassi rispetto al resto del mondo. Per questa ragione si sono visti molti equipaggi e velisti stranieri venire in Italia ad allenarsi, dal Garda al Tirreno.

 

Gli azzurri della vela olimpica presenti alle regate della Kieler Woche sono ben 35, tra 13 singolisti dei Laser (9 maschi e 4 femmine sui Radial), 16 acrobatici 49er (4 team maschili e 4 femminili sugli FX), e 6 sui tre catamarani misti foiling Nacra 17, tra i quali i recenti campioni del mondo 2018 Ruggero Tita e Caterina Banti, e 2019 Vittorio Bissaro e Maelle Frascari.

 

Laser Standard maschile (totale 105 iscritti), 9 timonieri italiani:

Gianmarco Planchesteiner (Fiamme Gialle), Nicolò Villa (CV Tivano) Dimitri Peroni (FV Malcesine), Alessio Spadoni (Aniene), Giovanni Coccoluto (Fiamme Gialle), Marco Gallo (Fiamme Gialle), Giacomo Musone (CN Rimini), Matteo Paulon (YC Cannigione), Andrea Crisi (YC Cannigione).

Quantità e qualità come sempre nel singolo più diffuso, molti gli atleti di punta: lo svedese Stalheim, l'inglese Chiavarini, il tedesco Buhl, il guatemalteco Maegli, gli ungheresi Vadnai, persino da USA (Charlie Buckingham) e nazioni sudamericane.

 

Laser Radial femminile (57 iscritte), 4 timoniere italiane:

Silvia Zennaro (Fiamme Gialle), Joyce Floridia (Fiamme Gialle), Carolina Albano (Fiamme Gialle), Francesca Frazza (FV Riva).

Ci sono le più forti e medagliate olimpiche, la fuoriclasse olandese Marit Bouwemeester, l'irlandese Annalise Murphy, la danese Anne-Marie Rindom), la belga Emma Plasschaert, la bitannica Alison Young, la bielorussa Drodzdovskaya.

 

49er doppio acrobatico maschile (60 equipaggi), 4 equipaggi italiani:

Matteo Barison e Nicola Torchio (FV Malcesine-SG Salò), Marco Anessi e Edoardo Gamba (AN Sebina-FV Malcesine), Uberto Crivelli Visconti e Leonardo Chistè (Marina Militare-FV Riva), Simone Ferrarese e Gianmarco Togni (CV Bari-Marina Militare).

Presenti in massa i tedeschi e poi equipaggi di punta da Spagna (Diego Botin), Danimarca, Olanda, Norvegia e Francia.

 

49er FX doppio acrobatico femminile (59 equipaggi), 4 team italiani:

Alexandra Stalder e Silvia Speri (CN Bardolino-FV Peschiera), Jana Germani e Giorga Bertuzzi (Sirena-FV Malcesine), Carlotta Omari e Matilda Distefano (Fiamme Gialle-Triestina Vela), Arianna Passamonti e Giulia Fava (NC Castelfusano-AV Civitavecchia).

Flotta molto competitiva e di qualità: dalle migliori tedesche come Lutz-Beucke e dalle inglesi Dobson-Tidey alle danesi Baad Nielsen-Olsen, le statunitensi Roble-Shea, le spagnole Echegoyen-Barcelò, le olandesi Bekkering-Duetz, persino australiane e argentine. Test probante. Da segnalare che le giovani azzurre Alexandra Stalder e Silvia Speri, la scorsa settimana su questo stesso campo di regata hanno colto una vittoria schiacciante sulla flotta di FX prevalentemente tedeschi.

 

Nacra 17 catamarano misto foiling (28 equipaggi), 3 team italiani:

Ruggero Tita e Caterina Banti (Fiamme Gialle-Aniene), Vittorio Bissaro e Maelle Frascari (Fiamme Azzurre-Aniene), Gianluigi Ugolini e Maria Giubilei (Compagnia della Vela di Roma).

Flotta ristretta, quasi formato olimpico, ma con molti team di assoluto vertice, iridati e medagliati, dagli inglesi Gimson-Burnett, agli argentini Lange-Carranza, ai francesi Delapierre-Audinet, agli austriaci Zajac-Matz, ai danesi Cenholt-Lubeck. Mancano solo gli australiani per il resto è un test di valore.

 

Oltre alle cinque classi citate, l'unica altra disciplina olimpica in regata a Kiel (in mezzo a tante altre classi che rendono molto partecipata la tradizionale kermesse tedesca) è il singolo Finn, per il quale non ci sono azzurri iscritti. Non sono presenti i 470 maschili e femminili (in preparazione del possibile Mondiale in autunno, dopo l'annullamento dell'Europeo), e i windsurf RSX maschili e femminili.


08/09/2020 17:53:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Luna Rossa: salvi per il rotto della ...scuffia

Ma nonostante le apparenze la barca si è comportata bene. Contro Ineos annullata una prima regata che Luna Rossa stava conducendo e contro American Magic è stata una regata al buio per il mancato funzionamento del Racing Software

America's Cup: Patriot rientrerà solo per le semifinali

Le riparazioni del carbonio saranno effettuare in parte utilizzando boat builders locali per ricostruire i pannelli rovinati, in parte con lo shore team che si occuperà delle finiture

Vendée Globe: la roulette russa dell'Aliseo

Con l'evoluzione dell'anticiclone, sembra sempre più evidente che non sarà così facile e veloce per i leader collegarsi al treno a bassa pressione proveniente da ovest, con l'obiettivo di raggiungere alle Azzorre il SW favorevole

America's Cup: nuovo programma per le eliminatorie della Prada Cup

Qualora INEOS TEAM UK dovesse vincere la regata di sabato, la prova di domenica sarà ridondante in quanto sarà già il primo classificato dei gironi eliminatori e accederà direttamente alla finale della PRADA Cup

America's Cup: in acqua con il terrore di una nuova scuffia

Nel caso una barca si ribalti durante una regata gli Umpires potranno fermare la prova subito dopo e il punto verrà assegnato all’avversario, senza aspettare che la barca riceva aiuti esterni

America's Cup: Ineos vince ma Luna Rossa ci ha provato

E’ stata una regata davvero spettacolare: la leadership è cambiata ben nove volte: un match race a 40 nodi con incroci ravvicinati, ingaggi, proteste. Tutto quello che si chiede a barche ed equipaggi dell’America’s Cup

Young Azzurra si prepara per gli impegni sportivi del 2021

Il team sarà impegnato nella Youth Foiling World Cup e nel circuito di regate della Persico 69F Cup

Trofeo Jules Verne: timone rotto per Gitana 17 che fa rotta verso Cape Town

Non possiamo riparare un danno del genere in mare e non possiamo più usare il nostro timone. Lo abbiamo sollevato e ora stiamo navigando a babordo senza timone. Siamo al sicuro, ma non siamo in grado di andare veloce

Itama, grandi emozioni

Contatto diretto con il mare, look mediterraneo e nuove motorizzazioni rafforzano il rinnovamento della gamma Itama

Antonini Navi: UP40 Crossover prende forma!

Procede spedita la costruzione della prima unità UP40 di Antonini Navi, i cui lavori sono iniziati on spec i primi di dicembre scorso. La sua versione Crossover si migliora con una soluzione open dell’area poppiera, assecondando le richieste del mercato.

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci