martedí, 21 novembre 2017

SOLDINI

Transpac: Soldini riduce il distacco

transpac soldini riduce il distacco
redazione

L’equipaggio di sette velisti del trimarano oceanico volante Maserati Multi70 capitanato da Giovanni Soldini ha accorciato in maniera significativa il distacco dai due trimarani che sono al comando della Transpac Race - Phaedo3 and Mighty Merloe – nonostante sia svantaggiato dalla rottura del timone avvenuta ieri.

 Dopo aver scontrato un oggetto galleggiante non identificato che ha distrutto il timone destro gli uomini di Soldini hanno dovuto fare affidamento solo sul timone centrale per governare la barca quando è mure a sinistra.

 Nonostante ciò, l’equipaggio italo spagnolo ha continuato a spingere la barca fino al limite per recuperare il terreno perso rispetto ai due avversari americani.

 Sebbene sia sempre a rischio di perdere il controllo quando è mure a sinistra, Maserati Multi70 ha raggiunto punte di 30 nodi di velocità mentre si avvicina alla linea di arrivo della regata lunga 2.225 miglia che attraversa il Pacifico da Los Angeles alle Hawaii.

 Alle 12 ora italiana della mattina di oggi, 10 luglio (le 24 del 9 luglio alle Hawaii), Maserati Multi 70 stava navigando su una rotta a nord ovest (300 gradi) a 27,8 nodi di velocità con 423,5 miglia ancora da percorrere fino all’arrivo a Diamond Head di fronte a Honolulu. Phaedo3Mighty Merloe si trovano rispettivamente a 384,2 e 376,4 miglia dall’arrivo.

 Basandosi sulla velocità e posizione attuali, Maserati Multi70 potrebbe tagliare la linea di arrivo intorno alle 8 ora italiana di domani 11 luglio (le 20 del 10 luglio ora locale delle Hawaii). Ph - Francesco Malingri


10/07/2017 19:33:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Montura presenta la linea Keep Sailing

Linea di abbigliamento destinato alla nautica e all'agonismo velico ricca di soluzioni innovative e realizzata con tecnologie applicate per la prima volta nel mondo della vela

Invernale Riva di Traiano: i Big subito in evidenza

Sole, mare calmo e poco vento. Ma la regata si fa e brilla lo Swan 45 Aphrodite

Nauta firma il Tender 48’ dei cantieri Maxi Dolphin di Erbusco

Nasce come progetto di imbarcazione veloce da appoggio e connessione per un superyacht di maggiori dimensioni; è dotata di un bottazzo continuo e morbido di protezione che agevola l’appoggio alla barca “madre”

Riva Boutique: eccellenza e artigianalità per un Natale in grande stile

Lo store online ufficiale di Riva si arricchisce di nuovi accessori realizzati con lo stile e la qualità del cantiere mito della nautica mondiale, perfette idee regalo per le festività

L’Ocean Film Festival World Tour fa tappa a Roma

Kayak, surf, vela, esplorazione subacquea: una selezione di medio e cortometraggi per tutti gli appassionati di mare e avventura - Il 20 novembre al cinema Moderno ore 20:15

All'Arsenale della Marina Regia si presenta il progetto “Sirene nel blu tra mare e cielo”

Il progetto nasce dall’idea congiunta tra la Soprintendenza del Mare e “l’Associazione amici della Soprintendenza del Mare”, di volere attivare una campagna di sensibilizzazione rivolta al rispetto del mare

Terza giornata all'Invernale del Circeo

La classifica generale IRC dopo 5 prove e uno scarto vede in testa TAHRIBA l’Elan E5 dello skipper Francesco Di Diodato portacolori del Nautilus Yacht Club con al timone Pino Stillitano

Francesco Cappuzzo campione nazionale Wave Windsurf per la seconda volta

Il campione in carica ha prima battuto nella finale del single elimination il milanese Jacopo Testa, campione nazionale Freestyle 2017, giunto terzo, e nell'avvincente finale del double elimination ha sconfitto di misura Andrea Rosati

Besenzoni vince il Dame Design Award 2017

Besenzoni ha ottenuto il riconoscimento finale della sua straordinaria capacità di innovazione: la poltrona pilota P400 Matrix ha ricevuto il più prestigioso premio dato nell’industria marina

Il nipponico Sikon si porta al comando del Melges 40 Grand Prix di Palma de Mallorca

La giornata odierna, iniziata con vento sui 15 / 17 nodi di intensità (poi andato a calare nel corso della seconda e terza prova) ed oscillante tra i 300 e 330 gradi

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci