domenica, 23 luglio 2017


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

nautica    melges 32    azzurra    circoli velici    gaetano mura    regate    optimist    52 super series    solitari    guardia costiera    windsurf    benetti    formazione    fincantieri    mini 6.50   

GIANCARLO PEDOTE

I commenti di Giancarlo Pedote su una stagione che si chiude e non solo

commenti di giancarlo pedote su una stagione che si chiude non solo
redazione

Si è concluso domenica il Campionato Italiano Moth a Foil, l’ultima regata del calendario 2016 italiano e ultima regata in programma quest’anno per Giancarlo Pedote. Stefano Rizzi si aggiudica il titolo. I commenti di Giancarlo Pedote in un incontro a Punta Ala.

 

10 prove in tutto, 4 venerdì, 4 sabato e 2 domenica, hanno avuto luogo nel mare del golfo di Follonica durante questo primo weekend di settembre. 24 i Moth a foil protagonisti di manovre leggere e voli sul pelo dell’acqua che hanno incuriosito gli ultimi bagnanti della location marittima toscana mentre si contendevano il titolo di Campione italiano Moth 2016.

Dopo la conclusione delle prove, che hanno visto Stefano Rizzi vincitore, Giancarlo Pedote, navigatore oceanico in “stage” sui Moth a foil ha commentato la stagione appena conclusa in una piccola intervista rilasciata mentre disarmava Prysmian ITA 4171.

 

- Come è andata?

« Quattordicesimo. Questo è il risultato in classifica, un risultato che pondero e analizzerò nell’ottica di una immaginaria curva di analisi performance dell’anno che si conclude. In questa regata non miravo al podio, ma ad una serie di obiettivi personali che ho raggiunto solo in parte. Adesso sistemo la barca, ma il pensiero è già oltre ».

 

- Quali sono gli obiettivi raggiunti? E dove è il tuo pensiero adesso?

« Gli obiettivi raggiunti sono una certa progressione in differenti aree della navigazione: manovre, tempistica nel raggiungere il volo, velocità. Il pensiero è invece sugli obiettivi non ancora raggiunti: migliorare manovre, tempistica nel raggiungere il volo e velocità » risponde sorridendo.

 

- Ci sono già pensieri rivolti al prossimo anno?

« Una parte del mio pensiero ed un certo tipo di lavoro sono sempre rivolti e dedicati al futuro, sia prossimo sia lontano. Tutta questa stagione era basata sulla volontà di iniziare ad apprendere la tecnologia del foil per un progetto futuro, un progetto sul quale non smetto mai di lavorare ».

 

- E guardando indietro cosa vedi?

« Un anno interessante, che mi ha insegnato molto e mi ha mostrato quanto molto ancora devo apprendere. La vela è un mondo in cui non ci si può adagiare, talmente sono le evoluzioni e le differenti specializzazioni ».

 

- Alcuni ritengono che siano proprio queste caratteristiche della vela a renderla difficile da comunicare. Cosa ne pensi?

« Credo che la vela sia uno sport abituato a comunicare solo a sé stesso, ma anche che un ampliamento della sua diffusione sia assolutamente possibile. Oltre lo sport, le differenti specializzazioni bastoni o d’altura, le varie regole, le compensazioni, ci sono le storie dei ragazzi, degli uomini e delle donne, le storie delle imbarcazioni, le storie delle aziende che producono materiali per la vela e quelle che sponsorizzano navigatori o manifestazioni, rendendo possibile che tutto questo possa esistere. Ci sono valori puliti, aneddoti semplici e veri. Penso che sì, la vela è un mondo eterogeneo, ma ha punti fermi che possono essere spiegati in maniera semplice e tante curiosità che potrebbero coinvolgere il grande pubblico ».


05/09/2016 21:00:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Torna la Nimbus Vintage Cup, Regata-Revival per Derive Classiche

L’evento è promosso da Nimbus Surfing Club di Fiumetto e Comitato dei Circoli Velici Versiliesi con il patrocinio della FIV e dei comuni di Forte dei Marmi e Pietrasanta

America's Cup: la sfida a Auckland nel 2021 torna all'antico

Barca e equipaggi dovranno essere del paese sfidante. A Auckland si torna alle origini

152° anniversario Guardia Costiera

L’Ammiraglio Melone, nel corso del proprio intervento, ha voluto ricordare le parole rivolte dal Presidente della Repubblica al personale del Corpo in occasione della sua visita di ieri al Comando Generale

Domani a Marina Cala de’ Medici la terza serata di cortometraggi “Cinemadamare”

Sarà proiettato il suo corto “Una bellissima bugia”, realizzato con la Scuola di cinema di Grosseto (di cui Santoni è allievo per il corso di regia e sceneggiatura) e vincitore di molti premi

Platu 25, Sciacca: il trionfo di Euz II Villa Schinosa

A settembre ci sarà il mondiale a Mondello: “Lo prepararemo come sempre, con la massima attenzione. Cercheremo di fare il massimo, poi sarà il campo a dare il verdetto”.

Alla Fraglia Vela Desenzano 2 giorni di "open vela"

Continuano a vele spiegate le lezioni estive, i progetti con i ragazzi diversamente abili e gli eventi per godere delle bellezze del lago dal lago

Platu 25, Sciacca: Euz II Villa Schinosa prende il comando

Tutte e quattro le prove della giornata sono state vinte da Euz II Villa Schinosa, che riprende così lo scettro del campionato e distanzia di 7 punti gli storici rivali di Five For Fighting 3, a un solo giorno dalla fine del campionato

Un luglio di grande vela per la Canottieri Garda Salo'

Il primo Evento è stata la veleggiata del progetto “Itaca” dell’Ail di Brescia e Verona, i pazienti di onco-ematologia a bordo di 40 scafi con equipaggi formati da Infermieri, Medici e Volontari.

Plenty vince in Costa Smeralda il 20° Rolex Farr 40 World Championship

Vicecampione 2017 è Enfant Terrible di Alberto Rossi, tattico Vasco Vascotto, ieri autore di parziali eccellenti che lo hanno portato a chiudere a soli 3 punti da Plenty

Al Melges 32 European Championship Torpyone continua a martellare

Torpyone dimostra una regolarità impressionante, inanellando il terzo secondo posto consecutivo sulle tre prove di cui si compone la classifica generale sino a questo momento

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci