martedí, 21 gennaio 2020

VELA OLIMPICA

Auckland: dal 3/12 lo Hyundai World Championships 2019

auckland dal 12 lo hyundai world championships 2019
redazione

Cresce l'attesa per i tre Mondiali di vela olimpica in programma ad Auckland (Nuova Zelanda) dal 3 all'8 dicembre: titoli iridati e qualifiche olimpiche sono in palio al Royal Akarana Yacht Club, nei tre Hyundai World Championships 2019 delle classi più acrobatiche del programma olimpico: il 49er (maschile), il 49er FX (femminile) e il Nacra 17 (catamarano misto foiling).
 
La settimana di vigilia è stata usata da tutti i team per conoscere il campo di regata sfruttando al meglio l'Oceania Championship, campionato continentale trasformatosi in un vero e proprio warm-up dei Mondiali. Al via c'erano 14 medaglie olimpiche e numerosi campioni mondiali, oltre che i due kiwi assoluti protagonisti della scena velica: Peter Burling e Blair Tuke, veri "fenomeni" con al collo l'oro olimpico di Rio 2016 e l'America's Cup vinta con New Zealand nel 2017, nonché la partecipazione (con due team diversi) all'ultima Ocean Race, la regata intorno al mondo.
 
OCEANIA CHAMPIONSHIP: COME SONO ANDATI GLI AZZURRI 
Nel warm-up del Mondiale buone sensazioni dalla vela azzurra. In primo piano la rincorsa alle qualifiche olimpiche per nazione nelle due classi 49er e FX. Va ricordato infatti che l'Italia finora ha il posto assicurato a Tokyo 2020 (le regate si svolgono a Enoshima) in sei classi su dieci. Proprio le due acrobatiche 49er e FX sono tra quelle nelle quali si dovrà conquistare l'Olimpiade in una battaglia che si annuncia durissima, il cui momento chiave sarà il Mondiale dei prossimi giorni. Ci sono in palio 4 posti-nazione per i maschi del 49er, e 6 per la ragazze del 49er FX: occhi puntati quindi sulle classifiche e sulle nazioni in corsa.
 
49er - Podio Oceania un po' a sorpresa, con gli austriaci Benjamin Bildstein e David Hussl davanti agli spagnoli Diego Botin e Iago Lopez Marra, guarda caso proprio due nazioni a caccia di qualifica olimpica. Al terzo i due fuoriclasse kiwi Burling e Tuke. Bene gli azzurri Uberto Crivelli Visconti e Gian Marco Togni, che hanno chiuso all’8° posto generale. Volendo misurare il risultato alla luce dell’obiettivo numero uno del prossimo Mondiale, ovvero la qualifica olimpica per nazione, gli azzurri sono al terzo posto tra le nazioni non qualificate, e i posti a disposizione nel prossimo Mondiale come detto sono quattro.
Gli altri italiani nella classifica finale di Oceania: 24 Jacopo Plazzi e Giacomo Cavalli; 81 Simone Ferrarese e Valerio Galati (che hanno però scelto di correre solo metà campionato).
 
FX - Podio Oceania ricco di medaglie olimpiche: subito prime le kiwi Alex Maloney e Molly Meech (argento di Rio 2016), davanti alle brasiliane Martine Grael e Kahena Kunze (oro di Rio 2016), terzo posto per le statunitensi Stephanie Roble e Maggie Shea, ormai non più una sorpresa. Le giovanissime Alexandra Stalder e Silvia Speri, 12 in classifica generale, a 8 punti dalla top-ten che vale la Medal Race, a loro volta nella ipotetica classifica delle qualifiche per Tokyo 2020 sono arrivate quarte, quindi entro i sei posti in palio al prossimo Mondiale. E va considerato che lo stesso risultato avrebbero raggiunto anche Maria Ottavia Raggio e Jana Germani, 13 in generale a pari punti con le altre italiane.
La classifica finale di Oceania vede anche altre azzurre: 34 Francesca Bergamo e Alice Sinno; 36 Margherita Porro e Sveva Carraro; 38 Carlotta Omari e Matilda Distefano.
Se qualche mese fa le distanze tra gli equipaggi azzurri e le qualifiche olimpiche in queste due classi sembravano incolmabili, alla vigilia del Mondiale questi risultati tengono alta la voglia di lottare per conquistare il traguardo a cinque cerchi.
 
NACRA 17 - Anche per il cat misto foiling podio Oceania importante: primo posto agli inglesi Ben Saxton e Nicola Boniface, Mondiali 2017, davanti ai francesi Billy Besson e Marie Riou (quattro titoli mondiali N17 nel precedente quadriennio olimpico), e agli austriaci Thomas Zajac e Barbara Matz (bronzo Rio 2016). Alle loro spalle si completa il podio delle ultime Olimpiadi (quando il Nacra 17 correva nella configurazione non-foiling), con gli australiani Jason Waterhouse e Lisa Darmanin (argento Rio 2016) quarti, e gli argentini Santiago Lange e Cecilia Caranza (oro Rio 2016) quinti.
Gli italiani, che come noto schierano i campioni del mondo in carica Ruggero Tita e Caterina Banti e una squadra considerata tutta molto forte, piazzano in questo warm-up premondiale un 10° con Vittorio Bissaro e Maelle Frascari, un 20° con i giovani Gianluigi Ugolini e Maria Giubilei (iridati Juniores in carica), un 26° con Lorenzo Bressani e Cecilia Zorzi. I defender del titolo Tita e Banti hanno regatato in scioltezza facendo vari test e tagliando il traguardo solo nelle ultime due prove (per la cronaca: un 3° e un 1°). 

GIAN MARCO "JIMMY" TOGNI (49er) 
"Il Mondiale sarà un'altra cosa, ma l'Oceania è stato un ottimo test. Primo giorno con vento medio intorno ai 15 nodi da terra che probabilmente avremo anche durante il Mondiale. Poi nei due giorni seguenti abbiamo preso il vento termico abbastanza leggero sugli 8-10 nodi, abbiamo comunque disputato tutte le prove. Per quando riguarda noi abbiamo avuto buone sensazioni, ci siamo trovati bene sul campo, siamo bene ambientati perché siamo arrivati qui tanti giorni prima per uscire molto. Il golfo di Hauraki ha tanto fascino, tutti noi siamo cresciuti con Luna Rossa nel 2000, ma è anche un gran bel posto dove regatare, tra le isole, sempre vento, corrente e condizioni variabili."
 
ALEXANDRA STALDER (FX) 
"Oggi abbiamo fatto le stazze, tutto ok. Per l'Oceania Championship siamo molto contente e soddisfatte, per noi era un banco di prova premondiale, non ci aspettavamo di arrivare così in alto, ma i risultati e un po' di costanza ci hanno aiutate. La difficoltà è stata entrare in Gold, perché i punteggi era molto bassi e serviva una media sotto al 10. Poi in Finale ce la siamo cavata bene, siamo soddisfatte soprattutto della prima prova Gold nella quale eravamo prime e ci hanno superate solo sul traguardo! I campi di regata non sono facili, c'è corrente molto forte che inverte a ore stabilite, ma che cambia sui vari campi in base alla costa. Ogni giorno si cambia campo e quindi la situazione è sempre differente. Quanto al vento, purtroppo al momento per il Mondiale è previsto diverso da quello trovato in questi giorni, ma siamo tranquille e pensiamo solo ad andare avanti!"
 
VITTORIO BISSARO (NACRA 17) 
"La cosa più bella qua è il campo di regata. Stiamo trovando situazioni veramente bellissime e la cosa incredibile di questo posto come pochi altri al mondo è uno specchio d'acqua pieno di isole, quindi con tantissimi effetti locali, giri e buchi di vento, cui si aggiunge la corrente, acqua fresca, e vento che può venire ogni giorno da ogni quadrante. Sono quei campi, com'era un po' anche Rio de Janeiro, dove fai fatica a tirare fuori una regola, ma devi guardare fuori dalla barca tantissimo e accendere il cervello. Non è una sorpresa sapere che da qua vengono molti tra i velisti migliori al mondo! Soddisfatti del campionato Oceania, l'obiettivo era trovare la sintonia tra noi e le caratteristiche dei tanti possibili campi regata, scegliere il materiale migliore, e abbiamo fatto entrambe le cose per bene. Il risultato non era una nostra priorità, comunque ci lascia soddisfatti, abbiamo dimostrato in due giornate col materiale buono di essere molto competitivi. E senza il BFD (Black Flag Disqualification: partenza anticipata con bandiera nera sul Comitato, ndr) nella prima prova, che avevamo vinto, sarebbe stata un'altra classifica. Siamo fiduciosi per il Mondiale che inizia martedì."

REGATE IN DIRETTA
Il Mondiale 49er-FX-Nacra 17 neozelandese sarà trasmesso in diretta con una copertura record delle regate iridate dal 3 all'8 dicembre, e la possibilità di seguire tutti i cinque campi di regata previsti nel Golfo di Hauraki. Una novità importante per la vela olimpica, che si potrà vedere in abbonamento al costo di 14,95 Euro (9,95 se si acquista entro il 30 novembre). 
www.sidelineapp.co.nz - 49er.org/live - nacra17.org/live.

 


30/11/2019 23:14:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Invernale Fiumicino: un'ottima giornata per Mart d'Este

Massimo Pettirossi: “Abbiamo avuto un fine settimana davvero ‘a gonfie vele’, iniziato con l’incontro di approfondimento organizzato sabato scorso al circolo, che ha avuto ancora una volta un gran seguito”

Invernale Traiano: Tevere Remo non fa sconti

Mon Ile inizia il 2020 vincendo. Sempre potente in tempo reale Ars Una, mentre crescono messa a punto e prestazioni per Luduan 2.0. In Crociera, brilla Soul Seeker e nella Coastal Race Bagherang Evo in equipaggio e Toi e Moi in doppio

Cape2Rio: Soldini e Maserati passano al comando della corsa

Maserati naviga su una rotta più a Sud rispetto a LoveWater, su cui è in vantaggio. Le condizioni meteo si fanno dure con vento debole e ulteriormente in calo. Il Team italiano punta a uscire dalle calme il prima possibile

Cape2Rio: Soldini e Maserati recuperano su LoveWater

Mossa tattica di Giovanni che ha tagliato una strambata e recuperato metà dello svantaggio

Otranto: prima regata del 2020 per l'Invernale

Si è svolta domenica la prima regata dell’anno, la quinta del campionato invernale ‘Più Vela Per Tutti’ alla sua undicesima edizione

Ripreso l'Invernale di Marina di Loano

Due giornate con vento leggero e bel tempo hanno accolto i partecipanti alle prime regate del 2020 del Campionato Invernale di Marina di Loano

Presentata a Roma la "Garmin Marine Roma per 2"

Partenza sabato 4 aprile. Novità di quest'anno l'apertura ai solitari anche nella "Riva", con percorso Riva di Traiano/Ventotene/Riva di traiano

Invernale Argentario: domina l'M37 Iemanja di Piero De Pirro

Domenica 12 gennaio si è disputata la sesta giornata del XII Campionato Invernale di Porto Santo Stefano, evento al quale sono iscritte 22 imbarcazioni

Ucina al Boot di Dusseldorf

Confindustria Nautica sarà presente alla 51° edizione del Boot di Düsseldorf (18 – 26 gennaio 2020), con uno stand istituzionale per proseguire l’attività di promozione all'estero e di sostegno all'internazionalizzazione delle imprese italiane

Invernale Napoli: domenica la Coppa Camardella prima regata del 2020

Sempre domenica mattina, al termine della Coppa Camardella e in caso di condizioni meteo marine favorevoli, il Comitato di Regata farà disputare anche la Coppa Giuseppina Aloj, organizzata dal Reale Yacht Club Canottieri Savoia

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci