lunedí, 10 agosto 2020


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

optimist    trasporto marittimo    mini 6.50    fiv    porti    benetti    press    persico 69f    salone nautico di genova    altura    laser    rs feva   

VELA OLIMPICA

470F : due equipaggi in Medal Race a Miami

470f due equipaggi in medal race miami
redazione

La Coppa del Mondo di Vela Olimpica a Miami, Hempel World Cup Series, vive la sua penultima giornata riuscendo a fatica a portare a termine una sola regata per le due classi 470, e poche altre manche per il resto delle classi. Condizioni limite su Biscayne Bay: vento scarsissimo, tra 3 e 5 nodi, appena percettibile, e complicato da interpretare nei cambi di direzione. Percorsi molto brevi. 

Decise le classifiche finali, con i top-ten di ciascuna classe che sabato 25 saranno in acqua per le finali Medal Race a punteggio doppio. Il programma è stato modificato e le Medal dei 470 inizieranno alle 9 del mattino (le 15 italiane), e sarà possibile seguirle in diretta streaming (sotto il link).

Nel 470 femminile l'Italia porta due equipaggi in finale: Elena Berta (Aeronautica Militare) e Bianca Caruso (Marina Militare), dopo un 5° nell'unica prova del giorno, partiranno in finale dal 5° posto, ma a 1 solo punto dal terzo gradino del podio, la prospettiva per loro è una Medal tutta all'attacco. Benedetta Di Salle (Marina Militare) e Alessandra Dubbini (Fiamme Gialle), 14° nell'ultima prova, entrano in finale con il decimo posto.

Nel 470 maschile la Medal Race sfuma per soli 4 punti per Giacomo Ferrari e Giulio Calabrò (Marina Militare), ottimi secondi nell'ultima prova, a parte la penalità di 1 punto per il cambio del tracker malfunzionante, probabilmente revocata, ma in ogni caso ininfluente. Il tardivo risveglio dei due velisti romani non basta a recuperare i punti necessari a entrare nei top-ten della Medal Race. Prova opaca per Matteo Capurro e Matteo Puppo (Yacht Club Italiano) diciottesimi di manche e anche in generale.

Immutate le classifiche Laser Radial femminili, con Matilda Talluri (CN Livorno) che partirà nell Medal Race dal 3° posto a 5 punti dalla testa della classifica. Fermi anche i Laser Standard, con Edoardo Libri che chiude Miami al 18° in generale. 

Il programma Hempel World Cup Series prevede sabato le Medal Race tra i primi dieci di tutte le classi. Il fuso orario a Miami è 6 ore in anticipo rispetto all'ora italiana.

 

GABRIO ZANDONA' (Tecnico 470 maschile): 
"Con vento leggero ottima prestazione dei ragazzi, anche se le regate sono state al limite della regolarità. In queste condizioni Ferrari e Calabrò vanno forte, avevano girato quindicesimi e hanno concluso secondi. Anche Capurro e Puppo sono stati davanti per un buon tratto, prima di un salto di vento. Peccato per le Medal sfumata, occorre lavorare per colmare il gap che si crea con vento più forte. Basterebbe poco, recuperare anche 5 barche per tre regate significherebbe guadagnare 15 punti in classifica ed essere in finale."

PIETRO ZUCCHETTI (Tecnico 470 femminile): 
"Siamo stati in mare 8 ore per fare una prova breve su un campo cortissimo e vento massimo a 5 nodi. Inoltre il campo era impossibile da prevedere, vento troppo poco steso per dare riferimenti. Ma siamo contenti, portiamo due barche in Medal Race. Berta e Caruso potevano finire terze, e avrebbero fatto la Medal partendo dal terzo posto, hanno pagato un rallentamento di passo nella poppa conclusiva, sorpassate da due barche. Ma sarà una bella finale perché sono tutte attaccate nel punteggio. Per Di Salle e Dubbini, buone partenze e prime boline, ma si ripete la tendenza ad accentrarsi nel bordeggio, soluzione che con vento leggero fa perdere strada. Il decimo posto va stretto rispetto alle possibilità di questo equipaggio."









I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Mini 6.50, Les Sables: Cuciuc e Mengucci nel gruppo di testa

Al momento hanno iniziato bene questa prima tappa della Les Sables –Les Açores i due romani Federico Cuciuc e Giovanni Mengucci, rispettivamente quinti nei Proto e nei Serie

Mini 6.50, partita la Les Sables - Les Açores

Al via quattro italiani: Federico Cuciuc, Luca Del Zozzo, Domenico Caparrotti e Giovanni Mengucci

E’ nato il Campionato Offshore Alto Adriatico 2020

Tre circoli, quattro regate, un nuovo Campionato. In un periodo complicato la voglia di vela ha unito il Circolo Velico Riminese, il Circolo Nautico Santa Margherita e lo Yacht Club Adriaco per un programma dal sapore tutto Adriatico

Tre settimane all'Italiano d'Altura di Gaeta

YC Gaeta e Base Nautica Flavio Gioia con grande determinazione hanno affrontato le problematiche legate all’emergenza Covid 19 per onorare gli accordi presi con la FIV e con l’UVAI

RS Feva/RS 500: sul Garda vincono i ragazzi del Savio-Ravenna e del lago di Viverone

Tre giornate di sfide, qualche problema (superato) con le bizzarrie del tempo, alla fine sette prove corse con arie medio leggere, anche se non è mancata qualche raffica del mitico "Pelèr" gardesano

Mini 6.50: Tanguy Bouroullec vince la prima tappa a Les Sables d'Olonne

Il migliore degli italiani è stato Federico Cuciuc, che solo in un finale al rallentatore ha perso posizioni finendo 7° tra i Proto e 15°assoluto. Giovanni Mengucci ha tagliato il traguardo al 25° posto (18° tra i Serie)

Ferretti Group sempre più leader in Asia Pacific

Nonostante l'emergenza COVID-19, il Gruppo ha registrato il maggior numero di ordini dal suo debutto sul fronte Asia Pacific nel 2012, consolidando la propria posizione al vertice del mercato nautico della regione

La Fraglia Vela Riva vince l'Italiano a squadre Optimist

La prestazione della squadra benacense, nelle acque di Follinica, è stata impeccabile, con una scia ininterrotta di successi nel Round Robin e poi 2 vittorie secche per 2-0, in semifinale con il CV Muggia, e poi in finale con il Tognazzi Marine Village

Caos istituzionale e il porto di Venezia soffre

La Venezia Port community chiede di quali poteri possa disporre il neonominato Commissario all'Autorità di Sistema Portuale e quali confini circoscrivano la cosiddetta ordinaria gestione

Benetti: ecco il Giga Yacht “Luminosity”, un ibrido di 107 metri

Ma questo Giga yacht non è solo eleganza e design: a bordo si ritrova tutta l’esperienza e il know-how costruttivo di Benetti. “Luminosity”, il più grande ibrido mai costruito ad oggi

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci