mercoledí, 17 luglio 2024

J24

Europeo J24: si conferma campione l’irlandese Headcase

europeo j24 si conferma campione 8217 irlandese headcase
redazione

Si è concluso oggi il Campionato Europeo J/24 organizzato dallo Yacht Club Costa Smeralda con l’International J/24 Class Association, l’Associazione Italiana Classe J/24 e il supporto del Title sponsor Range Rover. Il Comitato di Regata ha fatto svolgere tre prove con Maestrale tra i 10 e i 15 nodi completando così l’intero programma che ne prevedeva un totale massimo di 10. 

Con manovre a bordo molto pulite e i parziali odierni di 1-2-5, il campione europeo uscente, l’irlandese Headcase, si è confermato nuovamente campione continentale J/24 anche nelle ventose acque di Porto Cervo. “Siamo veramente felici – ha dichiarato Cillian Dixon, timoniere su Headcase - sembra quasi un sogno aver nuovamente conquistato la vittoria al Campionato Europeo J/24. Siamo veramente soddisfatti. Oggi è stata una giornata difficile, abbiamo spinto al massimo la barca e a volte non è andata esattamente come avremmo voluto. Siamo stati bravi a gestire un’avaria e conquistare, alla fine, un eccellente risultato”.

Oltre al timoniere Cillan Dixon, l’equipaggio vincitore del Campionato Europeo J/24 è formato da Sam O’Byrne, Ryan Gylnn, Marcus Ryan e Louis Mulloy. Si tratta di un affiatato gruppo di velisti e amici che ha vinto anche la classifica Corinthian. 

Seconda posizione con 9 punti di distacco per La Superba della Marina Militare, con Ignazio Bonanno al timone e l’ex iridato di 470 Gabrio Zandonà alla tattica che oggi hanno tentato il recupero sui leader provvisori. Non sono stati tuttavia sufficienti i parziali di 4-1-2 per raggiungere e scalzare Headcase dalla testa della classifica. Terza posizione per gli ungheresi di J.Bond che, dopo il secondo e il terzo posto delle prime due prove, hanno chiuso la prova finale all’11° posto.

Ignazio Bonanno, timoniere di La Superba: “Facciamo i nostri complimenti all’equipaggio irlandese di Headcase, sono stati veramente bravissimi. Abbiamo cercato di rendergli la vita difficile fino all’ultimo, possiamo ritenerci soddisfatti del nostro risultato, un ottimo secondo posto. Con il vento forte di ieri, condizioni inusuali in Mediterraneo, avevamo poca velocità di bolina, abbiamo cercato di modificare il set-up ma non siamo abituati ad avere molta aria. La performance di oggi invece è stata ottima”.

La prima prova di oggi è partita con Maestrale sui 16 nodi, con flotta in gran parte sul lato favorito del campo, il sinistro: sesta vittoria parziale di Headcase con buon distacco dal resto della flotta. Secondi gli ungheresi di J.Bond e terzi i tedeschi di Hungriger Wolf, che chiudono il campionato al quinto posto. Nella seconda regata il Maestrale è calato sui 10 nodi aprendo più opzioni tattiche sul lato destro del percorso. La vittoria al photofinish è andata a La Superba che ha navigato l’ultimo lato in poppa in aria più pulita, arrivando sul traguardo assieme a Headcase, seconda e J.Bond, terza dopo aver dominato i primi tre lati della prova. Per la terza regata del giorno il vento è nuovamente risalito ed è stata vinta da uno dei migliori equipaggi locali, Vigne Surrau timonata da Aurelio Bini. Grazie a questa vittoria la barca del CN Arzachena chiude quarta assoluta e prima barca della flotta sarda nella classifica finale.

Il Campionato Europeo J/24 2024 è stato caratterizzato dai tratti tipici di questa storica classe: inclusività e fair play. Significativa la presenza femminile con moltissimi equipaggi misti, il J/24 si presta inoltre a tutte le età: il concorrente più giovane è stato Mattia Gelsi, 17 anni, su Furio & Fantaghirò mentre Massimo Mariotti, armatore di Avoltore e Presidente Onorario della Classe Italiana J/24, continua a regatare con grande entusiasmo a 86 anni. Significativo del fair play della Classe è stato il gesto del tedesco Vitesse: ieri, dopo una collisione per loro colpa che ha impedito al team australiano di proseguire nell’evento, gli hanno prestato la loro barca per competere oggi.

La premiazione, molto partecipata, si è svolta in Piazza Azzurra alla presenza di Giovanni Tamburi, Vice Presidente del Consiglio Direttivo YCCS, di Marco Santucci, Amministratore Delegato di Jaguar Land Rover Italia e Pietro Diamanti, Presidente della Classe Italiana J/24.

Edoardo Recchi, Segretario Generale e Direttore Sportivo dello YCCS: “Siamo lieti di aver nuovamente accolto a Porto Cervo la Classe J/24, l’ultimo Campionato Europeo si tenne qui nel 1989. L’atmosfera di questo evento è stata particolarmente piacevole, caratterizzata da uno spirito amichevole ma allo stesso tempo competitivo, tipico della Classe. A seguito della prima giornata in cui non si è potuto regatare, le varie condizioni meteo dei giorni successivi hanno consentito di portare a termine le 10 prove in programma. Vedere in mare la numerosa flotta di J/24 competere nello specchio d’acqua di fronte a Porto Cervo con Maestrale fino a 16 nodi e Scirocco oltre i 20 nodi di intensità è stato emozionante. Ci congratuliamo con il team irlandese Headcase per la vittoria e con tutti gli altri partecipanti per lo spirito sportivo. A nome dello YCCS ringrazio l’International J/24 Class Association e la Classe Italiana J/24 per aver collaborato nell’organizzazione di questo evento e il nostro partner Range Rover per il supporto come Title sponsor.

Pietro Diamanti, Presidente della Classe Italiana J/24: “Quando lo scorso anno ci era stato proposto di venire a Porto Cervo, abbiamo accettato con orgoglio. Sono contento dei quasi 50 partecipanti, raggiungere un numero così consistente infatti non è semplice. L’organizzazione dell’evento, sia a terra che a mare, è stata perfetta e ringrazio per questo lo Yacht Club Costa Smeralda.”

 


16/06/2024 20:24:00 © riproduzione riservata






I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Quebec Saint-Malo: naufragio (e salvataggio) per Alberto Riva e Acrobatica

L’equipaggio, composto da Alberto Riva, Jean Marre e Tommaso Stella, sta bene ed è al sicuro su una nave cargo che l’ha tratto in salvo

Quebec Saint Malò: Alberto Riva racconta il "botto" con il tanker Silver Ray

Resta da capire il perché della collisione che le pessime condizioni meteo giustificano solo in parte

Quebec Saint Malò: per Ambrogio non va "alla grande", lo scafo imbarca acqua

Regata finita anche per Ambrogio Beccaria che imbarca acqua nel suo Class 40 Alla Grande Pirelli

Quebec Saint Malò: Alberto Riva, Tommaso Stella e Jean Marre sbarcheranno alle Azzorre

La direzione di corsa della Quebec Saint Malò ha comunicato che la petroliera liberiana Silver Ray con a bordo i tre velisti soccorsi ieri in pieno Atlantico, farà scalo nelle isole Azzorre, per consentire lo sbarco

Quebec Saint Malò: Ambrogio Beccaria si ritira ufficialmente

Non è possibile proseguire senza rischi. I problemi strutturali della barca erano noti ed affrontati con una lunga manutenzione a Portland. Ora dovranno essere analizzati con attenzione perché la "potenza è nulla senza controllo" (Pirelli dixit)

Parte il 2 agosto la 26ma Carthago Dilecta Est

La Carthago Dilecta Est/Tunisie Sailing Week 2024, arrivata alla 26ma Edizione, è una delle più importanti Regate d'altura del Mediterraneo sia dal punto di vista velico sportivo che da quello mediatico

A Monfalcone la Optimist Gold Cup

La stagione di grandi eventi e regate firmate Yacht Club Monfalcone entra nel vivo con la quarta edizione della Gold Cup, la regata internazionale per la classe Optmist

Porto Cervo: Django vince la Coppa Europa Smeralda 888

Vince Django in rappresentanza del Royal Thames Yacht Club, seguito da Vamos Mi Amor e Canard a L’Orange dello Yacht Club de Monaco, rispettivamente secondo e terzo classificato

Quebec-Saint Malò: "highlander" Bona

Ibsa e Alberto Bona non hanno mollato, hanno recuperato 220 miglia in 6 giorni ed ora sono a sole 13 miglia dalla testa della corsa a 250 miglia dall'arrivo

Confindustria Nautica: il mercato globale cresce del +11% e raggiunge i 33 miliardi di euro

Il mercato globale della nautica continua a crescere e, nell’ultimo anno[1] disponibile, è arrivato a toccare quota 33 miliardi, di cui oltre 25 miliardi solo per i superyacht

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci