venerdí, 4 dicembre 2020


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

vendee globe    giancarlo pedote    cantieristica    aziende    windsurf    trofeo jules verne    sodeb'o    orc    vela    cambusa    fincantieri   

VENDEE GLOBE

Vendée Globe: Thomson si ferma per tentare la riparazione

vend 233 globe thomson si ferma per tentare la riparazione
redazione

Alex Thomson ha praticamente fermato il suo Imoca 60 Hugo Boss per poter effettuare le riparazioni necessarie ad una trave longitudinale posta a prua della sua barca.

E’ un’operazione assolutamente indispensabile  per poter proseguire in sicurezza, perché il prossimo appuntamento, dopo il Capo di Buona Speranza, sarà un difficilissimo mese tra Indiano e Pacifico.  Lo skipper britannico vorrà avere piena fiducia nelle riparazioni e quindi nella sua barca. Ma una dichiarazione rilasciata questa mattina dal suo Team conferma che Alex ha i materiali e i metodi per effettuare le riparazioni necessarie e mira a tornare in rotta il più presto possibile. 

 

"Alex ha ora messo la barca in una posizione sicura per gestire lo stato del mare in modo da ridurre i movimenti a bordo mentre effettua la riparazione. Ha a bordo tutti i materiali necessari, un piano dettagliato da seguire e un team di ingegneri di livello mondiale che lo consiglia. Siamo quindi fiduciosi - ha detto il direttore tecnico del Racing di Alex Thomson, Ross Daniel - nella sua capacità di completare la riparazione. Il nostro obiettivo è quello di effettuare la riparazione necessaria in modo rapido ed efficace, al fine di ridurre al minimo le miglia perse e riprendere la corsa".

"Supponendo che Alex impieghi 24 ore per effettuare una riparazione e ripartire - ha suggerito Yoann Richomme, vincitore dell'ultima Route du Rhum in Class40 - si ricongiungerà al gruppo degli inseguitori con Arkéa Paprec, Initiatives Cœur e PRB. Perderà un bel po', perché questo lo farà restare indietro di 1000 miglia a Capo di Buona Speranza. Ma ho guardato anche la storia della gara e ricordo che l'ultima volta ha doppiato Capo Horn 800 miglia dietro Armel Le Cléac'h e quindi non chiamerei il game over".

Parlando dell'ultima generazione di foiler veloci, Richomme, noto come tecnico meticoloso, ha spiegato: "Queste nuove barche sono davvero difficili da navigare, sono davvero difficili da progettare e sbattono contro le onde con molta potenza, cosa che molto probabilmente è successa ad Alex. Quello che sappiamo è che nell'ultima parte hanno tolto un po' il piede dal gas per preservare le barche per i Sud, e penso che lo faranno di nuovo. Dal punto di vista dello scenario che stiamo vedendo, hanno bisogno di preservare gli scafi. Quando queste barche hanno iniziato a decollare, sbattevano gli scafi un po' più a poppa, ma ora queste barche stanno sventando completamente, ed ora sono le prue a colpire le onde davanti, da 2-3 metri di altezza a volte, e l'impatto sulle prue è enorme. Sappiamo che molte barche viste alla partenza in Francia avevano rinforzi a prua. Abbiamo visto CORUM L'Epargne a settembre rimanere per due settimane con la prua in riparazione. Stanno scoprendo nuovi problemi e speriamo che abbiano coperto la maggior parte di essi". 

 

Oltre ad Alex, a due settimane dalla partenza da Les Sables d'Olonne ci sono state molte riparazioni, piccole e non così piccole, critiche e quasi casuali, che gli skipper hanno dovuto fare. Anche il leader, Thomas Ruyant (LinkedOut), ha dovuto scalare l'albero di 28 metri del sua IMOCA dopo che la sua drizza di riserva si è rotta. I due leader, LinkedOut e Apivia sono fianco a fianco a 10 miglia di distanza l'uno dall'altro e si lanciano in un match di strambate verso sud-est in direzione di una zona di aria instabile, descritta da Dalin come "la tana del topo" attraverso la quale devono passare per raggiungere l'Oceano del Sud e una veloce corsa verso est verso la longitudine del Capo di Buona Speranza.

 

Ora la flotta della Vendée Globe si estende per oltre 3000 miglia, Jérémie Beyou nel 32°, ha allungato il suo passo nel sud delle Canarie. Ascoltare gli skipper nelle chiamate quotidiane o leggere i messaggi inviati da bordo, qualunque sia l'età del battello o la sua posizione sulla scacchiera atlantica, porta ogni giorno la sua parte di problemi. Ieri Sébastien Simon, oggi un problema di lamina per Armel Tripon su L'Occitane e in settimana la riparazione alla randa del giapponese Kojiro Shiraishi. Grandi o piccoli i problemi sono presenti in tutta la flotta.

 

Armel Tripon, lo skipper de L'Occitane en Provence, riflette: "Le barche vogliono andare veloci, inseguono le loro velocità previste e sono costruite per questo e i team e gli architetti spingono continuamente per andare veloci. Ma ora tocca a ciascuno di noi navigare con la propria anima e la propria tranquillità".









I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Vendée Globe: falla a bordo per Escoffier, Jean Le Cam tenta di raggiungerlo

Kevin Escoffier, che si trovava al terzo posto nel Vendée Globe posizionato a circa 550 miglia nautiche a sud di Città del Capo, ha attivato il suo segnale di soccorso

FLASH - Jean Le Cam ha avvistato Escoffier e procede al recupero

La Direzione di corsa del Vendée Globe ha dirottato sul punto del Distress di Kevin Escoffier anche Boris Herrmann, Yannick Bestaven e Sébastien Simon

Vendée Globe: Pedote supera Sam Davies ed è 10°

Pedote:"Voglio solo continuare a cercare di fare le cose bene, preservare i materiali, cosa molto importante perché la barca è la mia sicurezza e la mia sorgente di velocità"

Vendée Globe: la calma è la virtù dei Pedote

Il nostro Giancarlo Pedote sta procedendo bene e senza scosse e guadagna posizioni. Ora è decimo a 646 miglia dal leader e viaggia spedito a più di 20 nodi

Trofeo Jules Verne: Coville vola, Cammas si ritira

Thomas Coville su Sodebo Ultim 3 continua la sua discesa dell'Atlantico del Nord in questo sabato mattina, scivolando a oltre 30 nodi mentre Franck Cammas sta rientrando a Lorient dopo aver urtato un UFO

Vendée Globe: problemi (risolti) per Giancarlo Pedote

La cima “furling line” che tiene il Code 0 ancorato alla barca si è rotta, la vela ha iniziato a sbattere ed era impossibile chiuderla

Vendée Globe: per Pedote nel mirino c'è Buona Speranza

Dopo tre settimane di regate e quasi il 25% delle 21.638 miglia previste dal Vendée Globe sulla scia, Giancarlo Pedote vede la longitudine di Buona Speranza incombere all'orizzonte

Vendée Globe: Yes HE Cam! Solo Jean poteva salvare Kevin

Non poteva cadere in mani migliori. Lo ha detto lo stesso Jean: « Il est tombé dans la bonne maison ! ». Yes we Cam…. ma solo lui poteva! Disegno della bravissima Manu Guiavarch per Jean Le Cam

Ecco la prima Italia Yachts 14.98 Bellissima

E' una vera easy sailing con molti accorgimenti utili per la navigazione da soli o in equipaggio ridotto: tra queste le 8 manovre rinviate in pozzetto permettono di regolare al meglio le vele e navigare sempre in tranquillità

Vendée Globe, Charlie Dalin:"Cerco il pedale del freno"

Ancora non confermato il passaggio di Kevin Escoffier su una fregata della marina francese, la Nivose, che potrebbe incontrare Yes We Cam vicino alla Crozet o alla Kerguelens

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci