giovedí, 18 settembre 2014


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

meteo    sb20    tp52    mondiali    press    solidarietà    nautica    rolex    regate    luna rossa    vele d'epoca    x-35    rolex swan cup    salone di genova   

LONDRA 2012

Londra 2012, ancora luce spenta per i nostri velisti

londra 2012 ancora luce spenta per nostri velisti
redazione

Vela, Londra 2012 - Cielo nuvoloso con qualche sprazzo di pioggia, vento da sud ovest a 14-17 nodi con punte di 22 in raffica e onda corta. Anche oggi corrente di direzione opposta al vento con intensità che tocca i 4,5 nodi. Domani previsti 22-26 nodi e mare formato.

49er (20 nazioni)

La prima prova dei 49er ha preso il via sul campo di regata Porland Harbour alle 12 ore locali per terminare mezzora dopo. Vento da 225 gradi a 13-18 nodi. I neozelandesi Burling-Tuke conducono fin dall’inizio aggiudicandosi la vittoria. Gli azzurri Giuseppe Angilella (CC Roggero di Lauria) e Gianfranco Sibello (SV Guardia di Finanza) hanno girato la prima boa in sedicesima posizione guadagnando terreno nel corso della regata e tagliando il traguardo al 13° posto.

La seconda prova del giorno ha avuto inizio alle 12.45 con vento che ha raggiunto i 20 nodi. Ottima prestazione per l’equipaggio azzurro che gira la prima boa di bolina in decima posizione. L’equipaggio britannico scuffia seguito poi da quello australiano. Gli azzurri Angilella-Sibello gestiscono bene il vento in aumento e tagliano il traguardo al 10° posto.

Dopo quattro prove Giuseppe Angilella – Gianfranco Sibello guadagnano una posizione e passano al 13° posto in classifica provvisoria con i parziali 14-11-11-13 e 48 punti. Primi gli australiani Outteridge-Jensen a 15 punti, secondi i kiwi Burling-Tuke (24 pt) e terzi i danesi Norregaard-Lang (26 pt). 

RS:X Femminile (26 nazioni)

La prima prova ha preso il via poco dopo le 14 ore locali con 16 nodi di vento da sud ovest. Buona la partenza di Alessandra Sensini (CC Aniene) che nel corso della prima bolina perde terreno e transita in boa al sedicesimo posto. Recupero dell’olimpionica nel primo lato di poppa che guadagna tre posizioni. In testa alla flotta per i primi due lati Marina Alabau (ESP), ma al termine della seconda bolina passa al comando Lee El-Korzits (ISR) che si aggiudica la prova. Alessandra Sensini recupera ancora una posizione e taglia il traguardo al 12° posto.

Vento leggermente in calo nella seconda prova della giornata. Alabau (ESP) si porta al comando della regata e allunga sulle avversarie. L’azzurra Sensini è settima alla boa di bolina per poi transitare al 6° posto a Mark 2 e tagliare il traguardo al nono posto.

Dopo due prove Alessandra Sensini (CC Aniene) è all’11° posto in classifica provvisoria con i parziali 12-9 e 21 punti. Prima la spagnola Marina Alabau a 3 punti, seconda El Korzits (ISR) a 4 punti e terza la polacca Noceti Klepacka a 7 punti.

Laser Radial (41 nazioni)

Vento tra 12-15 nodi per la partenza della prima prova del giorno per la classe Laser Radial. Partenza in sordina per l’azzurra Francesca Clapcich (CV Aeronautica Militare) che transita alla prima boa di bolina al trentesimo posto. Gran recupero poi nell’ultimo lato di poppa in cui la ventiquattrenne Clapcich recupera sette posizioni andando a tagliare il traguardo al 24° posto. 

La seconda prova è iniziata alle 14.10 con vento da 215 gradi a 15-16 nodi. Ottima prestazione di Francesca Clapcich che transita alla prima boa al 7° posto e mantiene la posizione fino al traguardo. Dominio incontrastato di Annalise Murphy (IRL) che vince la quarta prova consecutiva.

Dopo quattro prove l’azzurra Clapcich è al 16° posto in classifica provvisoria con i parziali 20-16-24-7 e 67 punti. Prima l’irlandese Murphy(4 punti) seconda la belga Evi Van Acker a 16 punti e terza Marit Bouwmeester (NED) a 18 pt.

Finn (24 nazioni)

Nella classe Finn la quinta prova olimpica ha preso il via alle 12 con 15-17 nodi. Fin dalle prime battute il danese Jonas Hoeg-Christensen prende il comando andando poi a vincere. Battaglia subito dietro tra Railey (USA) che chiuderà secondo. Trujillo (ESP) poi settimo, Ainslie (GBR) quarto sul traguardo e il finlandese Nirkko, terzo. In gran crescita l’azzurro Filippo Baldassari (SV Fiamme Gialle) al suo debutto olimpico, che gira la prima boa di bolina al 4° posto, a tre secondi da Ainslie. Nel corso della regata Baldassari perde posizioni andando comunque a tagliare il traguardo al 14° posto. 

La seconda prova del giorno si è svolta con vento più leggero a 12-14 nodi. Questa volta è l’estone Karpak a tagliare la linea di arrivo per primo con quasi un minuto di vantaggio su Christensen, secondo e Ainslie, terzo. Dopo aver girato la prima boa di bolina al diciottesimo posto, Baldassari è 21° sul traguardo.

Dopo sei prove e uno scarto Filippo Baldassari (SV Fiamme Gialle) è al 23° posto con i parziali 20-22-(24)-21-14-21 e 98 punti. Primo il danese Christensen con soli 7 pt, secondo il britannico Ben Ainslie a 17 e terzo il francese Lobert (23). Domani giorno di riposo per la classe Finn.

RS:X Maschile (38 nazioni)

Primo giorno di regata per il giovane azzurro Federico Esposito (Fiamme Oro) alla sua prima esperienza olimpica. Partenza alle 12 con vento stabile da sud ovest a 16 nodi e una leggera pioggia per i 38 atleti impegnati nella competizione. L’olandese Dorian Van Rijsselberge rimane al comando per l’intera prova. Secondo sul traguardo Miarczynski (POL) e terzo il tedesco Wilhelm. Il ventiseienne Esposito taglia il traguardo al 31° posto.

La seconda prova è iniziata alle 12.50 ore locali. Ancora una volta Dorian Van Rijsselberge (NED) si aggiudica la vittoria. Federico Esposito, dopo aver girato la prima boa di bolina al 27° posto, è 30° sul traguardo.

Dopo due prove, Federico Esposito è al 32° posto con i parziali 31-30 e 61 punti. Primo Dorian Van Rijsselberge (2 pt), secondo Miarczynski (POL) con 4, terzo il tedesco Wilhelm a 6 punti.

Laser Standard (49 nazioni)

Due le prove disputate anche dai Laser Standard. La prima regata è partita alle 14.00 con vento da 225 e con intensità di 16 nodi. Successo per Pavlos Kontides (CYP) che è sempre stato in testa fin sul traguardo. Seconda posizione per Tom Slingsby (AUS) che ha concluso a soli 5 secondi dal cipriota, leggermente più staccato Karl-Martin Rammo (EST) che ha concluso al terzo posto. Michele Regolo (SV Fiamme Gialle) è purtroppo rimasto nelle retrovie e ha finito in 46ª posizione.

Pronto riscatto del marchigiano nella seconda prova di giornata, corsa con vento di 15 nodi da 215. Regolo parte bene e resta nelle prime posizioni per tutta la gara, girando la terza boa al 3° posto. Da qui inizia a perdere qualche posizione fino a concludere con un ottimo 10° posto. Kontides (CYP) si aggiudica anche la seconda regata, conducendo dall'inizio alla fine. Dietro di lui Paul Goodison (GBR) e Simon Grotelueschen (GER).

Regolo recupera due posizioni in generale e ora è 32° con 122 punti (31-35-46-10). In testa Tom Slingsby (AUS) con 11 punti. Grazie ai due primi odierni, Pavlos Kontides (CYP) si insedia al secondo posto con 15 punti. Terzo posto per Rasmus Myrgren (SWE) a quota 25. 

Star (16 nazioni)

Nella classe Star, dopo sei prove con uno scarto, i britannici Iain Percy - Andrew Simpson mantengono la testa della classifica provvisoria con 10 punti ((11)-2-3-2-1-2), seguiti dai brasiliani Robert Scheidt-Bruno Prada a 14 punti (oggi 2-1) e al terzo dagli svedesi Fredrik Loof - Max Salminen con 17 punti. In questa classe non ci sono italiani in gara.

Il 2 agosto entreranno in scena Gabrio Zandonà e Pietro Zucchetti nel 470 maschile, mentre il giorno successivo, il 3, inizierà la competizione anche per Giulia Conti e Giovanna Micol nel 470 femminile.

 


31/07/2012 21.34.00 © riproduzione riservata







I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Iniziati a Santander i Campionati Mondiali delle Classi Olimpiche

Sono iniziati a Santander i Mondiali delle Classi Olimpiche con le prime regate delle classi Laser Standard e Laser Radial. Tra gli italiani, subito in evidenza Giovanni Coccoluto (Standard), che si aggiudica la prima prova del giorno

Francesco Palazzo vince il Campionato Nazionale Match Race U19

Finale combattuta fino all’ultimo metro con Matteo Pincherle che coglie il secondo posto

Porto Cervo: finalmente il vento fa volare gli Swan

Sta entrando nel vivo la diciottesima edizione della Rolex Swan Cup & Swan 45 World Championship, la manifestazione biennale organizzata dallo Yacht Club Costa Smeralda in collaborazione con Rolex

L'allenamento in mare: 10ma puntata di Sea You con Giancarlo Pedote

L’importanza dell’allenamento per un velista solitario e come allenarsi bene in mare. Questo il tema della decima puntata di Sea You di Giancarlo Pedote

Rolex Big Boat Series: è subito Enfant Terrible vs Plenty

La classifica provvisoria vede Plenty al comando con tre punti di margine sul team di Alberto Rossi, che ha confermato di possedere ottimi spunti prestazionali e notevoli capacità manovriere - ph. ZGN

La quarta giornata dei Mondiali Classi Olimpiche

Il vento leggero continua a condizionare l’andamento dei Campionati Mondiali delle Classi Olimpiche di Santander: oggi niente regate per tutte le classi, ad eccezione di una delle due flotte dei 49er, che riesce a portare a termine due prove - ph. Taccola

Alitalia e Travelport firmano accordo di Full Content

Travelport, società che fornisce soluzioni distributive, tecnologiche, di pagamento e altre soluzioni all’industria dei viaggi e del turismo annuncia il rinnovo del suo accordo di Full Content con Alitalia

VOR: domani la Leg Zero

Le sette barche partecipanti alla Volvo Ocean Race partiranno domani per la cosiddetta Leg Zero, un importante test, ma non valido ai fini della classifica, per mettere a punto le procedure di emergenza - ph. Rick Tomlinson

Rolex Swan Cup: il maestrale mette tutti a riposo

Il Comitato di Regata della Rolex Swan Cup & Swan 45 World Championship , dopo una lunga attesa, è stato costretto ad arrendersi agli oltre 30 nodi di maestrale e ad annullare le prove di oggi - ©Rolex/Carlo Borlenghi

Gran finale alla Rolex Swan Cup

Esultano tra gli Swan 60 e gli Swan Maxi rispettivamente Wohpe e Nikata, Yasha è il più forte tra i Grand Prix, mentre Finola festeggia la vittoria sui Classic - ph. Carlo Borlenghi