mercoledí, 25 novembre 2020


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

cambusa    fincantieri    windsurf    vendee globe    press    aziende    ambiente    giancarlo pedote    solidarietà    manifestazioni    emirates team new zealand    j24    america's cup   

FIV

Garda: conclusi gli Italiani giovanili singoli Optimist e Windsurf

garda conclusi gli italiani giovanili singoli optimist windsurf
Redazione

Conclusi dopo quattro giorni i due Campionati Italiani Giovanili Singoli FIV supportati da Kinder Joy of Moving per le classi Optimist (149 concorrenti) a Malcesine e windsurf Techno 293 (140 concorrenti) a Torbole. L'ultima giornata si è rivelata complicatissima dal punto di vista meteo: pioggia battente al primo mattino, poi sole, vento da nord leggero, vento da sud salito sufficientemente per tentare qualche partenza verso le ore 12:00, ancora sole e infine solamente a Torbole, sul Garda Trentino, per i Techno 293 ospiti al Circolo Surf Torbole e per le categorie U17 e U19 si è riusciti a portare a termine una sola prova, portando così a sei le regate delle tavole.

Presenti sul Garda anche il Presidente FIV Francesco Ettorre e il consigliere federale Pietro Secondo Sanna, responsabile dell'attività agonistica nazionale.

 

Per gli Optimist a Malcesine, presso la Fraglia Vela Malcesine, per il terzo giorno consecutivo non si è riusciti a concludere alcuna prova, almeno la quarta, che avrebbe permesso di applicare lo scarto. Sembrava ormai cosa fatta per la flotta blu e in parte per la gialla rallentata da molte squalifiche con "bandiera nera” in partenza (procedura più severa per limitare il taglio della linea in anticipo, ndr), ma un temporale arrivato con una certa rapidità e violenza ha costretto verso le 15:00 a interrompere la regata, mandando per motivi di sicurezza tutti a terra. Un ennesimo nulla di fatto che ha lasciato naturalmente un po’ di delusione, nonostante i tantissimi tentativi di proseguire con il programma di gare.

 

Questa volta la pazienza e la prontezza del Comitato di regata di cogliere ogni raffica di vento non è stata certamente premiata: si è tentato il tutto per tutto in ogni condizione di tempo, ma senza successo: sono rimaste quindi le prime tre regate disputate il primissimo giorno a decretare i Campioni Italiani Giovanili Optimist.

 

Alessandra Sensini, direttore tecnico giovanile: “Sono contenta dei numeri dei partecipanti avuti in questi Campionati Italiani; lo sport della vela ha risposto molto bene in questa stagione nonostante la situazione Covid; già si era visto come le scuole vela durante l’estate avevano avuto un’importante crescita numerica. Sia la Federazione che le Società hanno lavorato sodo per superare l’emergenza. Come settore giovanile dopo il lockdown abbiamo ripreso l’attività, girando con lo staff tecnico su tutto il territorio italiano e visionando più di 300 atleti; un lavoro che sta portando un riscontro tangibile sull’attività agonistica nazionale, come dimostrato in questo Campionato. Per la Federazione Italiana Vela è una preziosa occasione per conoscere i ragazzi in attività, che insieme ai loro coach e alle società sportive partecipano con impegno ed entusiasmo a questi eventi a loro dedicati”.

 

OPTIMIST - FRAGLIA VELA MALCESINE

Campionato un po’ sfortunato per gli Optimist, che a Malcesine sono riusciti a regatare regolarmente solo il primo giorno. Il maltempo ha poi messo i bastoni tra le ruote alla manifestazione, che non ha mai trovato le condizioni giuste per regatare e soprattutto finire almeno un’altra regata, la quarta. Il genovese classe 2007 Alessio Cindolo (Yacht Club Italiano) è il nuovo Campione Italiano Optimist grazie alla sua ottima prima giornata (4-2-6), che lo ha portato in testa con 4 punti di vantaggio sul secondo classificato finale Giuseppe Montesano (Sirena Club Nautico Triestino, 6-4-6). Terzo gradino del podio al campione europeo e mondiale team race Alex Demurtas (Fraglia Vela Riva). Rebecca Geiger (CV Muggia) ha vinto il titolo femminile, con un buon quinto posto assoluto; secondo gradino del podio alla triestina Lisa Vucetti (SV Barcola Grignano, vice-campionessa europea individuale e campionessa europea a squadre) e terzo alla palermitana Silvia Adorni (CC Roggero di Lauria). 

 

Queste le note del tecnico Optimist Marcello Meringolo: “Va in archivio un campionato molto difficile, danneggiato da un maltempo che ci ha perseguitato. Le tre prove disputate hanno reso valido comunque questo evento. Ha vinto chi ha sbagliato meno e questo fa parte dello sport. Un grazie agli organizzatori della Fraglia Vela Malcesine per quanto hanno fatto in queste giornate, dimostrando un grande attaccamento alla classe, così come il nostro grazie va al CDR, CDP e Comitato Tecnico. Dopo un giorno di pausa, avremo la Coppa Primavela per i più piccoli. Per l’europeo che si terrà in Slovenia, dal 18 al 25 ottobre staccano il biglietto Alessio Cindolo, Giuseppe Montesano, Alex Demurtas, Adriano Cardi, Rebecca Geiger, Lisa Vucetti, Silvia Adorni e i campioni uscenti Alessandro Cortese e Federica Contardi.”

 

TECHNO 293 - CIRCOLO SURF TORBOLE

La manifestazione organizzata dal Circolo Surf Torbole si è conclusa con 6 regate e condizioni di vento vario, dai 10 ai 16-18 nodi. La partecipazione è stata molto alta con 140 atleti presenti da tutte le Zone FIV d’Italia, dimostrando la vivacità della classe giovanile Techno 293, che ha segnato a Torbole un nuovo record di partecipanti per il Campionato Italiano.

 

Under 13

Mathias Bortolotti (Circolo Surf Torbole) e Alice Evangelisti (LNI Civitavecchia) sono i nuovi campioni italiani under 13 Techno 293; meritata vittoria del campioncino di casa, che con tre primi ha lasciato 7 punti alla seconda classificata assoluta, prima femmina; per Alice, sorella dell’atleta azzurro Matteo, si tratta di una conferma dato che lo scorso anno a Reggio Calabria si è aggiudicata la Coppa del Presidente FIV, la più importante manifestazione riservata agli undicenni e l0’anno prima la Coppa Primavela, primissimo appuntamento agonistico della vela nazionale. Terzo posto assoluto e secondo maschio Elia Rossi (Fraglia Vela Malcesine), terzo Pierluigi Caproni (Windsurfing Club Cagliari). Per quanto riguarda le femmine, alle spalle dell’Evangelisti secondo posto per Irene Amendola (Tognazzi Marine Village) e terzo di Marta Valente (WC Taranto).

 

Under 15

Giulio Orlandi (SEF Stamura) e Anna Polettini (Circolo Surf Torbole) campioni italiani under 15 Techno 293. Tiberio Riccini (CS Bracciano) e Andrea Milea Letterio (LNI Civitavecchia) si sono piazzati rispettivamente al secondo e terzo gradino del podio maschile, mentre la caldarese (Bolzano) Oprandi e la laziale Giulia Vitali (LNI Civitavecchia) completano il podio femminile. da notare che le ragazze si sono piazzate nella classifica assoluta una accanto all’altra con il nono, decimo e undecimo posto sui 52 regatanti di categoria.

 

Under 17

Doppietta del Windsurfing Club Cagliari nella categoria Under 17 con il titolo italiano conquistato da Federico Pilloni e Angelina Medde. Tra i maschi secondo posto con 9 punti di distacco di Alessandro Graciotti, già vincitore da giovanissimo alla Coppa del Presidente, manifestazione che si svolgerà sempre a Torbole la settimana prossima. Terzo gradino del podio ancora ad un cagliaritano, Alessandro Melis. Tra le femmine alle spalle della Medde, ad 1 solo punto, Sara Galati (CN Loano), terza Aurora Asturi (Nauticlub Castelfusano).

 

Techno 293 Plus-Under 17

Ancora Sardegna tra i più grandi del Plus con Dennis Porcu del Club Nautico Arzachena che con il secondo parziale della sesta ed ultima regata ha mantenuto la testa della classifica aggiudicandosi il titolo tricolore under 19/Techno Plus. Porcu ha lasciato 3 punti a Luca Filippo Pascali (CS Bracciano) e 6 al terzo classificato, il genovese Luca Franchi (Yacht Club Italiano).

 

Tra le femmine la reginetta di casa Sofia Renna (CS Torbole) - figlia d’arte e sorella dell’argento olimpico giovanile Nicolò - ha vinto davanti a Matilde Faccio (CN Loano), protagonista di una vittoria assoluta nell’ultima prova e finita sul secondo gradino del podio per un solo punto. A ruota (anche nella classifica generale) l’altra ligure Marta Monge (CN del Finale), terza e sesta assoluta.

 

KINDER JOY OF MOVING E LA VELA GIOVANILE

Kinder e la gioia di essere bambini - Kinder ha sempre avuto come obiettivo quello di offrire ai bambini e alle famiglie dei piccoli, importanti momenti di gioia, pensati proprio per loro. Non tutti sanno però che da anni Kinder si impegna nel perseguire anche un altro obiettivo, molto importante per la gioia dei bambini: incentivare la loro predisposizione naturale a muoversi e a giocare.

Kinder e la gioia di muoversi - Per questo è nato Kinder Joy of moving: un progetto internazionale di Responsabilità Sociale del Gruppo Ferrero. Il progetto coinvolge oggi più di 4 milioni di bambini, in oltre 30 Paesi del mondo ed è in grado di avvicinare all’attività motoria bambini e famiglie in modo coinvolgente e gioioso, nella convinzione che un’attitudine positiva nei confronti del movimento e dello sport possa rendere i bambini di oggi adulti migliori domani.

 

LA FESTA CONTINUA...

Il grande settembre della vela giovanile e olimpica targata FIV continua nei prossimi giorni: da lunedi a mercoledi a Passignano sul Trasimeno l'Italiano del doppio L'Equipe con oltre 30 barche al via. Negli stessi giorni al Circolo Surf Torbole toccherà ai più giovani del windsurf Techno 293 per la Coppa del Presidente.

Quindi da martedi 1 a giovedi 3 settembre torna un grande classico, la Coppa Primavela, affiancata dalla Coppa Cadetti e Coppa del Presidente, ancora per le classi Optimist e tavole Techno 293, ma per i giovanissimi, divisi tra Fraglia Vela Riva, Circolo Vela Arco e Circolo Surf Torbole, dove sono attesi in circa 300 veliste e velisti tra 9 e 13 anni.

Negli stessi giorni a Torvaianica, sul litorale di Roma, il Campionato Italiano del singolo O'pen Skiff Under 17 e relativa Coppa del Presidente (originariamente tutti questi eventi erano racchiusi in unica data e località, ma con la riprogrammazione seguita alla pandemia sono stati separati.

Nella seconda parte della settimana ci saranno anche i Campionati Italiani Doppi per i catamarani Hobie Cat 16 spi e Dragoon a Pescara (CN Svagamente), e per la classe RS Feva a Punta Ala (YCPA).


30/08/2020 21:33:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Vendée Globe: ancora non chiari i problemi di Hugo Boss; acqua a bordo (risolta) per Pedote

Hugo Boss procede lentamente e gli ingegneri sperano di poter riparare il danno in corsa. Per Pedote un'infiltrazione d'acqua dovuta ad una trappa del ballast

America's Cup: New Zealand presenta in nuovo AC75 "Te Rehutai"

Sarà lo scafo che scenderà in acqua per difendere l'America's Cup. Il nome scelto come sempre dall'Associazione per la cultura maori Ngāti Whātua Ōrākei

Vendée Globe: in serata Equatore per Pedote

Giancarlo sta finalmente navigando negli Alisei, dirigendosi ad alta velocità verso l'Equatore grazie ad una situazione metereologica molto particolare: una zona di convergenza intertropicale quasi inesistente

Vendée Globe: Thomson si ferma per tentare la riparazione

Guai grandi e piccoli per tutta la flotta. Anche il leader, Thomas Ruyant è dovuto salire in testa d'albero

America's Cup: primi bordi per New Zealand

Bene le prime prove in acqua, la barca vola e il Team è molto soddisfatto

Vendèe Globe: match race tra Dalin e Ruyant verso l'Indiano

Per Pedote un 13° posto nel gruppo degli inseguitori. Un controllo alla barca rivela che è assolutamente pronta per il Grande Sud (foto on board Prysmian Group)

Vendée Globe: Thomson conquista l'Equatore, ma Ruyant incalza a 7 miglia

L’aggiornamento di questa mattina ci regala un duello serrato con gli immediati inseguitori, perché Thomas Ruyant è a sole 7.8 miglia da Alex Thomson e Charlie Dalin a 36.1 miglia (alle ore 10:30)

Il Vendée Globe e i suoi piccoli amici

Alex Thomson è sempre in testa e Jean Le Cam scivola in 4a posizione. A bordo con i solitari anche tanti piccoli amici che impareremo a conoscere

Europeo Windsurf RS:X a Vilamoura (POR)

Cinque azzurri presenti, tre uomini e due donne. Mattia Camboni, Daniele Benedetti e Carlo Ciabatti nella flotta maschile.Marta Maggetti e Giorgia Speciale in quella femminile

Yahia, il ragazzo che non sapeva nuotare: fuggito su un barcone ora è uno skipper

Yahia è nato in Niger, paese desertico senza sbocchi sul mare e tra i più poveri del pianeta, dove ha perso tutti i familiari e da dove è scappato imbarcandosi in Libia su un mezzo di fortuna

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci