domenica, 14 luglio 2024


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

quebec saint malo    regate    optimist    carthago dilecta est    pesca    ambiente    wwf    reale yacht club canottieri savoia    rs21    swan    melges 32    rs aero   

J24

Europeo J24: il meteo di Porto Cervo dà il meglio di se

europeo j24 il meteo di porto cervo 224 il meglio di
redazione

La giornata odierna è stata proficua per la flotta dei quasi 50 J/24 impegnati nel Campionato Europeo nelle acque antistanti Porto Cervo dove si sono svolte ben 4 prove, recuperando così lo stop imposto ieri dal forte vento di Maestrale e garantendo al tempo stesso il numero minimo di prove svolte per rendere valido il campionato.

 

La manifestazione è organizzata dallo Yacht Club Costa Smeralda con l’International J24 Class Association, l’Associazione Italiana Classe J/24 e il supporto del Title sponsor Range Rover.

 

Cielo limpido, sole, l’Isola di Caprera sullo sfondo e un vento di Maestrale ben più maneggevole rispetto a ieri, tra i 16 e i 12 nodi in rotazione verso nord, sono gli elementi che rendono la Costa Smeralda un luogo ideale dove regatare e che, oggi, hanno consentito di svolgere le prime quattro prove, combattute e divertenti. Quando le condizioni meteo sono perfette come quelle odierne, prima ancora dell’aspetto sportivo, è uno spettacolo la vista di una flotta così numerosa che naviga compatta, con ingaggi ai giri di boa e arrivi al photofinish.

In caso di Maestrale, il lato sinistro del campo di regata, quello verso la costa, è generalmente favorito anche quando la pressione del vento può sembrare migliore sulla parte destra del campo e così è stato nella prima prova. Nelle successive, per via della rotazione e del calo del vento, le opzioni tattiche sono rimaste più aperte, favorendo in generale chi partiva più centrale sulla linea.

 

La vittoria nella prima prova è stata appannaggio dell’ungherese J.Bond timonato da Baladz Tomai, un equipaggio Corinthian che ha dimostrato la maggiore regolarità di piazzamenti: 1-4-7-6, l’unico a non andare in doppia cifra. Contrariamente a quanto si possa pensare, la loro prova migliore non è stata la prima, bensì quella finale, caratterizzata da un ottimo recupero dopo una partenza difficile sul pin, che li ha obbligati a rientrare dal lato del controstarter sulla linea e ripartire per ultimi.

 

Baladsz Tomai, timoniere di J.Bond: “Le condizioni meteo oggi sono state impegnative ma fantastiche, il programma era di completare quattro prove ed è stato pienamente rispettato. Grazie alle buone partenze, siamo riusciti a mantenere un’ottima media di risultati. Solamente nell’ultima prova non siamo partiti bene, ma siamo riusciti a recuperare durante il corso della regata cercando di navigare il più possibile in aria libera”.

L’irlandese Headcase, campione europeo in carica con Cillian Dixon al timone, si è messo in evidenza con due primi e un terzo posto. Sembrava saldamente al comando ma nell’ultima prova di giornata una brutta partenza e una navigazione “schiacciata” nel gruppo li ha relegati in 14^ posizione, risultato che li pone al secondo posto della classifica provvisoria a un solo punto da J.Bond. Da segnalare la vittoria nella seconda prova, ottenuta all’ultima strambata a pochi metri dal traguardo a spese dell’italiana Jamaica di Pietro Diamanti, presidente della flotta italiana e quarta in classifica generale. Dalla conclusione della quinta prova entrerà la possibilità di scartare il peggior risultato, per cui la classifica è ancora molto aperta. 

 

Cillian Dixon, timoniere di Headcase: “È stata una bellissima giornata con condizioni meteo fantastiche. Il Comitato di Regata ha fatto un ottimo lavoro permettendoci di recuperare le prove che non si sono potute disputare ieri a causa del vento troppo forte. Oggi abbiamo vinto due prove, la prima è stata combattuta: tutto si è deciso nell’ultima strambata nel lato di poppa. La seconda regata è stata semplicemente perfetta, siamo partiti bene sul lato destro riuscendo a rimanere davanti alla flotta per tutta la durata della prova. L’ultima regata si è rivelata complicata, la flotta è molto competitiva e se non si parte fin da subito bene è difficile poi recuperare. Ad ogni modo siamo felici della posizione in cui ci troviamo al momento, c’è molta intesa nel nostro team e oggi ci siamo impegnati tantissimo. Ci aspettano ancora tante prove, daremo il meglio.”

Terzo posto provvisorio a soli due punti dalla vetta per La Superba, imbarcazione della Marina Militare, vicecampione mondiale in carica, timonata da Ignazio Bonanno con Gabrio Zandonà alla tattica. Dopo una prima prova che ha visto La Superba impegnata a recuperare posizioni e concludere dodicesima, le successive sono state decisamente consistenti: 3-2-3.

 

Come oggi, anche domani la flotta dei J/24 si ritroverà in mare con orario per la prima partenza anticipato alle ore 10. Le previsioni indicano vento tra i 10 e i 15 nodi dai quadranti sudorientali.

 


14/06/2024 19:07:00 © riproduzione riservata






I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Quebec Saint-Malo: naufragio (e salvataggio) per Alberto Riva e Acrobatica

L’equipaggio, composto da Alberto Riva, Jean Marre e Tommaso Stella, sta bene ed è al sicuro su una nave cargo che l’ha tratto in salvo

“Route to Barcelona”: Silvestri e Paliotto (RYCC Savoia) staccano il pass per assistere alla UniCredit Youth America’s Cup

Si è svolta venerdì scorso, 5 luglio, la terza delle sette regate previste dall’iniziativa promossa da UniCredit “Route to Barcelona”

Quebec Saint Malò: per Ambrogio non va "alla grande", lo scafo imbarca acqua

Regata finita anche per Ambrogio Beccaria che imbarca acqua nel suo Class 40 Alla Grande Pirelli

Quebec Saint Malò: Alberto Riva, Tommaso Stella e Jean Marre sbarcheranno alle Azzorre

La direzione di corsa della Quebec Saint Malò ha comunicato che la petroliera liberiana Silver Ray con a bordo i tre velisti soccorsi ieri in pieno Atlantico, farà scalo nelle isole Azzorre, per consentire lo sbarco

L'87% del Mar Mediterraneo è inquinato!

Con 1,9 milioni di frammenti per mq presenta la più alta concentrazione di microplastiche mai misurata nelle profondità. L’inquinamento idrico provoca 1,4 milioni di morti premature al mondo ogni anno

Moscioli in pericolo: Slow Food decide il fermo pesca

Innalzamento temperature marine: dovremo dire addio al saporito Mosciolo selvatico di Portonovo?

Prima Tappa Club Swan 42 a Valencia per il Trofeo SM La Reina

Nei Club Swan 42 vince Nadir di Pedro Vaquer, mentre il podio è tutto Swan negli ORC 1

Quebec Saint Malò: Alberto Riva racconta il "botto" con il tanker Silver Ray

Resta da capire il perché della collisione che le pessime condizioni meteo giustificano solo in parte

Melges 32: al Grand Prix di Riva del Garda la vittoria va al tedesco Wilma

Wilma con Nico Celon alla tattica ottiene la vittoria dopo un duello punto a punto con il Campione del Mondo in carica, l’italiano Enfant Terrible di Alberto Rossi affiancato da Vasco Vascotto alle chiamate tattiche

Ramazzotti e Vincis vincono la 4^ regata Nazionale RS Aero alla Calasetta Sail Week

Francesca Ramazzotti e FIlippo Vincis vincono la regata Nazionale RS Aero di Calasetta nelle classi RS Aero 5 e RS Aero 6. Enrico Loi e Alice Sussarello vincono rispettivamente le categorie Under 17 e Under 22

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci