mercoledí, 12 dicembre 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

premi    seatec    recordate    star    sydney hobart    regate    protezione civile    circoli velici    golden globe race    america's cup    formazione    turismo    crociere    j24    press    campionati invernali    attualità    match race   

VELA

Zeeland torna a Cala de’ Medici dopo due anni in giro per il mondo

zeeland torna cala de 8217 medici dopo due anni in giro per il mondo
Redazione

Rosignano, 1 agosto 2018 – Dopo essere partita dal Cala de’ Medici 24 mesi fa, Zeeland, un Hallberg Rassy di 13,5 metri prodotto in Svezia, è approdata questo sabato al Porto turistico di Rosignano di ritorno dalla World ARC, dopo aver percorso ben 45.000 miglia nautiche. In particolare, Edwin Zonlight e sua moglie Bianca Grillenzoni, Soci del Cala de’ Medici, oltre a compiere la World ARC, hanno fatto anche la classica ARC (Atlantico in andata) e la ARC Europe (Atlantico in ritorno). La World ARC rappresenta il viaggio di una vita. Si tratta di una circumnavigazione ininterrotta, il cosiddetto “rally”, ovvero crociera sociale, attraversamento degli oceani fra amici, che segue il percorso dei trade winds, ovvero dei venti di superficie orientali che si trovano nei tropici, evitando le regioni afflitte da instabilità politica e pirateria, nonché le stagioni delle piogge in entrambi gli emisferi. Si tratta di un viaggio aperto a tutti: famiglie con bambini, pensionati o chiunque desideri prendersi un “anno sabbatico”. L’organizzatore, il World Cruising Club, organizza eventi di vela oceanica in tutto il mondo dal 1986. I raduni sono ideati per la barca da crociera e l'equipaggio “medi” ed hanno lo scopo di aiutare le persone a realizzare il loro sogno di fare un lungo viaggio in mare aperto. A spingere Edwin e Bianca a compiere questo viaggio è stata innanzitutto “la curiosità, la voglia di conoscere posti e genti diverse”, ci raccontano l’armatore di Zeeland e sua moglie. “Edwin per lavoro ha visitato un po’ tutto il mondo; io, appartenente a quella generazione che negli anni ‘60/’70 con sacco a pelo e zaino, in autostop, girava il mondo, ho visitato in questo modo un po’ di estremo oriente e di America Latina. Così, quando intorno al 2000 abbiamo acquistato la nostra prima barca a vela, era quasi ovvio che sarebbe diventata in seguito il mezzo col quale continuare a viaggiare”. Alla domanda se si è trattato di un’impresa ardua, la coppia risponde che “sicuramente il giro del mondo in barca a vela non è una passeggiata, a partire dalla preparazione della barca. C’è stato bisogno prima di tutto di comprare una barca nuova, più idonea ad affrontare in sicurezza gli oceani. Poi l’abbiamo dotata degli strumenti ritenuti quasi indispensabili al giorno d’oggi (generatore, pannelli solari, eolico, radio ssb, desalinizzatore, ecc.). E a questo punto il rischio è quello di non finire mai e di rimandare all’infinito la partenza. Ma l’età incombeva (siamo in pensione entrambi) e così il 1 agosto del 2016 siamo partiti dal Cala de’ Medici per il giro del mondo!”, proseguono Edwin e Bianca. “Non siamo provetti ed esperti navigatori. Edwin, da olandese qual è, fin da piccolo navigava a vela nei laghi olandesi strappati al mare; io nessuna esperienza. Dopo corsi di vela e patenti nautiche, abbiamo cominciato davvero a navigare soltanto nel 2000. Siamo consapevoli di essere dei dilettanti, ma abbiamo sempre pensato che il mare ci avrebbe ‘insegnato come prenderlo’. E a dire il vero tutti gli oceani, compreso il più temuto, l’Oceano Indiano), sono stati clementi con noi! Quest’esperienza ci ha lasciato una gran voglia di rivedere quei visi splendidi, sorridenti e solari che in ognuno degli arcipelaghi del Pacifico ci hanno accolto con grande ospitalità e generosità, dalle Isole Marchesi della Polinesia a quelle di Vanuatu, ma anche la voglia di visitare in modo più approfondito quegli arcipelaghi del Pacifico dei quali abbiamo potuto vedere soltanto poche isole e quella di visitare, infine, gli altri arcipelaghi che non abbiamo potuto vedere”, conclude la coppia.


01/08/2018 16:59:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Golden Globe Race: tratta in salvo Susie Goodall

Susie Goodall è stata finalmente recuperata 2.000 miglia a ovest di Capo Horn dall'equipaggio della nave cargo registrata a Hong Kong MV Tian

Lazio e Campania: allerta meteo sulle zone costiere per domenica 9 dicembre

Previsti anche venti di burrasca nord-occidentali, con raffiche fino a tempesta, sulla Sardegna in estensione a Sicilia e Calabria

Circolo Vela Gargnano: il bilancio del 2018

Gorla e Centomiglia, il ritorno della classe Star, i successi delle squadre giovanili, l'alternanza scuola lavoro, le Università di Brescia e Padova. Il prossimo anno si annuncia un Settembre a tutta vela con le classi Olimpiche e gli equipaggi azzurri

America's Cup: c'è anche Malta con una sfida molto italiana

Il Team Principal dell'Altus Challenge di Malta è Pasquale Cataldi, un uomo d'affari italiano nato a Malta, fondatore e CEO della multinazionale del settore immobiliare e dello sviluppo, Altus

Ambrogio Beccaria e Geomag campioni di Francia!

Primo italiano a vincere il Campionato francese in solitario in classe serie (Championnat de France Promotion Course au Large), Ambrogio Beccaria, 27 anni, l’8 dicembre scorso Beccaria ha ricevuto la medaglia d’oro presso il Nautic de Paris

Sydney/Hobart: sarà ancora lotta tra Comanche e Wild Oats XI

Il record è di LDV Comanche, che lo scorso anno ha impiegato 1 giorno, 9 ore, 15 minuti e 24 secondi per coprire le 628 miglia del percorso

Invernale di Anzio: Calipso Enway e La Superba continuano a dominare

Domenica 2 dicembre il golfo di Anzio e Nettuno ha regalato un’altra splendida giornata per la 44° edizione del Campionato Invernale, consentendo di disputare la quarta prova per le classi Altura e ben tre prove per i J24

My Fin vince per il terzo anno il Trofeo Città di Viareggio

I portacolori del Club Nautico Versilia Bresci e Galeassi fanno poker di vittorie di giornata e si aggiudicano anche dell’edizione 2018

Fincantieri: varata a Marghera Carnival Panorama

È stata varata oggi nello stabilimento Fincantieri di Marghera, “Carnival Panorama”, nuova nave destinata a Carnival Cruise Line, brand del gruppo statunitense Carnival Corporation & plc, primo operatore al mondo del settore crocieristico

J24: a Four K la prima manche dell’lnvernale di Cervia

Stefano Leporati con il suo J24 Ita 500 Four K vince la prima manche dell’lnvernale Monotipi di Cervia

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci