martedí, 26 marzo 2019

NAUTICA

Wider 165 progetto “Cecilia”

wider 165 progetto 8220 cecilia 8221
redazione

Dall’inizio dell’anno il cantiere ha registrato importanti progressi a bordo del superyacht WIDER 165 progetto “Cecilia”. La data del varo si sta avvicinando e i riflettori sono puntati sull’installazione e sui test dei sistemi tecnici affinché il tempo di messa a punto pre-consegna sia ridotto al mimino.
Grazie al WIDER 150 M/Y Bartali, consegnato all’armatore lo scorso Giugno, si è imparato molto e ciò ha permesso che il Power Management System sia stato installato con il software operativo versione 3.0, più recente e aggiornata. Durante lo scorso mese i pod azimutali con eliche controrotanti – che offrono enormi vantaggi a dispetto dei motori tradizionali ed in particolare nella riduzione dei livelli di rumorosità e vibrazioni – sono stati montati insieme ai motori elettrici.
Gli stabilizzatori elettrici zero speed forniti da Naiad – stesso modello installato con successo sul WIDER 150 – assicurano stabilità in ogni condizione e sono già stati testati. Le foto scattate a inizio Febbraio mostrano come il ponte di comando stia prendendo forma con quasi tutta l’elettronica di bordo al suo posto; mancano soltanto gli schermi touch screen che controlleranno e monitoreranno tutta la nave.
“Tantissimo lavoro che è stato completato in questi ultimi mesi è in realtà stato fatto dietro le quinte, ad esempio le installazioni nelle varie aree tecniche così come il sistema A/V delle zone ospiti. Questo è davvero importante e significa che tutti gli sforzi ora possono essere concentrati sulla realizzazione delle finiture di alta qualità per l'allestimento interno e sulla fase finale del processo di verniciatura”, commenta Stefano Talamonti, Chief Operations Officer di WIDER.
Sebbene l'attenzione si sia concentrata altrove, ci sono stati significativi progressi nel livello di completamento delle aree esterne: nel sundeck è stata completata la stesura del top coat ed è stato montato il corrimano in vetro così come sul ponte superiore. Il rivestimento in teak è stato montato in tutte le aree e riceverà la levigatura finale appena prima del varo.
Per quanto riguarda gli interni, ci sono stati progressi degni di nota sul montaggio mobili di tutti i ponti, sia nelle aree ospiti che in quelle dell'equipaggio. Anche se richiede ancora un po’ di immaginazione per comprenderne appieno la bellezza, l'eleganza del design italiano di IdeaeItalia sta iniziando a risplendere (qui per maggiori dettagli).
“Tutti noi in cantiere siamo consapevoli degli elevati standard e dei numerosi premi vinti dal WIDER 150... ora lo standard da raggiungere è molto alto ma abbiamo tutte le intenzioni di superarlo. Con un design interno completamente diverso e modifiche al layout, sono fiducioso che ‘Cecilia’ avrà ancora più successo e dimostrerà la versatilità del cantiere WIDER”, afferma Jeremy Roche, Direttore Sales & Marketing.
Il WIDER 165 progetto ‘Cecilia’ è in vendita a 30m di euro ed il varo è previsto per la primavera 2018 con consegna finale per l’estate.


WIDER 165 - PANORAMICA 

Costruito interamente in alluminio, l’elegante profilo del WIDER 165 è stato creato dal team di progettazione WIDER insieme allo yacht designer Fulvio De Simoni. Progettato per accogliere la lunga lista dei desideri dell’armatore, il WIDER 165 soddisfa i desideri degli spiriti più avventurosi, helipad incluso. Il WIDER 165 è stato progettato per aumentare il contatto dell’armatore con il mare, aumentando significativamente i volumi interni rispetto ad altri yacht a motore di dimensioni simili.
Il layout interno, disegnato da IdeaeItalia insieme all’architetto dell’armatore, include un ampio studio con terrazzino a babordo, palestra privata con terrazzino a dritta, una sauna nonché una spaziosa e luminosa cabina armatoriale con bagno privato.
A prua, una piattaforma di atterraggio elicottero e un’area relax circolare ricavata dalla sovrastruttura, di fronte a una vasca Jacuzzi, offrono uno spazio versatile che può trasformarsi in una pista da ballo per i party serali.
La caratteristica di spicco della gamma WIDER è l’ampio Beach Club: il WIDER 165 lo ha ulteriormente ampliato per includere uno spazio extra per una sauna e il WIDER 32, che abbiamo già visto sul WIDER 150. L'intero layout e l'arredo della nave sono stati studiati nei minimi dettagli per soddisfare e superare le esigenze del proprietario, ma riflettono anche chiaramente il desiderio del cantiere di offrire progetti personalizzati.

PROPULSIONE DIESEL ELETTRICA A BASSI CONSUMI

Il cuore pulsante del WIDER 165 è il suo sistema di propulsione diesel elettrica combinato con banchi di batteria ai polimeri di litio 544kWh e pod azimutali, che garantisce consumi di carburante estremamente ridotti. Quattro generatori diesel a velocità variabile, controllati dal sistema di gestione all’avanguardia denominato Power Management System e la più recente tecnologia in tema di batterie, servono le esigenze dell’hotel e di propulsione della nave. 
La tradizionale sala macchine ha lasciato il posto a una struttura più flessibile che permette di sfruttare la parte più nobile (quella centrale) dello scafo. La nuova architettura prevede l’istallazione di una Power Generator Room all’estrema prua mentre i banchi batterie LiPo sono in una Technical Room a poppa. Tutto questo è possibile perché l’energia viene trasferita ai pod azimutali grazie a un cavo flessibile che sostituisce i rigidi alberi motore.

WIDER 165 è dotato di un sistema propulsivo che utilizza pod azimutali. Rispetto alla configurazione con motori tradizionali, questo genera considerevoli vantaggi:
Più affidabilità
Efficienza nell’utilizzo di carburante
Ampliamento del range di navigazione
Pescaggio al minimo
Riduzione del rumore e delle vibrazioni
Manutenzione ridotta
Maggior flessibilità

Il sistema di propulsione è completamente modulare: WIDER 165 può navigare esclusivamente mediante le batterie in completa assenza di emissioni – ZEM (Zero Emission Mode) – oppure attraverso il diesel elettrico, dove fino a quattro generatori diesel alimentano i motori elettrici che trasferiscono potenza ai pod azimutali. Così lo yacht raggiunge maggiori velocità pur sempre contenendo i consumi.
A una velocità di crociera pari a 12,5 nodi si stima un range di navigazione di 3 100 miglia nautiche, che sale a 5 400 alla velocità eco di 10 nodi. La velocità massima di WIDER 165 è di 14.1 nodi. Navigando esclusivamente con le batterie, in Zero Emission Mode, la crociera è davvero silenziosa e la velocità è ridotta a 5 nodi. È la scelta ideale per i piccoli spostamenti e permette di non avviare i generatori e mollare gli ormeggi di mattino presto nella massima quiete.
A bordo, ogni forma d’energia è gestita dal Power Management System sviluppato da WIDER assieme a Nidec (precedentemente Emerson Industrial Automation), leader di mercato nel campo delle tecnologie energetiche. Il sistema è integrato completamente con il superyacht: amministra la corrente proveniente dalla banchina, quella dai generatori e dalle batterie per distribuirla tra hotel, sistema propulsivo e ricarica delle batterie, ogni volta calibrando le richieste specifiche.

COSTRUZIONE IN ALLUMINIO

Il design intelligente dello yacht si concentra sulla riduzione dei consumi e delle emissioni, massimizzando lo spazio di vita a bordo, senza sottovalutare l'importanza di una facile manutenzione. Per queste ragioni, il materiale scelto per l'intera costruzione del WIDER 165 è l’alluminio, un metallo nobile e resistente che, essendo particolarmente leggero, permette di aumentare il rapporto prestazioni/consumo dello yacht e di conseguire una notevole riduzione delle emissioni.
Oltre a ciò, l'alluminio è completamente riciclabile, e tutto questo aiuta a ridurre l’impatto della nave sull'ambiente. L’alluminio offre una maggiore libertà in fase di costruzione in quanto aumenta la possibilità di personalizzazione e riduce notevolmente i tempi di produzione. Questo materiale non è solo leggero, è anche resistente e flessibile, versatile, morbido ma robusto.
Grazie alla collaborazione con gli architetti coinvolti nel progetto, l’interior design resta fedele alla mission di WIDER di favorire la connessione dell’armatore e degli ospiti con il mare, in qualsiasi momento, attraverso l'uso di vetrate di grandi dimensioni, balconi apribili nelle murate, spaziose sale ed aree di intrattenimento esterne.
Gli architetti di IdeaeItalia hanno lavorato intensamente per ottenere spazi interni molto luminosi combinati a colori caldi, design lineare e pulito e un perfetto equilibrio tra legno, vetro e pelle, con alcuni dettagli ispirati alla cultura orientale che riflettono il gusto e il background dell’armatore.
I materiali sono il rovere sabbiato, travertino romano, pelli di prima qualità e marmi bianchi italiani, lavorati con maestria ed estrema eleganza. Questi sono stati elegantemente combinati risultando in uno stile contemporaneo dal tocco prettamente italiano. 
Tra le molte caratteristiche uniche a bordo del WIDER 165 da sottolineare la terrazza privata dell’armatore che si affaccia sul mare. Gli ospiti dispongono di quattro cabine con bagno sul ponte inferiore.
Al capitano è destinata un’ampia cabina sull’upper deck proprio di fianco all’area di comando. Per l’equipaggio di 11, quattro cabine gemelle e un’ampia sala mensa nel lower deck, sistemate ai lati di un corridoio centrale al cui termine si accede direttamente alla sala macchine, situata il più lontano possibile dagli alloggi degli ospiti. 


19/02/2018 17:45:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Torre del Greco pronta per il Campionato Nazionale Meteor

Si lavora con lena perché tutto sia pronto per la 46esima edizione del Campionato Nazionale Meteor, quest’anno ospitato del Circolo Nautico di Torre del Greco, in collaborazione con il Club Nautico della Vela e con la Lega Navale Italiana sez. di Napoli

Ambrogio Beccaria al via della Defì Atlantique

Una nuova sfida per Ambrogio Beccaria che, a bordo di Eärendil, è sulla linea di partenza della “Défì Atlantique”, una transatlantica di soli Class 40, dalla Guadalupa a La Rochelle, in Francia

Roma per 1: il "veterano" Oscar Campagnola teme la bonaccia più del vento

Oscar Campagnola è alla sua quinta partecipazione in solitario. Sabato e domenica prossima i corsi di sopravvivenza ad Anzio. La Garmin premierà con apparati inReach i vincitori di tutte e cinque le regate

Invernale Otranto: in testa c'è "Il Gabbiere"

La nona regata del campionato invernale ‘Più Vela Per Tutti’ che si è svolta domenica nelle acque di Otranto è stata la più impegnativa del campionato

A La Maddalena il progetto di formazione marinaresca "L'Aula sul Mare"

Il progetto "L'Aula sul Mare" vede la partecipazione di molti giovani studenti provenienti da tutta Italia che vivranno per sei giorni a bordo di imbarcazioni a vela d’altura

Marina di Loano: numeri da record nel 2018

Citata tra le dieci marine più belle a livello internazionale da “Yachting Pages”, nel 2018, Marina di Loano ha ottenuto dal RINA la certificazione MaRINA Excellence 24 Plus, i ‘5 Timoni’ e “50 Gold”

Torna a Pozzallo il premio internazionale "Trofeo del Mare"

Al Mediterraneo e al suo essere elemento di unione, legame indissolubile e centro propulsivo da cui si irradiano flussi e riflussi inarrestabili, è dedicato il “Trofeo del Mare

Sul Garda di Gargnano il 41° Trofeo Bianchi

Domenica il Circolo Vela Gargnano aprirà la sua stagione 2019 con il "41° Trofeo Roberto Bianchi" per le classi monotipo (Asso, Protagonist 7.5, Dolphin Mr) e stazza Orc (Offshore Vari)

Genova: Slow Fish al Porto Antico dal 9 al 12 maggio

Petrini: «Giovani di tutto il mondo, venite a Slow Fish e fatelo vostro»

Domenica 24 marzo è la Giornata Europea del Gelato Artigianale

Il gelato artigianale, delizia per i palati di ogni età e nazione, si prepara ad essere il protagonista indiscusso del primo weekend di primavera

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci