domenica, 19 agosto 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

microclass    vela oceanica    nacra 15    circoli velici    centomiglia    420    pesca    rs feva    fiv    attualità    les sables-les açores-les sables    mini 650    turismo    luna rossa    farr 40   

VOLVO OCEAN RACE

VOR: vantaggio Turn the Tide on Plastic

vor vantaggio turn the tide on plastic
redazione

La barca portacolori del progetto Clean Seas delle Nazioni Unite aveva scelto di portarsi più a est rispetto agli avversari, nella lunga risalita della costa brasiliana, guadagnando strada verso nord e verso la linea del traguardo di Newport, negli USA, ora distante circa 4.000 miglia.

Dee Caffari e il navigatore di Turn the Tide on Plastic, il francese Nico Lunven, hanno puntato sull’est nella speranza di trovare aria più fresca che permettesse loro di prendere un margine sugli avversari. E, quando si è entrati nel sesto giorno dell’ottava tappa, sembra che la scommessa abbia pagato, visto che il vantaggio sui secondi, i danesi/americani di Vestas 11th Hour Racing ha superato le 11 miglia al rilevamento delle posizioni delle 15.

Ciononostante, la navigazione non è stata semplice per Turn the Tide on Plastic che ha dovuto evitare, come hanno dovuto fare anche gli inseguitori, le grandi masse nuvolose dell’Atlantico meridionale che possono sempre rivelarsi fatali. 

“Ormai siamo entrati in una zona in cui l’aria ci permette di lascare le scotte e prendere più velocità, ma purtroppo le nuvole a volte remano contro.” Ha spiegato Dee Caffari. “La scorsa notte abbiamo passato circa otto ore sotto una nuvola con il vento che continuava a saltare, e sotto la pioggia. Abbiamo fatto moltissimi cambi di vele e i ragazzi sono rimasti svegli praticamente tutto il tempo. Anche adesso che ci siamo lasciati alle spalle quelle nuvole mostruose, ne arrivano di nuove continuamente. Alcune grandi, alcune piccole, ma tutte portano un salto di vento e alcune della pioggia. Abbiamo scelto una combinazione di vele che ci permette di avanzare bene quando c’è aria e di adattarci quando finiamo sotto l’ennesima nuvola. Ora dobbiamo cercare di rimanere veloci e nella direzione giusta. Facile a dirsi ma non a farsi quando le nuvole cercano di fermarti e gli altri potrebbero farsi sotto.”

A parte la massima concentrazione, l’umore a bordo di Turn the Tide on Plastic è ottimo. “Siamo davanti, è fantastico.” Ha detto con il solito entusiasmo la triestina Francesca Clapcich“Stiamo facendo una bella tappa, dobbiamo solo andare avanti così ancora per due settimane!”

I battistrada non sono i soli a soffrire per la meteo instabile dovuta alle formazioni nuvolose. Con il vento che passa dai 10 ai 30 nodi in pochi minuti, anche gli inseguitori possono restare vittime della situazione.“C’è un sacco di aria calda nella zona in cui siamo, che crea molta energia.” Ha spiegato il veterano inglese Rob Greenhalgh da bordo di MAPFRE, attualmente in sesta piazza. “Queste nuvole spuntano da tutte le parti e sono enormi. Speriamo che il peggio sia passato, le previsioni per le prossime 48 ore dicono che l’aria aumenterà e ci permetterà di navigare con angoli più veloci.”

Al rilevamento delle ore 15 italiane, MAPFRE aveva un distacco da Turn the Tide on Plastic di 48 miglia, ma era la barca più rapida della flotta con 16.2 nodi. “Non siamo messi male ma Turn the Tide sta avanzando bene, e continuerà a farlo.” Ha spiegato ancora Greenhalgh. “Speriamo che le cose cambino un po’ in modo da rifarci sotto.”

Contrariamente a quanto successo alla barca di Dee Caffari, Team Sun Hung Kai/Scallywag oggi ha pagato il prezzo dell’opzione estrema a ovest, accumulando un distacco di circa 50 miglia.


27/04/2018 20:55:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Mini 650, SAS: Ambrogio Beccaria domina tra i Serie

Ecco la sua prima intervista una volta a terra. Il milanese, ha vinto entrambe le tappe e ha conquistato il titolo di Campione di Francia di Course au Large

Prime multe per il divieto di pesca al tonno rosso

Lo scorso 9 agosto il ministero per le politiche agricole ha firmato un decreto che vieta la pesca del tonno rosso e la Capitaneria di Porto di Policoro ha subito applicato la nuova norma

Nacra 17: oro per l'Italia ai Mondiali di Aarhus

La coppia formata da Ruggero Tita e Caterina Banti ha vinto il titolo della classe Nacra 17 al termine della 'medal race' di oggi

Mondiali Aarhus: sei le classi qualificate per Tokio 2020

Triplete per Tita-Banti che aggiungono il titolo mondiale all'europeo e all'italiano già conquistati nel 2018

Alla scoperta della Messina misteriosa

Nelle date del 16 agosto 2018 e del 1 settembre 2018 due suggestivi Tour notturni per le vie cittadine, alla scoperta di itinerari insoliti, simboli misterici, leggende e miti

Gargnano festeggia l'argento di Waink e Gambarin

Ferragosto di festa al Circolo Vela Gargnano-lago di Garda grazie a Michelle Waink e Claudia Gambarin, vice campionesse d'Europa 29Er alle regate disputate sul mare finlandese di Helsinki

Verve Cup Offshore Regatta: Enfant Terrible è secondo a Chicago

Dopo quattro giorni di regate, e un totale di dieci prove disputate, si è chiusa a Chicago la Verve Cup Offshore Regatta, evento riservato alla classe Farr 40

Una Luna Rossa gommata Pirelli

Pirelli ha sottoscritto con Luna Rossa Challenge un accordo per realizzare una partnership che sarà finalizzata allo sviluppo del progetto pluriennale che porterà Luna Rossa a partecipare alla prossima edizione dell’America’s Cup

Europei RS Feva: tre equipaggi azzurri in Gold fleet

È terminata domenica 12 agosto dopo 6 prove la serie di qualifiche che hanno diviso la flotta in gold e silver al Campionato europeo Rs Feva

L'Oro delle Marche brilla in Lettonia

Protagonisti assoluti due giovani atleti della SEF Stamura: il 13enne Alessandro Graciotti, e la18enne Giorgia Speciale, che hanno conquistato due medaglie d'oro rispettivamente nel Techno293 juniores e nel TechnoPlus

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci