martedí, 16 ottobre 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

invernali    soldini    regate    circoli velici    vela olimpica    barcolana    melges 20    melges20    nautica    marevivo    j24   

VOLVO OCEAN RACE

VOR: Turn the Tide on Plastic prende il comando

vor turn the tide on plastic prende il comando
redazione

Il team guidato dalla skipper britannica Dee Caffari, di cui f parte anche l’italiana Francesca Clapcich, è riuscito a scavalcare Team Sun Hung Kai/Scallywag grazie a un’ottima condotta nelle arie leggerissime dei Doldrum, approfittando del minimo soffio di vento.

L’accelerazione, se così si può chiamare, da uno a quattro nodi è stato un cambio di programma molto apprezzato da Turn the Tide on Plastic dopo due giorni di avanzamento lento nell’emisfero meridionale. Al rilevamento delle posizioni delle ore 14 il team portabandiera delle Nazioni Unite aveva un vantaggio di 17 miglia. La barca non è nuova a buone prestazioni nella zona delle calme equatoriali, dove aveva già mostrato di sapersi districare nel corso della Leg 4 da Melbourne a Hong Kong. 

Quando si prevede che l’arrivo ad Auckland possa avvenire fra sei giorni, la cautela è d’obbligo, come ha detto il navigatore francese Nico Lunven: “Siamo primi, ma la posizione è calcolata sulla distanza ad Auckland e non ci arriveremo in linea retta”

I team nelle scorse 48 ore hanno dovuto scegliere dove posizionarsi per l’approccio all’arcipelago delle Vanuatu. Se e quando il vento arriverà, lo farà probabilmente entrando da est  e il guadagno di Turn the Tide on Plastic della scorsa notte dimostra come il team stia cercando di prendere il nuovo vento prima degli avversari. Tuttavia, come spigato da Lunven, le previsioni suggeriscono che la rotta più veloce passi a ovest della Nuova Caledonia, a circa 300 miglia a sud. Potrebbe dunque succedere che  Scallywag, 45 miglia più a ovest o team Akzonobel, ancora 15 miglia più a occidente, riescano a riprendere la leadership.

Dopo diversi giorni in prima piazza, vedere Turn the Tide on Plastic passare è stata una pillola amara da buttare già per l’equipaggio di David Witt. “Per noi si tratta di limitare i danni.” Ha detto da bordo di Scallywag Marcus Ashley Jones. “Speriamo di avere un po’ di fortuna e di trovare un po’ di vento. Siamo ancora vicini, nel match, ma è sempre deludente lasciare ad altri la prima posizione. ”

Oltre 80 miglia alle spalle dei battistrada Dongfeng Race Team e MAPFRE continuano nel loro duello. In alcuni momenti i due team, rispettivamente secondo e primo nella graduatoria generale, hanno navigato a distanza di pochi metri, dopo oltre 4.000 miglia dalla partenza di Hong Kong.

Sebbene le velocità oggi siano tornate a salire, i sei equipaggi dovranno dar prova di grande pazienza ancora almeno per 24 ore, prima di raggiungere la Nuova Caledonia e di poter accelerare nuovamente verso Auckland, grazie a venti più robusti.

Intanto nella City of Sails sono alle fasi finali i lavori di costruzione del Race Village, al celeberrimo Viaduct Basin, che aprirà le porte al pubblico il prossimo sabato.



Photo Credit: James Blake/Volvo Ocean Race


21/02/2018 15:55:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Barcolana: nella lotta tra ex la spunta Morning Glory (Spirit of Portopiccolo)

Vince Spirit of Portopiccolo, ovvero l'ex Morning Glory costruita nel 2006, davanti a CQS Tempus Fugit, ex Nicorette un 29,76 metri del 2004 e all'ex Maxi Iena Way of Live

FLASH - Oro per Giorgia Speciale alle Olimpiadi Giovanili di Buenos Aires

Giorgia Speciale ha dominato nella classe dei Techno 293 Plus femminile ed ha conquistato l'Oro alle Olimpiadi Giovanili di Buenos Aires

Barcolana, se non sono 2000 non ci si diverte

Superata la soglia dei 2000 iscritti. Spirit of Portopiccolo riconsegna la Coppa, ma è pronto a riprendersela.

Barcolana 50: prima regata per il Team MSC

Con MSC Team parte da Trieste l’esperienza velica della compagnia di navigazione con la barca classe Psaros33. In partnership con Marevivo, l’organizzazione dedicata alla conservazione marina, MSC promuoverà la passione e il rispetto per il mare

Olimpiadi Giovanili: la Speciale sempre in testa, Nicolò Renna sale al 2° posto

Nel Techno 293 Plus Giorgia Speciale scarta il terzo posto quale peggior risultato. Nicolò Renna vince una prova e sale al 2° posto in classifica

Olimpiadi Giovanili: arriva un altro oro con Sofia Tomasoni

Sofia Tomasoni (CV Windsurfing Club Cagliari) è la prima Campionessa Olimpica Giovanile della classe Kiteboard Twin Tip Racing femminile

Olimpiadi Giovanili: Speciale e Renna oggi in acqua per una medaglia

Appuntamento in acqua con primo segnale di avviso alle ore 12:00 locali (17:00 italiane) con le finali delle tavole a vela previste alle 12:05 (17:05 italiane) quella maschile e alle 12:45 (17:45 italiane) quella femminile

Olimpiadi Giovanili: buone notizie dalla vela azzurra

Sofia Tomasoni sale al 2° posto nei Kiteboard femminili, Nicolò Renna sempre 2° nei T293 maschili e Giorgia Speciale consolida il 1° posto nei T293 femminili

New Sardiniasail alla Barcolana

Ci sarà anche la Sardegna alla Barcolana, la regata più grande del mondo con Lima Fotodinamico dell'associazione New Sardiniasail che attraverso la vela punta al reintegro sociale di minori e giovani adulti con problematiche penali

Olimpiadi Giovanili: Argento per Nicolò Renna

L'atleta del Circolo Surf Torbole ha conquistato l'argento nella classe techno 293 plus maschile

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci