martedí, 26 marzo 2019


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

regate    rs feva    dinghy    press    vela olimpica    solidarietà    campionati invernali    circoli velici    garda    cnsm    formazione    figaro    trasporto marittimo    vela oceanica   

VOLVO OCEAN RACE

VOR: Team Brunel, con l’italiano Alberto Bolzan, vince la tappa più dura

vor team brunel con 8217 italiano alberto bolzan vince la tappa pi 249 dura
redazione

Team Brunel ha vinto la settima tappa del giro del mondo a vela in equipaggio, la più dura, lunga con le sue 7.600 miglia teoriche, e difficile dell’intero giro del mondo a vela, partita il 18 marzo da Auckland in Nuova Zelanda. Lo scafo, con Bouwe Bekking alla sua ottava partecipazione e alla guida di un equipaggio internazionale di cui fa parte anche il friulano Alberto Bolzan, è giunto sul traguardo posizionato nel golfo di Itajaì alle 16.45 e 18 secondi (ora italiana) dopo 16 giorni, 13 ore, 45 minuti e 18 secondi di navigazione, battendo i franco/cinesi di Dongfeng Race Team di soli 14 minuti e 50 secondi. Un finale, ancora una volta molto combattuto in condizioni di vento molto leggero, a tratti quasi inesistente, che ha visto le due barche combattere metro su metro in una lotta di nervi e di resistenza psicologica, fin sulla linea.

Con questa vittoria l’equipaggio di team Brunel ottiene ben 16 punti (14 per la vittoria+1 punto bonus per la tappa + 1 per il passaggio in testa a Capo Horn) facendo un balzo in classifica generale, portandosi dalla sesta alla terza posizione, a 37 punti. 

Una vittoria che ha un sapore però un po’ triste per la scomparsa in mare di John Fisher di Sun Hung Kai Scallywag in pieno Southern Ocean. “E’ stata una tappa epica.” Ha dichiarato Bekking dopo l’arrivo. “Ma siamo anche tristi, molto tristi perché il ricordo di John Fisher è nei nostri cuori. Ma abbiamo corso un’ottima tappa, il che ci dà molta fiducia.” Il veterano olandese ha voluto anche ringraziare il suo equipaggio dicendo: “I giovani hanno mostrato come si fa alle vecchie volpi in questa tappa, sono loro il futuro. Sono molto orgoglioso di come siano migliorati negli ultimi due mesi, ho sempre creduto nel nostro gruppo. Quando siamo partiti da Auckland ci siamo detti che dovevamo puntare al massimo. Ora siamo terzi in classifica, abbiamo visto succedere così tante cose strane in questa regata in passato e questo risultato è importante, un passo avanti verso l’arrivo a l’Aja.”

Per Team Brunel si tratta del primo successo in questa edizione della Volvo Ocean Race e oltre allo skipper a bordo festeggiano il primo successo naturalmente anche il nostro velista Alberto Bolzan, che si è anche tolto la soddisfazione di passare Capo Horn in prima posizione per la seconda volta consecutiva, dopo Alvimedica nel 2015, e il campione olimpico e di Coppa America neozelandese Peter Burling.

“Questa vittoria per noi è sicuramente molto positiva.” Ha detto l’italiano. “Per la classifica, perché è una tappa che vale doppio. E’ una svolta per la classifica generale, che ci fa ripartire, dopo l’ultimo posto ad Auckland. E’ stata una grande motivazione. Abbiamo trovato il giusto compromesso fra spingere ed essere conservativi nei momenti in cui serviva esserlo.” Sulla durezza della navigazione Bolzan ha dichiarato che: “Il momento più difficile è stato quello del passaggio di un fronte quando le condizioni erano molto dure ed è stato anche il momento in cui è arrivata la bruttissima notizia arrivata da Scallywag. Un momento davvero terribile, che ricorderò per tutta la vita.”

Seconda, meritata posizione per Dongfeng Race Team. Per l’equipaggio guidato dal transalpino Charles Caudrelier si tratta di un piazzamento preziosissimo perchè, se le cose in mare dovessero rimanere come sono oggi con MAPFRE quarto, i 12 punti guadagnati significherebbero la leadership della graduatoria generale. Anche Caudrelier, nell’intervista in diretta dopo l’arrivo ha voluto ricordare il velista britannico scomparso. “Naturalmente tutti noi pensiamo a quello che è successo a John su Scallywag, è una cosa che può succedere a noi velisti, non succede spesso ma quando si perde una vita è una cosa drammatica.”Caudrelier a proposito del piazzamento ha dichiarato. “E’ un risultato fantastico per noi, abbiamo sperato in una vittoria ma Brunel ha fatto una bella tappa, si merita di essere salito al terzo posto. Ha condotto nel sud, e questa tappa si gioca proprio al sud. Siamo riusciti a rientrare su MAPFRE dopo tanta frustrazione nella tappa precedente dove abbiamo perso punti stupidamente. Ma questa volta siamo riusciti a riprenderne e se Turn the Tide on Plastic riesce a stare davanti abbiamo una chance di prendere la leadership.” 

La terza barca attesa a Itajaì è team AkzoNobel di Simeon Tienpont, l’altro scafo con bandiera olandese, che secondo le ultime stime potrebbe tagliare il traguardo giovedì 5 aprile. In mare restano anche Turn the Tide on Plastic, della skipper Dee Caffari e con l’italiana Francesca Clapcich, e gli spagnoli di MAPFRE, il cui arrivo è previsto fra 3/4 giorni.

Ritirati dalla settima tappa sono Sun Hung Kai Scallywag, che ha raggiunto la costa cilena, e Vestas 11th Hour Racing che sta facendo rotta verso l’Argentina dopo il disalberamento e un pit-stop alle Isole Falkland.


03/04/2018 18:34:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Torre del Greco pronta per il Campionato Nazionale Meteor

Si lavora con lena perché tutto sia pronto per la 46esima edizione del Campionato Nazionale Meteor, quest’anno ospitato del Circolo Nautico di Torre del Greco, in collaborazione con il Club Nautico della Vela e con la Lega Navale Italiana sez. di Napoli

Ambrogio Beccaria al via della Defì Atlantique

Una nuova sfida per Ambrogio Beccaria che, a bordo di Eärendil, è sulla linea di partenza della “Défì Atlantique”, una transatlantica di soli Class 40, dalla Guadalupa a La Rochelle, in Francia

Roma per 1: il "veterano" Oscar Campagnola teme la bonaccia più del vento

Oscar Campagnola è alla sua quinta partecipazione in solitario. Sabato e domenica prossima i corsi di sopravvivenza ad Anzio. La Garmin premierà con apparati inReach i vincitori di tutte e cinque le regate

Invernale Otranto: in testa c'è "Il Gabbiere"

La nona regata del campionato invernale ‘Più Vela Per Tutti’ che si è svolta domenica nelle acque di Otranto è stata la più impegnativa del campionato

A La Maddalena il progetto di formazione marinaresca "L'Aula sul Mare"

Il progetto "L'Aula sul Mare" vede la partecipazione di molti giovani studenti provenienti da tutta Italia che vivranno per sei giorni a bordo di imbarcazioni a vela d’altura

Marina di Loano: numeri da record nel 2018

Citata tra le dieci marine più belle a livello internazionale da “Yachting Pages”, nel 2018, Marina di Loano ha ottenuto dal RINA la certificazione MaRINA Excellence 24 Plus, i ‘5 Timoni’ e “50 Gold”

Torna a Pozzallo il premio internazionale "Trofeo del Mare"

Al Mediterraneo e al suo essere elemento di unione, legame indissolubile e centro propulsivo da cui si irradiano flussi e riflussi inarrestabili, è dedicato il “Trofeo del Mare

Sul Garda di Gargnano il 41° Trofeo Bianchi

Domenica il Circolo Vela Gargnano aprirà la sua stagione 2019 con il "41° Trofeo Roberto Bianchi" per le classi monotipo (Asso, Protagonist 7.5, Dolphin Mr) e stazza Orc (Offshore Vari)

Genova: Slow Fish al Porto Antico dal 9 al 12 maggio

Petrini: «Giovani di tutto il mondo, venite a Slow Fish e fatelo vostro»

Domenica 24 marzo è la Giornata Europea del Gelato Artigianale

Il gelato artigianale, delizia per i palati di ogni età e nazione, si prepara ad essere il protagonista indiscusso del primo weekend di primavera

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci